Scritto: Sabato, 05 Dicembre 2020 20:25 Ultima modifica: Domenica, 06 Dicembre 2020 11:37

Le Voyager ha rilevato un nuovo tipo di eplosioni di elettroni


Un nuovo studio, guidato dall'Università dell'Iowa, indica che le due sonde sono state testimoni di esplosioni di elettroni nei raggi cosmici, accelerati dalle onde d’urto originate dalle grandi eruzioni solari. Il rilevamento è avvenuto a più di 40 anni dal lancio mentre le Voyager stavano lasciando il Sistema Solare.

Rate this item
(1 Vote)
Le Voyager ha rilevato un nuovo tipo di eplosioni di elettroni Crediti: NASA/JPL

I loro strumenti di bordo sono stati i primi a registrare questo fenomeno al confine con lo spazio interstellare.

I lampi di elettroni viaggiano lungo le linee del campo magnetico nel mezzo interstellare, quasi alla velocità della luce (circa 670 volte più velocemente delle onde d'urto che li hanno spinti inizialmente).
Quando si verifica un'eruzione di massa coronale (Coronal Mass Ejection o Cme), espulsioni di gas caldo ed energia (plasma) che si muovono ad oltre 1,5 milioni di chilometri all'ora dal Sole verso lo spazio esterno, le oscillazioni dell'onda di plasma causate dagli elettroni a bassa energia arrivano agli strumenti delle Voyager dopo giorni. Nonostante le velocità elevate, l'onda d'urto stessa, emanata dal Cme, viene rilevata dalle sonde circa un mese dopo l'evento.

"Quello che stiamo osservando è un meccanismo in base al quale quando l'onda d'urto entra in contatto per la prima volta con le linee del campo magnetico interstellare, che passa attraverso il veicolo spaziale, riflette e accelera alcuni degli elettroni dei raggi cosmici", ha detto Don Gurnett, professore di fisica ed astronomia dell'Università dell'Iowa, autore dello studio. "Abbiamo identificato, attraverso gli strumenti, gli elettroni che sono stati riflessi e accelerati da shock interstellari, che si propagano verso l’esterno dalle espulsioni coronali. Questo è un nuovo meccanismo".

Gli scienziati ritengono che gli elettroni nel mezzo interstellare siano riflessi da un campo magnetico rafforzato al bordo dell’onda d’urto e successivamente accelerati dal movimento della stessa onda d’urto. Gli elettroni riflessi si muovono a spirale lungo le linee del campo magnetico interstellare, guadagnando velocità all’aumentare della distanza tra essi e lo shock.
"L'idea che le onde d'urto accelerino le particelle non è nuova", ha detto Gurnett. "Ma questa è la prima volta che lo abbiamo rilevato in un nuovo regno, il mezzo interstellare, che è molto diverso dal vento solare dove sono stati osservati processi simili".

La scoperta potrebbe aiutare i fisici a comprendere meglio le dinamiche alla base delle onde d'urto e della radiazione cosmica che provengono dai brillamenti stellari. Questi studi potrebbero aiutare i futuri astronauti ed esploratori a prevedere e limitare l'esposizione ad eventi altamente energetici, oltre a verificare un meccanismo di accelerazione dei raggi cosmici che era stato ipotizzato da tempo nei residui di supernova.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 202 volta/e Ultima modifica Domenica, 06 Dicembre 2020 11:37

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 15 Giugno [Last update:&nbs...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/6 - Sol 905] - Meteoro...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 14 Giugno [updated on 06/1...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 giugno [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista