Scritto: Lunedì, 06 Novembre 2017 20:20 Ultima modifica: Mercoledì, 08 Novembre 2017 10:25

Event Horizon Telescope: aggiornamenti sulla "foto del secolo"


L'elaborazione dei dati raccolti ad Aprile prosegue, tra non molto potremo vedere le prime immagini di un buco nero.

Rate this item
(0 votes)
The South Pole Telescope illuminated by the Full Moon and exceptionally bright aurora australis. The South Pole Telescope illuminated by the Full Moon and exceptionally bright aurora australis. Photo: Daniel Michalik / South Pole Telescope - Processing: M. Di Lorenzo

 Del progetto Event Horizon Telescope abbiamo parlato a più riprese, si tratta in breve di uno sforzo su scala mondiale volto a "risolvere" l'orizzonte degli eventi di due buchi neri supermassicci (uno al centro della Via Lattea, l'altro in M87) utilizzando la tecnica di interferometria VLBI nella regione delle microonde. Lo scorso Aprile le osservazioni sono state compiute su entrambe le sorgenti utilizzando 8 diversi radiotelescopi, il più estremo dei quali è illustrato nelle due immagini che riportiamo. La lunghezza d'onda utilizzata era 1,3 millimetri, pari a circa 230 GHz di frequenza.

 Già nel 2007 un array prototipo EHT, con stazioni in Arizona, California e Hawaii, ha confermato l'esistenza di strutture sulla scala dell'orizzonte degli eventi sia in Sgr-A che in M87, rivelando anche campi magnetici ordinati e variabli nel tempo. Dieci anni dopo, EHT ha completato la prima di una serie di campagne di osservazione, stavolta con la capacità di produrre immagini.

EHT stations

Le 8 stazioni osservative di EHT - Cresit: S.S.Doeleman/Nature

 La sfida tecnologica è notevole perchè non si era mai tentato prima di raggiungere una risoluzione angolare così spinta (circa 25 micro-secondi d'arco); anche per raccogliere ed elaborare l'enorme mole di informazioni (si parla di qualcosa come 2 petabytes di dati grezzi) è necessario ricorrere a tecnologie all'avanguardia e, nonostante questo, le difficoltà non mancano. La maggior parte dei dati registrati in tutti i siti osservativi è stata spedita alle due sedi di elaborazione, una presso l'Osservatorio di Haystack (MIT, USA) e l'altra presso l'Istituto Max Planck per la Radio Astronomia (Germania). Qui i segnali vengono combinati in "correlatori VLBI" che, di fatto, ricostruiscono il fronte dell'onda incidente. Solo i dischi rigidi contenenti dati dal Polo Sud non sono ancora giunti a destinazione, poichè durante il lungo inverno polare non ci sono voli da/per la stazione Amundsen-Scott. Alcuni dati, tuttavia, sono stati inviati dal Polo Sud via satellite, confermando che tutti i siti dell'EHT hanno registrato informazioni scientificamente utili.

SPT Auroras

Il South Pole Telescope illuminato dall'aurora australe e dalla Via Lattea, con Giove che brilla sulla sinistra, mentre Saturno è a destra del radiotelescopio. La temperatura esterna è -60°C. Photo: Daniel Michalik / South Pole Telescope - Processing: M. Di Lorenzo

  È troppo presto per dire cosa mostreranno i risultati, ma la collaborazione EHT mira a ripetere le osservazioni con cadenza annuale, man mano che si introducono miglioramenti nella strumentazione. Queste migliorie includono una maggiore larghezza di banda, l'aggiunta di nuove stazioni e l'estensione alla lunghezza d'onda di 0,87 mm, onde aumentare la risoluzione angolare.

 Anche se non è dato sapere esattamente quando le prime immagini e informazioni astrofisiche verranno rese pubbliche, è certo che nel 2018 vedremo per la prima volta un buco nero all'opera, mentre divora il gas circostante!

 

Riferimenti:
eventhorizontelescope.org/
aas.org/posts/news/
www.nature.com/

Altre informazioni su questo articolo

Read 4273 times Ultima modifica Mercoledì, 08 Novembre 2017 10:25
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre (ore 17)

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 12 Dicembre)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 12/12 [Last update: Dec,12]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 12/12 [Last update: Dic,12].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 11/12 - Sol 368]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 13/8/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 6 Dicembre [updated on Dec,06]

HOT NEWS