Scritto: Sabato, 06 Aprile 2019 12:25 Ultima modifica: Sabato, 06 Aprile 2019 21:37

Hayabusa-2 bombarda Ryugu


L'ordigno SCI ha scagliato un proiettile di rame sull'asteroide, scavando un cratere di 10 metri dal quale verrà raccolto il secondo campione di materiale da riportare a Terra.

Rate this item
(0 votes)
Rappresentazione artistica del rilascio di SCI (a sinistra) e della sua esplosione mentre la DCAM3 riprende l'impatto e Hayabusa-2 si nasconde dietro Ryugu (a destra) Rappresentazione artistica del rilascio di SCI (a sinistra) e della sua esplosione mentre la DCAM3 riprende l'impatto e Hayabusa-2 si nasconde dietro Ryugu (a destra) Credits: JAXA / Planetary Society

 Nelle prime ore di ieri, il "falcone" della JAXA ha eseguito una complessa manovra mai tentata prima, avvicinandosi a circa 500 metri dall'asteroide NEO e poi rilasciando un dispositivo chiamato SCI (Small Carry-on Impactor). Diciotto minuti dopo, a una distanza di circa 1 km, anche una piccola telecamera (DCAM3) è stata rilasciata e poi la sonda è andata a ripararsi dietro all'asteroide; la complessa coreografia è mostrata di seguito (l'orario è quello giapponese e non tiene conto del tempo di ritardo nella propagazione del segnale):

S01 traj

Credits: JAXA

 L'ordigno SCI, privo di motori o di sistemi di controllo dell'assetto e stabilizzato solo dalla lenta rotazione attorno all'asse, si portava al di sotto di 200 metri dalla superficie di Ryugu per poi esplodere e scagliare il proiettile. Dopo l'esplosione, Hayabusa-2 ha continuato ad allontanarsi fino a 100 km dall'asteroide, fotografando eventuali detriti con le telecamere grandangolari.

20190327 hb2 sci cutaway

Struttura schematica di SCI - Credits: JAXA

 

Credits: JAXA

 Quaranta minuti dopo il rilascio, l'esplosivo plastico venive detonato e l'esplosione, propagandosi attraverso una sorta di imbuto, deformava e accelerava un disco di rame. Il proiettile, scagliato in avanti, assumeva una forma ad ogiva (come illustrato nel diagramma qui sotto) e raggiungeva una velocità di ben 2 km/s; dopo circa un decimo di secondo, esso impattava la superficie dell'asteroide creando un cratere che, si stima, è ampio una decina di metri e profondo almeno 1 metro.

20190329 plate deform

 In rete qualcuno ha scherzosamente osservato che con questa nuova manovra, la sonda giapponese ha voluto vendicare i dinosauri, sterminati 65 milioni di anni fa da un asteroide 10-15 volte più grande di Ryugu. Invece, le motivazioni erano esclusivamente scientifiche.

Di seguito, la mappa e le immagini del luogo prescelto per l'impatto, denominato S01 e he è stata oggetto della precedente campagna CRA:S01 map

SCI

L'esperimento SCI; a destra l'ordigno vero e proprio, con il proiettile di rame sul fondo; quella a sinistra è una protezione termica aggiunta prima del lancio - Credit: JAXA.

 La telecamera DCAM-3 è l'evoluzione di quelle già utilizzate durante la missione IKAROS, la prima vela solare che abbia navigato nello spazio nel 2010 e che venne rilasciata dalla sonda venusiana Akatsuki. Curiosamente, sebbene le immagini 2048x2048 da essa riprese sono digitali, la trasmissione verso la sonda madre avviene in forma analogica; essa ha funzionato egregiamente durante 4 ore dopo il rilascio, trasmettendo la seguente immagine dell'impatto:

SCI combo

Credits: JAXA

 In alto a sinistra c'è una immagine DCAM3 scattata subito dopo l'esplosione di SCI, con uno sbuffo di detriti ingrandito in alto a destra. Sotto, SCI fotografato da Hayabusa2 poco dopo il suo rilascio e, a destra, una immagine grandangolare di Ryugu scattata alle ore 01:26 italiane, durante la fase iniziale di approccio.

DCAM

Copia della DCAM3 - Credits: JAXA

 Nei prossimi giorni, vedremo in dettaglio come è fatto il cratere scavato dal proiettile.

 

Riferimenti:

http://www.hayabusa2.jaxa.jp/en/

http://www.planetary.org/blogs/jason-davis/what-to-expect-hayabusa2-sci.html

Read 511 times Ultima modifica Sabato, 06 Aprile 2019 21:37
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre (ore 22.30)

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 7 Dicembre)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 7/12 [Last update: Dec,07]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 30/11/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 7/12 [Last update: Dic,07].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 7/12 - Sol 365]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 13/8/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 6 Dicembre [updated on Dec,06]

HOT NEWS