Scritto: Domenica, 03 Aprile 2022 02:10 Ultima modifica: Lunedì, 04 Aprile 2022 06:40

Transporter-4 sfida il temporale


La SpaceX ha lanciato venerdì 1° aprile 2022 un satellite di mappatura ambientale tedesco assieme ad altri 39 veicoli spaziali co-passeggeri, schivando i temporali vicino a Cape Canaveral che minacciavano di lasciare il razzo Falcon 9 a terra.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto il decollo del razzo Falcon 9 per la missione Transportar-4.
Nella foto il decollo del razzo Falcon 9 per la missione Transportar-4.
Credito: Ken Kremer

 La missione condivisa, denominata Transporter 4, è decollata alle 12:24:17 a.m. EDT (le 18:24 italiane) dal pad 40 presso la Cape Canaveral Space Force Station. I meteorologi inizialmente avevano previsto solo il 30% di possibilità che il tempo sarebbe stato accettabile per il lancio di venerdì, ma SpaceX ha proceduto con il conto alla rovescia e le nuvole si sono alzate quel tanto che bastava per rendere sicuro il decollo del Falcon 9 dalla Space Coast della Florida.

 I nove motori principali Merlin 1D hanno accelerato fino a produrre 711 tonnellate di spinta e le morse idrauliche si sono aperte per rilasciare il razzo Falcon 9 (alto 70 metri) che ha così iniziato una fragorosa scalata nello spazio. Il lanciatore è scomparso tra le nuvole basse pochi secondi dopo, ma le telecamere a bordo del Falcon 9 hanno trasmesso viste spettacolari del volo del razzo. Il booster del primo stadio ha spento i motori e si è separato dallo stadio superiore del Falcon 9 a circa due minuti e mezzo dall'inizio della missione, iniziando poi una discesa verso la nave drone di SpaceX "Just Read the Instructions" piazzata nell'Oceano Atlantico. Il booster - numero di matricola B1061 nella flotta di SpaceX - ha così superato il suo settimo volo/atterraggio. E' la quinta volta che un booster raggiunge i sette voli. B1061 aveva precedentemente supportato le missioni Crew-1, Crew-2, SiriusXM-8, SpaceX CRS-23, IXPE della NASA e Starlink Group 4-7.

 Il secondo stadio, nel frattempo, ha spinto i 40 carichi utili della missione su un'orbita polare a più di 650 chilometri sopra la Terra. Il motore dello stadio superiore ha guidato il razzo dal suo percorso iniziale a sud-est di Cape Canaveral verso una traiettoria a sud lungo la costa orientale della Florida, mirando a un'orbita polare evitando il sorvolo di città popolate nel sud della Florida. Il razzo ha rilasciato i suoi primi tre carichi utili tra 14 e 18 minuti dopo il lancio, incluso il satellite tedesco di imaging iperspettrale EnMAP, il più grande veicolo spaziale che si trovava a bordo della missione Transporter 4. Altre due accensioni da parte del motore dello stadio superiore, ciascuna della durata di uno o due secondi, hanno manovrato il razzo su un'orbita inferiore a circa 500 chilometri di altitudine e regolato la sua inclinazione orbitale da 97,9 gradi a 97,4 gradi rispetto all'equatore. Ciò ha posto le basi per il rilascio dei carichi utili rimanenti.

 SpaceX ha confermato che tutti i 40 veicoli spaziali si sono separati dal razzo circa 86 minuti dopo il decollo e i funzionari hanno dichiarato il successo della missione. La missione ha segnato il 146esimo volo di un razzo Falcon 9 da quando il lanciatore di SpaceX ha debuttato nel giugno 2010 e il 12esimo Falcon 9 lanciato quest'anno. Si è trattato anche del 34esimo lancio orbitale del 2022, il 33esimo a concludersi con successo.

 Si è trattato anche il quarto lancio in condivisione dedicato di SpaceX a trasportare una flottiglia di carichi utili per startup commerciali e governi stranieri. I 40 carichi utili della missione Transporter 4 includevano veicoli spaziali di varie dimensioni, oltre a "carico utile ospitato non dispiegabile e un veicolo di trasferimento orbitale che trasportava veicoli spaziali da rilasciare in un secondo momento," ha affermato SpaceX.

spacex f9 trasnporter4 enmap clean room

Nella foto il satellite EnMAP nella clean room di Brema, in Gemania, pronto per essere inviato a Cape Canaveral per il lancio con la missione Transportar-4. Credito: OHB/H. von der Fecht

 Un satellite di osservazione tedesco da una tonnellata, chiamato Environmental Mapping and Analysis Program, o EnMAP, era piazzato in cima a una pila di microsatelliti, CubeSat e "picosat" ancora più piccoli per il viaggio orbitale di venerdì. EnMAP era il più grande del gruppo, con un peso di circa 980 chilogrammi e le dimensioni di un'auto compatta, facendo impallidire i suoi co-passeggeri nella missione Transporter 4. Il progetto EnMAP è gestito da DLR, l'agenzia spaziale tedesca, che per prima ha approvato lo sviluppo del satellite nel 2006. Il lancio di EnMAP è stato ritardato di un decennio a causa di problemi tecnologici e ingegneristici, principalmente associati al sofisticato strumento di imaging del satellite. Il satellite esplorerà la superficie terrestre con un telescopio e due spettrometri sintonizzati per vedere la luce solare riflessa da terra, laghi, fiumi e oceani in 242 colori.

 "EnMAP è un satellite che acquisisce immagini della Terra," ha affermato Sebastian Fischer, il responsabile della missione di DLR. “Tuttavia, un'immagine viene normalmente registrata in tre diversi colori: rosso, verde e blu. La cosa unica di EnMAP è che non si concentra solo su questi tre colori, ma la luce è suddivisa in moltissime gamme di lunghezze d'onda molto piccole". I dettagli extra possono dire a scienziati, politici, aziende, agricoltori e silvicoltori sullo stato dell'ambiente, fornendo informazioni sulla salute della vegetazione e sull'inquinamento dell'acqua. Con EnMAP, "abbiamo un'immagine separata per ogni intervallo di lunghezze d'onda, che possiamo quindi analizzare," ha affermato Fischer. "E possiamo rilevare, ad esempio, se una pianta non ha acqua a sufficienza o se mancano nutrienti".

 Il veicolo spaziale EnMAP e il suo strumento di imaging iperspettrale sono stati costruiti dalla compagnia spaziale tedesca OHB. In origine, il piano era di inviare EnMAP in alto su un volo dedicato su un razzo più piccolo, come il PSLV indiano o il lanciatore europeo Vega, ha detto Fischer. Ma il programma di condivisione di viaggi di SpaceX ha offerto a EnMAP un passaggio nello spazio al momento giusto. “ "In un momento in cui nel mercato dei lanciatori non è troppo facile preparare un lancio velocemente per la tua missione, siamo stati in grado di trovare con SpaceX un servizio di lancio che si adattava perfettamente al nostro programma, e questo è stato uno dei motivi principali per la scelta," ha dichiarato Fischer. Nessuno degli altri razzi sul mercato del lancio commerciale ha offerto un volo che si adattasse al programma di EnMAP. "Preferiamo avviarlo il prima possibile piuttosto che ritardare ulteriormente il programma," ha affermato Fischer in un'intervista a Spaceflight Now.

spacex f9 transporter4 stack

Nella foto i satelliti della missione Trasnporter-4 prima di essere racchiusi nell'ogiva protettiva. In alto il satellite più grande della missione, il tedesco EnMAP. Credito: SpaceX

 SpaceX ha annunciato il suo servizio di lancio di piccoli satelliti in condivisione nel 2019. Ha lanciato la prima missione Transporter il 24 gennaio 2021, con un record di 143 satelliti su un singolo razzo. La missione Transporter 2 il 30 giugno 2021 ha portato in orbita 88 carichi utili e Transporter 3 è stato lanciato il 13 gennaio con 105 veicoli spaziali. La lista dei carichi utili per Transporter 4 era stata ridotta a 40 veicoli spaziali, ma ciò era dovuto principalmente alla presenza di EnMAP nella missione. Il satellite era più pesante di qualsiasi satellite SpaceX ha volato in una qualsiasi delle precedenti missioni Transporter e il Falcon 9 ha consegnato EnMAP a un'orbita più alta rispetto ai lanci di rideshare passati.

 SpaceX intende lanciare fino a quattro voli ridehsare dedicati sui razzi Falcon 9 quest'anno, raddoppiando il tasso di lanci di Transporter da circa uno ogni sei mesi a uno ogni tre o quattro mesi. Il prossimo lancio condiviso, Transporter 5, era previsto per il decollo il 1° giugno da Cape Canaveral ma è stato recentemente trasferito alla Space Force Base di Vandenberg, in California. C'è una forte domanda per il servizio di lancio condiviso. Diversi clienti di SpaceX hanno affermato che il prezzo per uno slot in una missione Transporter non ha eguali nel settore dei lanci. Sul suo sito Web, SpaceX afferma di addebitare ai clienti un minimo di 1,1 milioni di dollari per lanciare un carico utile di 200 chilogrammi su un volo dedicato in condivisione verso l'orbita sincrona con il Sole. Il prezzo è consentito dalle riduzioni dei costi derivanti dal riutilizzo dell'hardware del razzo Falcon 9.

 All'inizio di questo mese, SpaceX ha aumentato i suoi prezzi di lancio condiviso del 10%, da 1 milione a 1,1 milioni di dollari per un carico utile di 200 chilogrammi, giustificandosi con i "livelli eccessivi di inflazione". La società ha aumentato il prezzo di lancio standard dedicato di Falcon 9 da 62 milioni a 67 milioni di dollari per lo stesso motivo. Fischer ha rifiutato di rivelare il prezzo di lancio di SpaceX per EnMAP, ma ha affermato che la spesa è stata inclusa nel budget totale della missione di circa 300 milioni di euro, che include anche cinque anni di operazioni in orbita. Il budget di EnMAP era originariamente fissato a 90 milioni di euro.

 La navicella spaziale EnMAP era arrivata a Cape Canaveral dalla Germania alla fine di febbraio a bordo di un aereo cargo russo Ilyushin Il-76, atterrando in Florida pochi giorni prima che il governo degli Stati Uniti bandisse gli aerei russi dallo spazio aereo degli Stati Uniti dopo l'invasione russa dell'Ucraina. Gli ingegneri hanno verificato che il veicolo spaziale ha resistito al suo viaggio transatlantico, quindi a metà marzo hanno rifornito EnMAP con carburante idrazina. "È stata un po' una sfida portare EnMAP in una missione di condivisione del viaggio perché è un grande satellite con molte cose che dovevamo fare sul sito di lancio per controllare tutte le funzioni del satellite," ha detto Fischer. “Ma devo dire che è andato tutto molto bene. L'intera campagna di lancio non è stata ritardata di un giorno".

 SpaceX ha incapsulato EnMAP e i suoi 39 passeggeri all'interno della carenatura del carico utile del razzo Falcon 9 la scorsa settimana, quindi ha integrato il vano di carico utile con il resto del lanciatore. Le squadre di terra hanno trasportato il Falcon 9 dal suo hangar al pad 40 della Cape Canaveral Space Force Station, quindi hanno sollevato il razzo in verticale giovedì pomeriggio in preparazione per l'opportunità di lancio di venerdì.

spacex f9 trasnporter4 landing 01042022

Nell'immagine, tratta dal webcast della missione, il primo stadio B1061 appena atterrato sulla nave drone. Credito: SpaceX

 Secondo Fischer EnMAP è stata la prima navicella spaziale ad essere rilasciare dal razzo Falcon 9 per limitare i carichi strutturali sul satellite durante la separazione degli carichi utili. Le squadre di terra tedesche hanno stabilito un contatto con EnMap attraverso una stazione di localizzazione alle Svalbard, in Norvegia, circa un'ora dopo la separazione dal Falcon 9. Dopo due settimane di controlli e attivazioni, lo strumento di EnMAP sarà calibrato e messo in servizio prima che il satellite inizi la sua missione operativa nel periodo di settembre.

 Capace di raccogliere spettri nelle bande di luce visibile e infrarossa, EnMAP vedrà i dettagli delle superfici della Terra invisibili all'occhio umano, colmando una lacuna nelle missioni di osservazione della Terra, secondo Walther Pelzer, capo di DLR e membro del consiglio di amministrazione di DLR. "Siamo quindi in grado di determinare le impronte digitali di diversi materiali o il comportamento di determinate superfici, in particolare quelle naturali, quindi l'agricoltura e le foreste," ha affermato Fischer. I dati potrebbero dire agli agricoltori dove irrigare o fertilizzare le loro colture e identificare i tipi di colture coltivate nei campi di tutto il mondo, all'interno di zone di appena 30 metri di lato. "Questa informazione è ovviamente importante per poter garantire la situazione alimentare in futuro con una popolazione mondiale in aumento," ha affermato Pelzer. La missione misurerà anche la crescita e l'inquinamento delle alghe nelle acque interne e costiere.

 I dati EnMAP saranno rilasciati agli scienziati entro pochi giorni e gratuitamente. La missione non è progettata per osservare continuamente, ma può acquisire dati nella stessa regione ogni quattro giorni, sfruttando la capacità del veicolo spaziale di puntare a 30 gradi su entrambi i lati della sua traiettoria terrestre. Una volta che EnMAP si è sganciato dal Falcon 9, il razzo ha rilasciato altri due carichi utili: un piccolo veicolo spaziale chiamato LEO-1 per una compagnia statunitense chiamata Omnispace e il satellite di monitoraggio atmosferico GNOMES 3, da 40 chilogrammi, per il monitoraggio atmosferico di occultamento radiofonico per una società con sede in Colorado denominata PlanetiQ.

 Dopo essersi spostato nell'orbita inferiore, il Falcon 9 ha rilasciato il resto dei carichi utili del Transporter. Gli altri carichi utili includevano cinque veicoli spaziali per la flotta commerciale di osservazione della Terra di Satellogic, portando la costellazione della compagnia argentina a 22 satelliti. Uno dei satelliti Satellogic "NewSat" lanciato su Transporter 4 è un modello di veicolo spaziale aggiornato con una fotocamera migliorata e computer di bordo.

spacex f9 trasnporter4 satellite release 01042022

Nell'immagine, tratta dal webcast della missione, uno dei satelliti mentre viene rilasciato dal dispenser del secondo stadio del Falcon 9. Credito: SpaceX

 C'erano tre veicoli spaziali in formazione sul lancio del Transporter 4 per HawkEye 360, una società statunitense che sta realizzando una costellazione di satelliti per rilevare e localizzare la sorgente dei segnali radio terrestri. HawkEye 360 afferma che i suoi satelliti di monitoraggio RF hanno recentemente rilevato interferenze GPS in Ucraina mentre le forze militari russe invadevano il paese. Secondo Charles Miller, Amministratore Delegato dell'azienda, Lynk Global, una società con sede in Virginia che sviluppa tecnologie per connettere telefoni cellulari standard tramite satelliti, ha lanciato il suo sesto veicolo spaziale nella missione Transporter 4. Chiamato Lynk Tower 1, è il primo satellite coperto dalla domanda di Lynk Global per il servizio commerciale con la Federal Communications Commission.L'azienda definisce la sua tecnologia come una torre cellulare nello spazio, che fornisce connettività bidirezionale per banda larga, voce e messaggi di testo in qualsiasi parte del mondo. La Lynk Tower 1 aveva un peso di lancio di circa 60 chilogrammi, ha detto Miller a Spaceflight Now.

 Altri satelliti della missione Transporter 4 includevano MP42, un nuovo progetto per una piattaforma di microsatelliti sviluppata da NanoAvionics in Lituania. Il BRO-7 CubeSat, delle dimensioni di una piccola valigetta, è stato lanciato per la startup francese UnseenLabs, che sta mettendo in campo una costellazione di satelliti per la sorveglianza marittima. Il Norwegian Defense Research Establishment, un braccio di ricerca dell'esercito norvegese, ha lanciato il CubeSat a sei unità ARCSAT per dimostrare le comunicazioni tattiche UHF nel Mare del Nord e nella regione artica. La missione Transporter 4 ha anche lanciato un CubeSat chiamato BDSAT dalla Repubblica Ceca per una missione di dimostrazione tecnologica, il CubeSat educativo e tecnologico AlfaCrux dell'Università di Brasilia in Brasile e un piccolo satellite della startup indiana di telerilevamento Pixxel chiamato Shakuntala.

 C'erano anche 12 minuscoli "picosatelliti" nella missione Transporter 4 per Swarm Technologies, una società di proprietà di Space. Swarm sta sviluppando un sistema di comunicazione satellitare a bassa velocità di trasmissione dati. Ciascuno dei satelliti Swarm ha le dimensioni di una fetta di pane.

spacex f9 transporter4 kleos

Nella foto uno dei satelliti Kleos lanciato nello spazio venerdì 1° aprile. Credito: D-Orbit

 Anche un satellite per la compagnia italiana D-Orbit è stato rilasciato dal razzo Falcon 9 nella missione Transporter 4. Il veicolo portante satellitare ION di D-Orbit è volato via dal Falcon 9 e nelle prossime settimane rilascerà sette veicoli spaziali più piccoli. I carichi utili a bordo di D-Orbit includono quattro veicoli spaziali della Kleos Space del Lussemburgo. Kleos ha stipulato un contratto con Spaceflight, un broker di lanci condivisi, per la missione Transporter 3 di SpaceX a gennaio, ma i satelliti avevano mancato quel lancio.

 Spaceflight ha collaborato con D-Orbit per lanciare i satelliti Kleos su Transporter 4. Kleos afferma che i suoi satelliti possono rilevare e geolocalizzare le trasmissioni a radiofrequenza, fornendo informazioni sull'attività marittima a governi e clienti commerciali. La missione Kleos è simile ai tre veicoli spaziali HawkEye 360 che hanno volato anch'essi con Transporter 4. Anche tre CubeSat cileni costruiti dall'università stanno viaggiando sul modulo vettore satellitare di D-Orbit e un carico utile che rimarrà attaccato al veicolo ION trasporta piccoli oggetti da quattro clienti di Upmosphere, una startup italiana che offre alloggi ai clienti per riporre ricordi personali in scatole di legno per un volo in orbita.

Letto: 397 volta/e Ultima modifica Lunedì, 04 Aprile 2022 06:40

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 dicembre. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB