Scritto: Domenica, 11 Luglio 2021 23:04 Ultima modifica: Lunedì, 12 Luglio 2021 05:13

Unity22 apre la via del turismo suborbitale


Diciassette anni dopo il volo del veicolo SpaceShipOne, oggi la Virgin Galactic ha mantenuto l'impegno di Sir Richard Branson, volando ad oltre 85 km sopra la Terra con quattro passeggeri a bordo, fra i quali l'imprenditore stesso.

Rate this item
(3 votes)
Nell'immagine, tratta dal webstream, la SpaceShipTwo VSS Unity mentre s'innalza verso i confini dell'atmosfera. Nell'immagine, tratta dal webstream, la SpaceShipTwo VSS Unity mentre s'innalza verso i confini dell'atmosfera. Crediti: Virgin Galatic

 Diciassette anni dopo che Sir Richard Branson ha visto lo SpaceShipOne vincere l'Ansari X-Prize, l'imprenditore e miliardario inglese è volato a bordo del veicolo successore, noto come SpaceShipTwo, parte di un equipaggio di sei persone, gli altri sono dipendenti Virgin Galactic, in un volo suborbitale. Il volo, noto come missione 'Unity22', è avvenuto domenica 11 luglio da Spaceport America, vicino a Truth or Consequences, in New Mexico. Il veicolo SpaceShipTwo, VSS Unity, era appeso sotto l'aereo madre, appositamente costruito e noto come WhiteKnightTwo VMS Eve, che è decollato dalla pista lunga 3.600 metri di Spaceport America alle 8:40 a.m. MDT (le 16:40 ora italiana). Una volta che VMS Eve, pilotato dall'ex astronauta dello Shuttle CJ Sturckow e dal pilota collaudatore Kelly Latimer, ha raggiunto l'altitudine di rilascio, sopra i 13.700 metri, sono stati eseguiti vari controlli del sistema sia su VMS Eve che su VSS Unity e l'aereo abbinato ha volato girando intorno a Spaceport America prima del rilascio. VMS Eve ha quindi lasciato cadere VSS Unity alle 9:25 a.m. MDT (le 17:25 italiane) al quale ha seguito l'accensione del motore a razzo a propellente ibrido dello spazioplano, durata sessanta secondi durante una ripida salita verso l'alto. Una volta che il motore a razzo di VSS Unity si è spento, lo slancio del veicolo spaziale lo ha portato a un'altitudine massima di 85,9 chilometri. Questo è al di sopra dell'altitudine minima di 80 chilometri richiesta dalla US Air Force, dalla NASA e dalla FAA per garantire le 'ali' agli astronauti, ed è al di sopra dell'atmosfera percepibile. Questo apogeo, o altitudine massima, è però al di sotto del confine dello spazio riconosciuto dalla Federation Aeronautique Internationale (FAI), fissato a 100 chilometri, che SpaceShipOne aveva attraversato due volte per rivendicare l'X-Prize nel 2004. Il veicolo ha trascorso circa tre minuti in ambiente di microgravità, con l'equipaggio che valutava l'esperienza e osservava la Terra e lo spazio dai 17 oblò di cui è dotato il veicolo, prima di riallacciarsi ai sedili per la fase di rientro. La VSS Unity ha viaggiato a una velocità intorno a Mach 3, tre volte la velocità del suono, durante il rientro atmosferico, che è una velocità molto più bassa di un veicolo orbitale appena prima del rientro, quindi non è necessaria una schermatura termica estesa per la SpaceShipTwo.

vg unity22 inside cabin 11072021

Nell'immagine i quattro passeggeri, all'interno della cabina della VSS Unity durante la fase di caduta libera. Crediti: Virgin Galatic

 Una volta che VSS Unity ha raggiunto un'altitudine inferiore e con un'atmosfera più densa, i bracci di coda sono tornati alla loro posizione originale e i piloti Dave Mackay e Mike Masucci hanno guidato lo spazioplano nellai planata verso Spaceport America. La VSS Unity ha volato in planata senza motore, senza possibilità di riattaccata, mentre si allineava con la pista. Il carrello di atterraggio, un pattino sul muso e due ruote sotto le ali, è stato abbassato prima che Unity atterrasse sulla pista 34 e frenato fino all'arresto, ad appena 500 metri dal fine pista. I membri dell'equipaggio di Unity22 sono persone esperte nei vari aspetti di Virgin Galactic, e alcuni di loro hanno già volato a bordo di VSS Unity. Il pilota capo della Virgin Galactic Dave Mackay, di Helmsdale, in Scozia, era un pilota della Royal Air Force Harrier, oltre a pilotare un centinaio di aerei diversi. Dopo la sua carriera militare, Mackay ha volato come capitano di aerei di linea Boeing 747 e Airbus A340 per Virgin Atlantic prima del suo attuale lavoro con Virgin Galactic e ha registrato oltre 11.000 ore di volo. Mackay è stato uno dei piloti che hanno pilotato il VSS Enterprise, la prima SpaceShipTwo costruita, e ha volato nello spazio il 22 febbraio 2019 a bordo di VSS Unity, diventando la 569esima persona, e il primo scozzese, a volare sopra gli 80 chilometri di altitudine. Mike "Sooch" Masucci era un tenente colonnello dell'aeronautica statunitense che ha pilotato aerei da ricognizione U-2 in missioni di combattimento operative e oltre 80 altri tipi di aerei. Si è laureato presso la US Air Force Test Pilot School presso la base aeronautica di Edwards, in California, e in seguito è stato istruttore e capo filiale. Dopo la sua carriera militare, è stato pilota per XOJET pilotando jet d'affari Cessna Citation X prima di entrare in Virgin Galactic. Ha oltre 10.000 ore di volo ed è il pilota addestratore principale di Virgin Galactic. Masucci è stato uno dei piloti di Unity VF-01, insieme a Dave Mackay, nel febbraio 2019, insieme all'istruttore di astronauti Virgin Galactic Beth Moses. Il volo raggiunse un apogeo di 89,9 km e Masucci divenne la 570esima persona a volare sopra gli 80 chilometri, con Moses che divenne la 571esima. Beth Moses, di Northbrook, Illinois, si è laureata alla School of Aeronautics and Astronautics della Purdue University ed è entrata a far parte della NASA come ingegnere nell'ufficio progetti EVA presso il Johnson Space Center. È stata responsabile dell'assemblaggio per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e ha guidato i test umani nel ciclo per l'assemblaggio della ISS prima di entrare in Virgin Galactic, dove ora è responsabile dell'addestramento degli astronauti e del programma nella cura degli interni. A bordo del volo Unity VF-01, Moses è diventata la prima donna a guadagnare lo status di astronauta commerciale ed è diventata anche la prima persona a slacciarsi e fluttuare all'interno di una cabina passeggeri durante il volo suborbitale mentre valutava l'esperienza del passeggero.

vg unity22 prefligh crew 11072021

Nella foto i passeggeri di Unity22, da sinistra Bennet, Moses, Bandla e Branson, prima di salire a bordo dello spazioplano. Crediti: Virgin Galatic

 Come Beth Moses, Sirisha Bandla è un'allieva della Purdue's School of Aeronautics and Astronautics. Nato a Guntur, Andhra Pradesh, India, Bandla era un ingegnere aerospaziale presso L-3 e un direttore associato per la Commercial Spaceflight Foundation. È entrata in Virgin Galactic nel 2015 ed è attualmente Vice President of Governmental Affairs and Research Operations della società. Questo è stato il primo volo suborbitale di Bandla. A bordo dell'Unity22, Bandla ha gestito l'esperimento dell'impianto di microgravità dell'Università della Florida che le richiede di gestire i tubi di fissaggio dell'esperimento in vari punti del volo. Questo è stato fatto per valutare l'esperienza di ricerca in volo. Bandla sarebbe la seconda donna nata in India e la terza donna americana di origine indiana a volare sopra il confine dello spazio riconosciuto dalla FAA. Colin Bennett, di Clevedon, Inghilterra, si è laureato all'Università di Liverpool con un master in ingegneria aerospaziale e ha lavorato per QinetiQ e Virgin Atlantic come ingegnere prima di entrare in Virgin Galactic, dove attualmente è ingegnere capo delle operazioni. Questo è stato anche il primo volo suborbitale di Bennett. A bordo dell'Unity22, Bennett ha valutato l'equipaggiamento di cabina e l'esperienza durante il volo. Il terzo membro dell'equipaggio di origine britannica su questo volo è il fondatore di Virgin Galactic. Sir Richard Branson, nato a Blackheath, Londra, Inghilterra, ha provato diverse iniziative imprenditoriali in gioventù prima di fondare la Virgin Records nei primi anni '70 come nuova etichetta discografica a causa del suo interesse per la musica e per la canzone "Tubular Bells" di Mike Oldfield. Alla fine degli anni '70, Branson era già milionario. Mentre la sua ricchezza si stava accumulando, ha fondato la Virgin Atlantic Airways nel 1984, che ha sfidato British Airways nel mercato transatlantico ed è diventata una compagnia aerea di successo. Il Gruppo Virgin si è espanso in molte aree di business, inclusa la fondazione di Virgin Galactic nel 2004. Su questo volo, Branson ha valutato l'esperienza del passeggero battendo, di nove giorni, il collega miliardario Jeff Bezos per il volo oltre il confine spaziale riconosciuto dagli Stati Uniti di 80 chilometri. Spera di essere il primo di molti viaggiatori benestanti a bordo della VSS Unity e delle sue navi gemelle successive; c'è un elenco di seicento persone provenienti da sessanta paesi che avevano pagato depositi per volare su Virgin Galactic prima del 2018, insieme agli interessi di migliaia di persone dopo la ripresa della vendita dei biglietti all'inizio dello scorso anno.

vg unity22 takeoff 11072021

Nell'immagine il decollo dell'aereo madre WK2 con VSS Unity per il volo dell'11 luglio 2021. Crediti: Virgin Galatic

 Dopo che SpaceShipOne vinse l'X-Prize nel 2004, vi fu un grande interesse pubblico nella prospettiva del turismo spaziale e Virgin Galactic è stata tra una serie di aziende che hanno iniziato a lavorare su questo interesse. Branson e Virgin Galactic hanno collaborato con Burt Rutan e Scaled Composites per sviluppare la nave successiva, chiamata SpaceShipTwo, che si sarebbe basata sui concetti di progettazione utilizzati da SpaceShipOne, incluso un motore ibrido alimentato da protossido di azoto liquido e un combustibile solido a base di gomma, per combinare le migliori caratteristiche dei motori a combustibile liquido e solido. Purtroppo la fase di sperimentazione e test fu lunga e più difficile del previsto, alla luce anche del mortale incidente del 2007 che uccise tre tecnici della Scaled durante un test di un motore. Nel dicembre 2009 venne finalmente presentata VSS Enterprise, la prima SpaceShipTwo ed iniziarono i voli di collaudo. I test furono lunghi ed il primo volo con accensione del motore avvenne solo nell'aprile 2013. Seguirono altri due voli con accensione del motore non superiori a 20 secondi a settembre 2013 e gennaio 2014. Intanto i tecnici decisero di modificare il propellente solido del motore scegliendone uno a base di nylon per raggiungere migliori prestazioni. Il nuovo motore fu pronto nell'autunno 2014 ed il 31 ottobre 2014 i piloti di Scaled Composite Peter Siebold e Michael Alsbury eseguirono il primo volo propulso in nove mesi. VMS Eve raggiunse la quota di rilascio di 14.300 metri e lasciò cadere la VSS Enterprise, che accese il suo nuovo motore ed iniziò la salita. Undici secondi dopo, l'Enterprise si spezzò a mezz'aria ei suoi resti furono sparsi sul deserto della California, in un campo di detriti lungo 55 chilometri. Michael Alsbury rimase ucciso nell'incidente, diventando la prima vittima di un volo spaziale dal disastro della Columbia del 2003, mentre Peter Siebold sopravvisse mentre l'aereo si disintegrava intorno a lui ed era ancora al suo posto. Siebold riuscì a paracadutarsi a terra gravemente ferito ma riuscì a cavarsela. La NTSB identificò nell'apertura anticipata della rotazione delle ali, eseguita in anticipo dal copilota Alsbury, la causa dell'incidente. Dopo questo brutto stop la Virgin Galactic modificò alcuni sistemi di sicurezza per impedire che questo potesse succedere nuovamente.

vg unity22 landing 11072021

Nell'immagine, tratta dal webstream, la SpaceShipTwo VSS Unity al momento dell'atterraggio. Crediti: Virgin Galatic

 La seconda SS2, VSS Unity venne presentata nel febbraio 2016, eseguì il primo volo agganciata alla WK2 VMS Eve nel settembre delllo stesso anno. Fra il 2016 ed il 2017 il veicolo eseguì diversi voli senza motore. Nell'aprile 2018 compì il primo volo con il motore a razzo, nuovamente tornato alla miscela originale di gomma ed azoto liquido. Nel luglio 2018 la VSS Unity raggiunse i 52 km mentre il 18 dicembre dello stesso anno i piloti Mark Stucky e CJ Sturckow divennero il primo equipaggio a raggiungere la quota di 80 km sul suolo americano fin dall'ultimo volo dello Space Shuttle, STS-135, nel 2011. Il 22 febbraio 2019 la VSS Unity raggiunse gli 89,9 km di quota con Mackay e Masucci ai comandi e Moses come passeggero. Durante quel volo però una guarnizione dell'ala sinistra si ruppe ma, fortunatamente, il veicolo riuscì lo stesso ad atterrare a Mojave. A quel punto le operazioni di Virgin Galactic vennero spostate da Mojave a Spaceport America, luogo scelto per l'inizio delle operazioni commerciali. Ripresero i preparativi che però vennero disturbati non poco dalla pandemia di Covid-19. Sei mesi dopo un secondo volo planato senza motore ed altri rinvii il 12 dicembre 2020 venne tentato il secondo volo verso i confini dello spazio ma, appena dopo il rilascio dall'aereo madre, il motore di VSS Unity si spense a causa di interferenze elettromagnetiche. Fortunatamente il velivolo riuscì a tornare sulla pista senza danni guidato da Mackay e Sturckow. La Virgin Galactic lavorò alacremente per risolvere il problema e, finalmente, il 22 maggio 2021 la VSS Unity eseguì il volo VF-03 (Unity21), diventando il primo veicolo a raggiungere i confini dello spazio partendo dal New Mexico. Dopo l'annuncio di Jeff Bezos e del suo volo suborbitale con la New Shepard di Blue Origin, fissato per il 20 luglio, sembrava che, alla fine, la corsa per il primo volo suborbitale turistico sarebbe stato aggiudicato al miliardario americano. Invece, a sorpresa e ribaltando ogni pronostico, lo scorso 2 luglio, la Virgin Galactic annunciava il volo di oggi, con a bordo Branson.

 Dopo l'atterraggio ed i festeggiamenti a Spaceport America l'ex-astronauta canadese Chris Hadfield ha consegnato personalmente ai quattro 'passeggeri' le insegne con le ali da astronauta. Infine una curiosità per chi si fosse chiesto perchè il nome della missione di oggi: Unity22. In effetti si tratta del 22esimo volo di VSS Unity, considerando però anche i voli vincolati alla nave madre e quelli senza e con motore. In effetti quello di oggi è stato solo il quinto propulso.

 Senza dubbio quella di oggi è stata una giornata di svolta nella lunga storia del turismo spaziale. Adesso non resta che attendere meno di nove giorni per la seconda puntata. Intanto i complimenti, anche sui social da parte Blue Origin e di Elon Musk, alla Virgin Galactic per l'impresa di oggi.

Letto: 139 volta/e Ultima modifica Lunedì, 12 Luglio 2021 05:13

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto [updated on 08/05...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista