Scritto: Sabato, 03 Dicembre 2022 05:40 Ultima modifica: Sabato, 03 Dicembre 2022 06:40

Anche per Sofia su Venere non c'è fosfina


Venere viene spesso definito come "gemello della Terra" ma le differenze tra i due pianeti sono destinate ad aumentare: secondo lo Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy (SOFIA) non c'è fosfina nella sua atmosfera.

Rate this item
(4 votes)
I dati spettrali di SOFIA sovrapposti a questa immagine di Venere dal veicolo spaziale Mariner 10 della NASA. Se una quantità significativa di fosfina fosse presente nell'atmosfera di Venere, ci sarebbero delle cadute nel grafico nelle quattro posizioni etichettate "PH3", simili ma meno pronunciate di quelle viste alle due estremità.
I dati spettrali di SOFIA sovrapposti a questa immagine di Venere dal veicolo spaziale Mariner 10 della NASA. Se una quantità significativa di fosfina fosse presente nell'atmosfera di Venere, ci sarebbero delle cadute nel grafico nelle quattro posizioni etichettate "PH3", simili ma meno pronunciate di quelle viste alle due estremità.
Crediti: Venere: NASA/JPL-Caltech; Spettri: Cordiner et al.

La fosfina è un gas che si trova in piccole quantità nell'atmosfera terrestre e può essere solo di origine antropica o microbica. Quindi, su altri mondi potrebbe rappresentare un'importante biofirma. L'annuncio della fosfina scoperta tra le nuvole di Venere ha fatto notizia nel 2020 quando un gruppo di ricercatori, guidato dalla professoressa Jane Greaves dell'Università di Cardiff, aveva ottenuto una doppia rilevazione, con il James Clerk Maxwell Telescope (JCMT) e l'Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (ALMA). La scoperta innescò un acceso dibattito e una buona parte della comunità scientifica rimase scettica. Le discussioni proseguirono a colpi di paper.  Alcuni gruppi hanno supportato la scoperta, per esempio analizzando i database delle vecchie missioni ma altri studi indipendenti sono arrivati a conclusioni completamente diverse. Un team non è riuscito a trovare prove di fosfina né nei dati JCMT, né in quelli ALMA, suggerendo che la firma potrebbe essere attribuita all'anidride solforosa, che genera una linea spettrale nello stesso punto. Analogamente, un'altra analisi indica che l'eccessiva matematica applicata ai dati per rimuovere il rumore avrebbe introdotto spurie e falsi segnali scambiati per fosfina.
A tutto questo brusio, Greaves e colleghi hanno risposto con un secondo documento più cauto, in cui i risultati venivano definiti "provvisori" ed i dati ridimensionati: la fosfina su Venere c'è ma molto meno di quanto calcolato inizialmente. Successivamente, un altro studio ha di nuovo dimostrato che il segnale della fosfina sarebbe in realtà solo anidride solforosa, un gas atteso e coerente con ciò che sappiamo sull'atmosfera del pianeta e sul suo ambiente chimico punitivo.
Per un altro dodumento, invece, guidato dagli scienziati della Cornell University, il gas sarebbe presente ma legato al vulcanesimo del pianeta. Ma questo è un altro argomento caldo perché sembrano esserci prove che su Venere ci sia attività vulcanica in corso ma nessuna certezza assoluta.

La fosfina è un composto chimico relativamente semplice, è solo un atomo di fosforo con tre idrogeni, quindi potrebbe sembrare abbastanza facile da produrre. Ma su Venere, non è così ovvio come potrebbe formarsi", ha detto in un comunicato Martin Cordiner, ricercatore in astrochimica e scienze planetarie presso il Goddard Space Flight Center della NASA. Ma il problema non è come la fosfina si formi su Venere, il problema è che secondo le osservazioni dello Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy (SOFIA) la fosfina proprio non c'è.

Sofia e la fosfina

L'Osservatorio stratosferico per l'astronomia a infrarossi ha recentemente ha terminato le proprie missioni ma ha cercato tracce di fosfina nell'atmosfera di Venere durante tre voli nel novembre 2021.
Sofia faceva osservazioni da una posizione privilegiata rispetto ai telescopi di terra, con meno interferenze atmosferiche e la sua elevata risoluzione spettrale ha permesso di cercare la fosfina ad alta quota nell'atmosfera di Venere, da circa 75 a 110 chilometri dal suolo, la stessa regione del ritrovamento originale, con copertura spaziale dell'intero disco di Venere.

Da questi dati, non è emerso alcun segno di fosfina. Secondo i ricercatori, se c'è fosfina nell'atmosfera del pianeta, è al massimo di circa 0,8 parti di fosfina per miliardo di parti di tutto il resto, molto meno di quanto stimato inizialmente.

Osservazioni difficili

Puntare Sofia su Venere è stata una vera sfida.
Spiega il team: "La finestra durante la quale si poteva osservare Venere era breve, circa mezz'ora dopo il tramonto e l'aereo doveva trovarsi nel posto giusto al momento giusto. Anche Venere attraversa fasi simili alla Luna, rendendo difficile centrare il telescopio sul pianeta. Inoltre Venere è molto vicino al Sole nel cielo, che il telescopio deve evitare, e la situazione divenne rapidamente tesa".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2138 volta/e Ultima modifica Sabato, 03 Dicembre 2022 06:40

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 febbraio. Statistiche su...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB