Scritto: Mercoledì, 22 Giugno 2022 05:00 Ultima modifica: Mercoledì, 22 Giugno 2022 10:14

Artemis sceglie il nucleare


Il progetto si chiama Fission Surface Power e consiste in un sistema a fissione nucleare da 40 kW, abbastanza per servire ininterrottamente 30 famiglie per dieci anni. dice la NASA

Rate this item
(3 votes)
Artemis sceglie il nucleare
Crediti: NASA

Questi sono i requisiti su cui stanno lavorando la NASA e il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE). Le agenzie hanno selezionato tre proposte, ancora alla fase di concetto, per un progetto di un sistema di alimentazione a fissione di superficie  che potrebbe essere pronto per il lancio entro la fine del decennio per una dimostrazione sulla Luna.

I contratti da 12 mesi avranno un valore di circa 5 milioni di dollari ciascuno e saranno assegnati a:

- Lockheed Martin of Bethesda, Marylandì
- Westinghouse of Cranberry Township, Pennsylvania
- IX di Houston, Texas, una joint venture di Intuitive Machines e X-Energy

"Non vedo l'ora di vedere cosa riuscirà a realizzare ciascuna di queste squadre", ha affermato John Wagner, direttore dell'Idaho National Laboratory. 

Relativamente piccoli e leggeri rispetto ad altri sistemi di alimentazione, i sistemi a fissione sono affidabili e potrebbero consentire un'alimentazione continua indipendentemente dalla posizione, dalla luce solare disponibile e da altre condizioni ambientali naturali. Una dimostrazione di tali sistemi sulla Luna aprirebbe la strada a missioni di lunga durata sulla nostro satellite e su Marte, dice la NASA in una nota.

"La nuova tecnologia guida la nostra esplorazione della Luna, di Marte e oltre", ha affermato Jim Reuter, amministratore associato dello Space Technology Mission Directorate della NASA. "Lo sviluppo di questi primi progetti ci aiuterà a gettare le basi per alimentare la nostra presenza umana a lungo termine su altri mondi". E, un domani, questi sistemi potrebbero essere utilizzati per missioni di esplorazione dello spazio profondo.

Questo progetto si affianca allo studio di reattori per un futuro sistema di propulsione nucleare termica, annunciato all'inizio dell'anno. Questo tipo di tecnologia è più efficiente rispetto ai razzi chimici ed è potenzialmente utilizzabile per le missioni con equipaggio e cargo verso Marte e per missioni scientifiche nel Sistema Solare esterno. Qui, un mio approfondimento.

 

Qualche dettaglio

Il reattore verrebbe costruito sulla Terra e poi inviato sulla Luna.
I piani presentati a fine 2021 per il sistema di alimentazione a fissione di superficie dovrebbero includere un nocciolo del reattore alimentato ad uranio, un sistema per convertire l'energia nucleare in energia utilizzabile, un sistema di gestione termica per mantenere il reattore freddo e un sistema di distribuzione che fornisca non meno di 40 kilowatt di energia elettrica continua per 10 anni nell'ambiente lunare. Altri requisiti includono che sia in grado di spegnersi e accendersi senza l'aiuto umano, che sia in grado di operare dal ponte di un lander lunare e che possa essere rimosso e trasportato in un diverso sito per le operazioni. Inoltre, visto che deve essere lanciato dalla Terra sulla Luna, dovrebbe adattarsi a un cilindro di 4 metri di diametro lungo 6 metri e non dovrebbe pesare più di 6.000 chilogrammi.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 123 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 22 Giugno 2022 10:14

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:4 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora