Scritto: Giovedì, 08 Giugno 2017 12:57 Ultima modifica: Giovedì, 08 Giugno 2017 19:18

WOW! Forse era solo una cometa...


Il celebre segnale "WOW", rivelato nel lontano 1977 e da alcuni attribuito agli alieni, era probabilmente dovuto all'emissione radio di una cometa che transitava in quella zona di cielo.

Rate this item
(0 votes)
La sequenza originale "6EQUJ5" (ciascuna lettera indica l'intensità del segnale in istanti diversi) stampata su carta ed evidenziata con un "Wow!". La sequenza originale "6EQUJ5" (ciascuna lettera indica l'intensità del segnale in istanti diversi) stampata su carta ed evidenziata con un "Wow!". Credit: Big Ear Radio Observatory and North American AstroPhysical Observatory (NAAPO)

 Nel lontano Ferragosto del 1977, mentre nel mondo imperversava la "StarWars-mania", un team di radioastronomi nell'osservatorio dell'Ohio registrò un insolito segnale di 72 secondi con un radiotelescopio fisso soprannominato "grande orecchio" ("Big Ear"). Il segnale, localizzato nel Sagittario, aveva una frequenza di 1420 MHz (la stessa emessa dall'idrogeno neutro) ed era così forte che il membro del team Jerry Ehman scarabocchiò un significativo "wow! " accanto alla lettura.

 Da quel momento, numerosi scienziati hanno cercato una spiegazione del segnale ma, fino ad ora, nessuno ha potuto offrire un valido argomento: possibili fonti come asteroidi, eso-pianeti, stelle o interferenze di origine terrestre sono stati tutti esclusi. Qualcuno, al di fuori della comunità scientifica, ha anche suggerito che fossero segnali di origine aliena. Adesso, dopo 40 anni, sembra che la soluzione sia stata trovata ed è di origine naturale, ma non riconosciuta al momento della ricezione.

BigEar arrowed

Il radiotelescopio fisso "Big Ear", con i percorso delle radio onde celesti (frecce gialle): la prima superficie piana e obliqua (visibile a destra) riflette il segnale verso un secondo specchio curvo (a sinistra) che le concentra verso il ricevitore (indicato dalla freccia rossa). Credt: Big Ear Radio Observatory and North American AstroPhysical Observatory (NAAPO) - Processing: M. Di Lorenzo

 La spiegazione ha cominciato a prendere forma lo scorso anno, quando una squadra di ricercatori del "Center of Planetary Science" (CPS) ha suggerito che il breve segnale potrebbe essere stato generato da una nuvola di idrogeno intorno a una cometa in rapido movimento nel cielo. Come si legge nell'articolo originale, il team diretto da Antonio Paris ha osservato due comete che stavano attraversando quella stessa regione del cielo tra novembre 2016 e febbraio 2017; si tratta di P/2008 Y2 (Gibbs) e 266/p Christensen.

WOW location

Il percorso della cometa 266P mentre passava nei pressi della regione in cui è stato osservato il "segnale WOW" (in rosso). - Credit Antonio Parisi - Processing: M. Di Lorenzo

 Usando un radiotelescopio di 10m, il team ha così misurato un segnale simile a quello del 1977 in termini di frequenza e intensità. L'origine cometaria della radio-emissione è stata poi confermata ulteriormente osservando altre tre comete: P/2013 EW90 (Tenagra), P/2016 J1-A (PANSTARRS), e 237P/LINEAR. A quanto pare, dunque, l'origine del segnale era extraterrestre ma non così intelligente...

 

Riferimenti:
https://phys.org/news/2017-06-wow-mystery-space.html#jCp
https://www.dailysabah.com/science/2017/06/06/mysterious-wow-signal-in-1977-came-from-comets-not-aliens-researcher-reveals

Altre informazioni su questo articolo

Read 1739 times Ultima modifica Giovedì, 08 Giugno 2017 19:18
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Please enable the javascript to submit this form

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 13 luglio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 16 luglio ore 8)

  • Tiangong-2 orbit
    Tiangong-2 orbit

    Evoluzione dell'orbita della seconda stazione spaziale cinese. Aggiornamento del 16/7 [Last update: 07/16]

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 16/7 [Last update: 07/16]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 14/6/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 13/7 [Last update: 07/13].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 14/7 - Sol 222]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 15/6/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 10 luglio [updated on July, 10]

HOT NEWS