Scritto: Lunedì, 21 Giugno 2021 05:08 Ultima modifica: Lunedì, 21 Giugno 2021 07:29

Juno scopre ioni altamente energetici intrappolati alle medie latitudini di Giove


La sonda della NASA Juno a rilevato ioni con energie superiori a 100 megaelettronvolt per nucleone, intrappolati alle medie latitudini di Giove.

Rate this item
(2 votes)
In questa illustrazione viene mostrata anche gli approcci più vicini delle sonde Pioneer 11 e Galieli, rispetto alla rotta di Juno. In questa illustrazione viene mostrata anche gli approcci più vicini delle sonde Pioneer 11 e Galieli, rispetto alla rotta di Juno. Crediti: M. Stetson, D. Santos-Costa, J. Arballo, H. N. Becker, CC BY-NC 4.0

L'ambiente di radiazione planetaria di Giove è il più intenso del Sistema Solare. Juno è dal 2016 che orbita attorno al pianeta gigante, avvicinandosi più di qualsiasi altra sonda precedete, studiando le sue fasce di radiazione più interne da un'orbita polare unica. Ora, un nuovo studio ha scoperto che in questa regione risiede una popolazione di ioni pesanti e ad alta energia prima sconosciuta, intrappolata alle medie latitudini.

Gli autori non hanno utilizzato rilevatori di particelle e spettrometri nella loro ricerca ma gli star tracker di Juno, il sistema di telecamere utilizzato dalla navicella per la navigazione e realizzato in Italia da Leonardo.

La Stellar Reference Unit (SRU) è costituita da fotocamere ad alta risoluzione la cui missione principale è utilizzare le osservazioni del cielo per calcolare l'orientamento preciso del veicolo spaziale.
SRU è uno dei componenti più schermati su Juno, offrendo una protezione dalle radiazioni sei volte maggiore rispetto agli altri sistemi. Tuttavia, nonostante la pesante schermatura, ioni ed elettroni con energie molto elevate riescono occasionalmente a penetrare, colpendo i sensori delle fotocamere. Questo studio si concentra su 118 eventi insoliti che hanno raggiunto i CCD con un'energia notevolmente superiore rispetto alle tipiche particelle penetrate.

Utilizzando modelli al computer ed esperimenti di laboratorio, gli autori hanno determinato che questi ioni hanno depositato da 10 a 100 volte più energia di quella depositata normalmente dai protoni e dagli elettroni che riescono a penetrare nei sensori.

Per identificare le specie ioniche potenzialmente responsabili, gli scienziati hanno esaminato la morfologia dei colpi del sensore
Quando le particelle riescono a penetrare nelle fotocamere, vengono interessati diversi pixel sul CCD: alcuni eventi con un angolo di incidenza basso possono creare strisce in cui l'energia viene depositata formando una sorta di scia. Il software di simulazione può dedurre il tipo di particelle energetiche proprio dal tipo di traccia lasciata sui pixel del sensore.

Specie di ioni leggeri come l'elio o pesanti come lo zolfo potrebbero spiegare almeno alcuni dei colpi osservati, hanno detto gli autori. Ma le specie dall'elio all'ossigeno potrebbero spiegarli tutti, a condizione che abbiano energie superiori a 100 megaelettronvolt per nucleone. Secondo la ricerca, questi ioni provengono dal bordo interno della regione di emissione del sincrotrone, situata a distanze radiali di 1,12-1,41 raggi gioviani e latitudini magnetiche comprese tra 31 gradi e 46 gradi.

Questa zona non è stata esplorata da missioni precedenti e questa popolazione di ioni era precedentemente sconosciuta. Con energie totali di svariati gigaelettronvolt, rappresentano le particelle più energetiche mai osservate da Juno.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 90 volta/e Ultima modifica Lunedì, 21 Giugno 2021 07:29

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto [updated on 08/05...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista