Scritto: Giovedì, 18 Novembre 2021 22:56 Ultima modifica: Venerdì, 19 Novembre 2021 05:55

Electron, 'Amore a prima vista'


La Rocket Lab, con il suo razzo vettore leggero Electron, ha piazzato in orbita due satelliti di telerilevamento della BlackSky. Il primo lancio della compagnia da luglio scorso, mentre proseguono i test di recupero del primo stadio.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto il decollo del razzo vettore Electron per la sua ventiduesima missione ed il patch dedicato. Nella foto il decollo del razzo vettore Electron per la sua ventiduesima missione ed il patch dedicato. Crediti: Rocket Lab

 L'Electron è decollato dal Complesso di Lancio 1 di Rocket Lab sulla penisola di Mahia, in Nuova Zelanda, alle 14:38 locali (le 2:38 italiane) del 17 novembre 2021. I nove motori Rutherford, alimentati a cherosene ed ossigeno liquido, hanno spinto il razzo, alto 18 metri, in un limpido cielo primaverile sull'Oceano Pacifico. Dirigendosi a est, il razzo ha perso il suo primo stadio due minuti e mezzo dopo il decollo, quindi ha acceso un singolo motore Rutherford nel secondo stadio. Il primo stadio, nel frattempo, ha raggiunto un apice nella sua traiettoria balistica e poi è ricaduto nell'atmosfera, resistendo a temperature fino a 2.200 gradi Celsius.

 Lo stadio ha aperto un paracadute principale per rallentare per la fase finale della sua discesa verso l'Oceano Pacifico, ammarando quasi 20 minuti dopo il lancio. Il kick stage dell'Electron si è separato dal secondo stadio dopo circa 10 minuti dall'inizio della missione. Dopo aver percorso metà del mondo, il kick stage ha acceso il suo propulsore Curie per far circolarizzare la sua orbita a un'altitudine target di 430 chilometri, con un'inclinazione di 42 gradi rispetto all'equatore. I due satelliti BlackSky, ciascuno di circa 55 chilogrammi, erano stati impilati uno sopra l'altro sul kick stage di Rocket Lab. La società ha leggermente ampliato il volume del carico utile sotto l'ogiva del razzo Electron per accogliere i doppi carichi. Il satellite superiore si è separato per primo, seguito dal rilascio di una struttura adattatore "a cilindro" per scoprire il veicolo spaziale inferiore per il rilascio. Dopo che entrambi i satelliti sono usciti dal razzo, il kick stage si è riacceso per un'accensione di uscita dall'orbita per evitare di creare un nuovo pezzo di spazzatura spaziale.

 BlackSky ha successivamente confermato che entrambi i satelliti funzionavano come previsto dopo il rilascio. BlackSky, con uffici a Seattle e Herndon, in Virginia, sta implementando una flotta di piccoli satelliti di telerilevamento per fornire immagini della Terra ad alta risoluzione a clienti commerciali e governativi. Un grande cliente per BlackSky sono le agenzie militari e di intelligence degli Stati Uniti. BlackSky ha accordi per vendere immagini commerciali alla NASA, al National Reconnaissance Office e alla National Geospatial-Intelligence Agency. I satelliti di BlackSky sono costruiti da LeoStella, una joint venture tra Spaceflight Industries e Thales Alenia Space, uno dei principali produttori di satelliti europei. Lo stabilimento di produzione di LeoStella si trova a Tukwila, Washington, un sobborgo di Seattle.

rocketlab electron blacksky rl22

Nella foto, in primo piano, un satellite BlackSKy Gen-2 con l'apertura dello specchio dell'unità ottica mentre viene integrato con il razzo Electron. Crediti: Rocket Lab

 Rocket Lab e BlackSky avevano annunciato un accordo all'inizio di quest'anno per cinque lanci di Electron per portare in orbita i prossimi nove satelliti BlackSky. Il primo lancio del contratto multi-missione ha messo in orbita con successo un singolo payload BlackSky a marzo. La seconda delle cinque missioni di maggio è fallita prima di raggiungere l'orbita a causa di un malfunzionamento nel secondo stadio del razzo Electron. I due satelliti BlackSky a bordo si sono schiantati sulla Terra, una perdita che la società ha valutato in 18,4 milioni di dollari, inclusi il veicolo spaziale e i servizi di lancio. BlackSky ha dichiarato, all'inizio di questo mese, di avere sei satelliti commerciali operativi.

 La missione di oggi, chiamata "Love At First Insight" ('Amore a prima vista') da Rocket Lab, è stato il primo Electron dal 29 luglio, scorso quando trasportava un carico utile per la US Space Force. I blocchi legati alla pandemia in Nuova Zelanda negli ultimi mesi hanno ritardato i lanci, tra cui una serie di tre lanci consecutivi per BlackSky annunciati ad agosto tramite il fornitore di servizi di lancio Spaceflight. Il lancio è stata anche la terza missione Electron utilizzata per testare la capacità di recuperare e riutilizzare il primo stadio del razzo. Le squadre hanno recuperato il primo stadio del veicolo di lancio dopo l'ammaraggio con il paracadute. Era la terza volta che Rocket Lab recuperava un razzo dall'Oceano Pacifico. Questa volta, Rocket Lab ha schierato un elicottero nella zona di recupero a circa 370 chilometri a est del sito di lancio in Nuova Zelanda. Il veicolo ha seguito lo stadio in fibra di carbonio mentre scendeva appeso al suo paracadute principale, facendo pratica per una missione futura quando l'elicottero cercherà di catturare il razzo a mezz'aria. Un recupero aereo impedirà all'acqua salata di danneggiare il razzo, consentendo alle squadre di rinnovare e riutilizzare il booster più rapidamente. Quel test è stato un successo, ha detto la società. "Questa è la nostra terza missione di recupero di prova che abbia avuto successo e consolida ulteriormente Electron come il principale veicolo di lancio per il mercato dei piccoli satelliti," ha dichiarato Peter Beck, amministratore delegato di Rocket Lab, in una nota. “Siamo tutti entusiasti di passare alla prossima fase di riutilizzabilità il prossimo anno; catturare Electron in aria con un elicottero”.

rocketlab electron blacksky integration

Nell'illustrazione come erano sistemati i satelliti BlackSKy Gen-2 all'interno dell'ogiva del razzo Electron. Crediti: Rocket Lab

Il prossimo lancio di Electron, "A Data With Destiny", è previsto a dicembre e trasporterà un'altra coppia di satelliti della BlackSky. Questo sarà il sesto e ultimo lancio di Electron del 2021, ma i dirigenti dell'azienda hanno affermato, durante una riunione con la presentazione dei bilanci, tenutasi il 15 novembre che si aspettano un tasso di volo più elevato per il 2022. Il lancio di oggi era il 22esimo per il vettore Electron, il 113esimo globale dell'anno ed il 106esimo a concludersi con successo.

Letto: 108 volta/e Ultima modifica Venerdì, 19 Novembre 2021 05:55

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021.

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 novembre. Statisti...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 novembre 2021. ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 1032] - Meteo...

Sofia Vega for kids: ISCRIVITI

sofiavega for kids

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista