Scritto: Mercoledì, 17 Novembre 2021 22:56 Ultima modifica: Martedì, 23 Novembre 2021 08:45

Lanciato l'ultimo Vega prima del modello C


Con il lancio di tre satelliti militari francesi, il razzo leggero europeo Vega ha eseguito la sua ultima missione dopo l'entrata in servizio della più avanzata e potente versione C, prevista per il prossimo anno.

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto il decollo del razzo vettore europeo Vega da Kourou per la missione VV20. Nella foto il decollo del razzo vettore europeo Vega da Kourou per la missione VV20. Crediti: ESA/CNES/Arianespace/S. Martin

 Il razzo europeo Vega è stato lanciato nello spazio dalla Guyana francese martedì 16 novembre ed ha rilasciato tre satelliti militari francesi che verranno utilizzati per localizzare sorgenti di trasmissioni radio e radar in tutto il mondo. Il lancio ha aperto la strada alle modifiche finali alla rampa di lancio di Vega per una versione potenziata del razzo il cui debutto è previsto per l'anno prossimo. Il lanciatore alto 30 metri ha acceso il suo primo stadio a combustibile solido per la missione VV20 ed è decollato dalla sua piattaforma di lancio alle 09:27:55 GMT (le 10:27 italiane), salendo rapidamente sopra le quattro torri di protezione contro i fulmini e dirigendosi a nord -nord-est dallo spazioporto gestito dall'Europa, che si trova sulla costa settentrionale del Sud America. Il decollo è avvenuto alle 6:27 ora locale nella Guyana francese, circa 10 minuti prima dell'alba. Il primo stadio P80 a combustibile solido del lanciatore Vega ha spinto il razzo nel cielo per lo più limpido con 309 tonnellate di spinta prima di spegnersi e ricadere in mare quasi due minuti dopo l'inizio del volo. Gli altri due motori solidi, Zefiro 23 e Zefiro 9 si sono accesi in successione e l'ogiva protettiva del carico utile, di fabbricazione svizzera, del Vega si è separata per ricadere nell'Oceano Atlantico. Lo stadio finale del razzo, AVUM ha acceso il suo motore RD-843 ucraino tre volte durante la missione. I primi due hanno posizionato lo stadio in un'orbita di 670 km x 75 gradi per il dispiegamento dei tre satelliti da 446 kg l'uno. L'ultima accensione di abbassamento dell'orbita da parte dell'AVUM separato ha concluso la missione. I tre satelliti sono stati dispiegati da un dispenser progettato su misura, quasi 57 minuti dopo il lancio. Arianespace, operatore del razzo Vega e fornitore di servizi di lancio, ha confermato che la missione ha avuto successo in un comunicato stampa post-lancio. Anche il Ministero delle Forze Armate francese ha dichiarato il lancio un successo.

arianespace vega vv20 ceres satellites

Nella foto i tre satelliti CERES in fase di preparazione al lancio. Crediti: Airbus

 I tre veicoli spaziali raccoglieranno informazioni sulle radiofrequenze e sulle installazioni radar per l'esercito francese. I satelliti sono conosciuti con l'acronimo francese della missione CERES, che sta per CapacitÉ de Renseignement Électromagnétique Spatiale. I satelliti CERES trasportano ciascuno una strumentazione sofisticata per rilevare, localizzare e caratterizzare stazioni di telecomunicazioni e siti radar, fornendo informazioni sulle capacità del nemico ai comandanti militari francesi.

 Il lancio dei satelliti CERES segue il dispiegamento del primo satellite in un veicolo spaziale di comunicazione militare francese Syracuse di nuova generazione il mese scorso. Il satellite Syracuse 4A era stato lanciato il 23 ottobre dalla Guyana francese su un razzo Ariane 5. "Porgo le mie congratulazioni al governo e ai team industriali che hanno reso questo lancio un successo," ha dichiarato Florence Parly, ministro delle Forze armate francese, in una nota. “CERES è un innovativo mezzo di intelligence che contribuisce al rafforzamento delle nostre capacità di difesa spaziale, decisive per la nostra sovranità e la nostra indipendenza strategica. "Poche settimane dopo il successo del lancio del satellite militare Syracuse, la Francia sta confermando la sua potenza nel settore spaziale, combinando tecnologie e risorse che pochi paesi al mondo hanno padroneggiato," ha affermato Parly. CERES è la prima missione di intelligence elettromagnetica del suo genere da parte di un paese europeo, che offre all'esercito francese una capacità precedentemente esclusiva di Stati Uniti, Russia, Cina e India. "Abbiamo il primo e unico sistema di intelligenza elettromagnetica spaziale in Europa," ha affermato il generale Michel Friedling, capo del comando spaziale francese. “Per noi è un successo. È un successo per la nostra autonomia strategica perché grazie a questo sistema saremo in grado di rilevare e caratterizzare tutti i segnali elettromagnetici che sarebbero una minaccia per le nostre operazioni e per le nostre capacità. Questo sarà fatto dai nostri servizi di intelligence militare”.

arianespace vega vv20 ceres art inorbit

Nell'illustrazione artistica i tre satelliti CERES in orbita terrestre. Crediti: CNES

 I tre satelliti CERES identici voleranno in una formazione triangolare, con ogni veicolo spaziale che scansiona indipendentemente le emissioni radio provenienti dalla Terra. Ogni veicolo spaziale rileverà i segnali radio da terra in tempi leggermente diversi, a solo una frazione di secondo l'uno dall'altro. Gli analisti possono determinare l'origine delle trasmissioni confrontando i tag temporali che mostrano quando ciascun satellite CERES ha ricevuto i segnali. "Questo sistema CERES sarà in grado di localizzare un radar elettromagnetico sulla superficie della Terra grazie a una tecnica di triangolazione," ha affermato Philippe Steininger, consigliere militare del presidente del CNES, l'agenzia spaziale francese. “Ciascuno di questi satelliti riceverà onde elettromagnetiche dal suolo con un piccolo intervallo di tempo e, tramite triangolazione, calcolerà il posizionamento sulla terra. Quindi l'esito della misurazione sarà tanto più accurato quando potremo mantenere la formazione”. Una volta che le squadre individueranno la fonte del segnale radar o del messaggio radio, i satelliti CERES aiuteranno analisti e comandanti militari a determinare le informazioni sulla frequenza utilizzata dalla stazione, se si tratta di una stazione mobile o fissa e il tipo di modulazione utilizzata dal trasmettitore. Funzionari militari francesi affermano che i satelliti CERES non ascolteranno il contenuto dei messaggi, ma forniranno preziose informazioni alle autorità francesi sugli avversari. "Il ciclo di vita di questi satelliti sarà di circa 10 anni," ha affermato Hervé Grandjean, portavoce del Ministero delle forze armate francese. “Dopo di questi ci sarà una prossima generazione. Ma è una parte importante della sovranità francese che è stata appena confermata per consentire alle nostre forze di agire senza chiedere l'opinione o l'aiuto di nessuno". Le informazioni su una posizione radar nemica potrebbero aiutare le forze militari francesi a bloccare o eliminare il sito. Al contrario, i dati radar potrebbero aiutare le forze francesi e alleate a eludere i radar con i loro aeroplani ed elicotteri, secondo la DGA, l'agenzia di approvvigionamento militare francese.

 La DGA gestisce il programma CERES, che è costato alla Francia circa 450 milioni di euro per lo sviluppo e la preparazione al lancio. Il French Space Command sarà incaricato della raccolta e della diffusione dei dati dai satelliti CERES. Il CNES era responsabile dello sviluppo del centro di controllo a terra a Tolosa, fornendo supporto alla gestione del progetto e organizzando il lancio della missione con Arianespace su un razzo europeo Vega. Airbus Defence and Space è il primo appaltatore del progetto CERES, mentre Thales Alenia Space ha fornito le tre piattaforme dei veicoli spaziali. "Il Ministero delle Forze Armate sta davvero facendo un grande balzo in avanti in termini di capacità con il successo di questa mattina," ha detto Grandjean. “Saremo più precisi. saremo più autonomi. Saremo in grado di valutare meglio la situazione militare. Ci aiuterà a valutare la situazione geopolitica del mondo”. I tre veicoli spaziali CERES faranno parte della costellazione di satelliti di sorveglianza operativa dell'esercito francese. Si basa su due precedenti missioni dimostrative tecnologiche - Essaim ed ELISA - lanciate nel 2004 e nel 2011 per mettere a punto i pensieri dell'esercito francese sulla capacità di raccolta di informazioni elettroniche dall'orbita terrestre. Ogni satellite CERES pesa circa 446 chilogrammi, secondo un press kit diffuso da Arianespace. Con i satelliti rilasciati dal lanciatore Vega, i team di terra prevedono di controllare lo stato di salute di ogni veicolo spaziale nelle prossime due settimane. Quindi inizierà un periodo di calibrazione per garantire che gli strumenti siano sintonizzati per iniziare le operazioni nella prima metà del 2022. Anche i satelliti CERES entreranno in formazione nei prossimi tre mesi, con due veicoli spaziali bloccati su un piano orbitale e il terzo satellite con una rotta leggermente sfalsata. Secondo Friedling la Francia gestisce anche una flotta di satelliti spia ottici ad alta risoluzione. I primi due veicoli spaziali di una nuova generazione di satelliti di imaging lanciati nel 2018 e nel 2020, con un terzo satellite previsto per il lancio nel 2022. Anche il prossimo satellite per le comunicazioni di Syracuse dell'esercito francese è programmato per il lancio il prossimo anno, ha affermato. Il successo del lancio di martedì è stata la terza missione missilistica Vega di quest'anno. Tutti hanno avuto successo, aiutando a ripristinare il programma Vega a una cadenza regolare di lanci dopo i fallimenti su due dei precedenti tre voli di Vega. Con la missione di martedì, i razzi Vega sono stati lanciati 20 volte, dal 2012, con 18 voli riusciti.

arianespace vega c artist

Nell'illustrazione artistica il Vega C in volo. Crediti: Arianespace

 Il prossimo lancio di Vega sarà il volo di debutto di una versione aggiornata del razzo, chiamato Vega C, con motori di primo e secondo stadio più potenti e un quarto stadio a combustibile liquido con una maggiore capacità di carburante. Il Vega C ha anche un'ogiva protettiva del carico utile più grande per espandere il volume disponibile per i satelliti passeggeri. Il lancio inaugurale della Vega C è previsto non prima di aprile dalla Guyana francese. Le squadre allo spazioporto trascorreranno i prossimi due mesi a completare le modifiche alla torre mobile della piattaforma di lancio per ospitare il razzo più grande. "Questo è l'ultimo successo di Vega prima di accogliere Vega C e nuove opportunità di missione attraverso maggiori prestazioni e competitività," ha affermato Renato Lafranconi, responsabile del programma Vega presso l'Agenzia spaziale europea. "L'ESA supervisionerà questa transizione, si baserà sui risultati di Vega e preparerà i futuri adattamenti per una Vega E adatta a un mercato in rapida evoluzione e competitivo, per continuare a garantire l'accesso allo spazio per l'Europa".

 Questo è stato il 112esimo lancio orbitale globale del 2021, il 105esimo a concludersi con successo.

Letto: 124 volta/e Ultima modifica Martedì, 23 Novembre 2021 08:45

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021.

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 novembre. Statisti...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 novembre 2021. ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 1032] - Meteo...

Sofia Vega for kids: ISCRIVITI

sofiavega for kids

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista