Mercoledì 20 Marzo 2019
Accedi Registrati

Accedi con il tuo account

Username *
Password *
Ricordami

Successo della missione cinese Chang'e-4 e Yutu-2 è già al lavoro sulla Luna

Questa foto è stata rilasciata dalla China National Space Administration ed è stata ripresa dal lander Chang'e 4 dopo l'allunaggio, alle ore 11:40. Dovrebbe mostrare la direzione verso cui guiderà il rover.
Questa foto è stata rilasciata dalla China National Space Administration ed è stata ripresa dal lander Chang'e 4 dopo l'allunaggio, alle ore 11:40. Dovrebbe mostrare la direzione verso cui guiderà il rover. Crediti: CNSA

La Cina è diventato il primo stato ad aver allunato un lander ed un rover sul lato lontano della Luna. L'atterraggio è avvenuto con successo alle 10:26 ora di Pechino del 3 gennaio 2019 (02:26 italiane).

 Il target era il cratere Von Kármán nel bacino Aitken nell'emisfero meridionale e, secondo quanto dichiarato, l'allunaggio è avvenuto nel luogo preselezionato a 177,6 gradi di longitudine est e 45,5 gradi di latitudine sud sul lato della Luna non visibile dalla Terra. Con l'aiuto del satellite "communication relay" Queqiao, che è in orbita attorno al punto di Lagrange Terra-Luna (L2), i computer di bordo hanno comunicato con il controllo missione e restituito le prime immagini.

 Alle 10:15, il personale scientifico e tecnologico dello "Space Flight Control Center" di Pechino ha ordinato alla sonda l'accensione del motore a spinta variabile da 7500N per ridurre la velocità orbitale e iniziare la discesa. Partendo da 15 chilometri di quota, tutta la procedura ha richiesto circa 11 minuti. Tra i 6 e gli 8 chilometri sopra la superficie lunare, la velocità relativa di discesa è stata quasi azzerata a partire da 1,7 chilometri al secondo mentre la sonda effettuava correzioni di orientamento; a 100 metri, Chang-e 4 librava sopra la zona di atterraggio per identificare gli ostacoli e misurare le pendenze. Dopo aver selezionato un'area relativamente pianeggiante e priva di rischi, è scesa verticalmente nei successivi 690 secondi, atterrando autonomamente. A seguire, sono stati dispiegati i pannelli solari e le antenne.

chang e 4 simulazione allunaggio

Una delle fasi dell'allunaggio visto attraverso i monitor del centro di controllo aerospaziale di Pechino.
Crediti: Xinhua/Jin Liwang

chan e 4 allunaggio

Un'immagine ripresa da Chang-e 4 durante la discesa.
Crediti: Xinhua/CNSA

chan e 4 post allunaggio

Un'immagine ripresa subito dopo l'allunaggio.
Crediti: CNSA

 Alle 3:40 la telecamera a bordo del lander ha ripreso il primo panorama e c'è stata grande euforia in tutti i team che hanno partecipato al programma:
"È un'importante pietra miliare per l'esplorazione spaziale della Cina", ha dichiarato Wu Weiren, capo progetto del programma di esplorazione lunare della Cina.
"È una perfetta dimostrazione dell'intelligenza umana", ha aggiunto Jia Yang, vice capo designer della sonda Chang'e-4, dalla China Academy of Space Technology.

Dopo circa 12 ore dall'allunaggio, la China National Space Administration (CNSA) ha annunciato di aver rilasciato il rover Yutu-2 (alle 14:22 UTC).
Le due foto qui sotto, mostrano il rover prima e dopo la separazione dal lander.

Yutu-2 prima del rilascio

Rilascio di Yutu-2

Crediti: CNSA / CLEP

 La sonda Chang-e 4 era stata lanciata lo scorso 7 dicembre alle 18:23 UTC. Lander e rover Chang'e 4 sono simili a quelli della missione Chang'e 3 che nel 2013 atterrò nella Baia degli Arcobaleni.

 La missione utilizzerà versioni migliorate degli strumenti di Chang'e 3, condurrà esperimenti di radioastronomia a bassa frequenza e monitorerà i raggi cosmici.In tutto, ci sono 8 esperimenti a bordo, di cui 2 internazionali (un rilevatore di radiazioni, realizzato in collaborazione con la Germania, e un rivelatori di atomi neutri in collaborazione con la Svezia).
A bordo, sarà condotto anche un esperimento biologico, contenuto in un cilindro alto 18 centimetri, dove semi di patate e uova di baco da seta saranno utilizzati per studiare lo sviluppo di organismi vegetali e animali in un mini-ecosistema sul suolo lunare. Le patate producono ossigeno, mentre i bachi da seta anidride carbonica: "faremo vedere la crescita di piante ed insetti sulla superficie lunare a tutto il mondo", aveva dichiarato Xie Gengxin, ideatore principale che ha pensato di includere nel progetto una piccola macchina fotografica per documentare 100 giorni di esperimento come un reality show!

Non ci resta che fare i complimenti alla Cina per questo nuovo traguardo raggiunto, augurare buon lavoro e buona fortuna al lander e sopratutto al rover Yutu-2 (in attesa che riceva un nome ufficiale!) e sperare che ogni aggiornamento su questa missione venga tempestivamente condiviso in futuro.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Mi occupo di web, web marketing e comunicazio online e sono alla ricerca di nuove opportunità (visita il mio sito elisabettabonora.info!).
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Ho letto e accetto la Cookie Policy e la Privacy policy

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 19 Marzo.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO