Scritto: Sabato, 17 Luglio 2021 05:00 Ultima modifica: Sabato, 17 Luglio 2021 05:51

Juno sintonizzata sulle emissioni radio di Giove


Ascoltando la pioggia di elettroni che fluisce su Giove dalla luna vulcanica Io, il team della sonda della NASA Juno ha scoperto cosa innesca le potenti emissioni radio all'interno del gigantesco campo magnetico del pianeta. Il nuovo risultato getta luce sul comportamento dei campi magnetici generati da pianeti giganti come Giove.

Rate this item
(1 Vote)
Juno sintonizzata sulle emissioni radio di Giove Crediti: NASA/GSFC/Jay Friedlander

Giove ha diverse grandi lune che orbitano all'interno del suo potente campo magnetico. Io è la più vicina ed è coivolta ad in tiro alla funa gravitazionale con Giove, che alimenta centinaia di eruzioni vulcaniche sulla sua superficie.
Questi vulcani rilasciano collettivamente una tonnellata di materiale (gas e particelle) al secondo nello spazio, vicino a Giove. Parte di esso si divide in ioni ed elettroni caricati elettricamente e viene rapidamente catturato dal campo magnetico del pianeta.

Quando il campo magnetico di Giove supera Io, gli elettroni della luna vengono accelerati lungo il campo magnetico verso i poli del gigante gassoso. Lungo il loro percorso, questi elettroni generano onde radio "decametriche" (le cosiddette emissioni radio decametriche, o DAM) che possono essere "ascoltate" dallo strumento Juno Waves di Juno.

I ricercatori hanno utilizzato i suoi dati per identificare le posizioni precise all'interno del vasto campo magnetico di Giove in cui hanno avuto origine le emissioni radio. Questi sono luoghi in cui le condizioni sono giuste per generare le onde radio; con la giusta intensità del campo magnetico e la giusta densità di elettroni (non troppo e non troppo poco), secondo il team.

"L'emissione radio è probabilmente costante, ma Juno deve essere nel posto giusto per ascoltare", ha affermato Yasmina Martos del Goddard Space Flight Center della NASA e dell'Università del Maryland, College Park.
Le onde radio emergono dalla sorgente lungo le pareti di un cono cavo allineato e controllato dalla forza e dalla forma del campo magnetico di Giove. Juno riceve il segnale solo quando la rotazione di Giove spazzola quel cono sulla navicella, allo stesso modo in cui un faro illumina brevemente una nave in mare. Martos è l'autrice principale di un articolo su questa ricerca pubblicato nel giugno 2020 sul Journal of Geophysical Research: Planets.

I dati di Juno hanno permesso al team di calcolare che l'energia degli elettroni che genera le onde radio è molto più alta di quanto stimato in precedenza, fino a 23 volte maggiore. Inoltre, gli elettroni non devono necessariamente provenire da una luna vulcanica. Ad esempio, secondo il team, potrebbero trovarsi nel campo magnetico del pianeta (magnetosfera) o provenire dal Sole come parte del vento solare.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 175 volta/e Ultima modifica Sabato, 17 Luglio 2021 05:51

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto [updated on 08/05...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista