Scritto: Domenica, 31 Luglio 2022 00:01 Ultima modifica: Domenica, 31 Luglio 2022 06:03

Debutto di successo per il 'Vega' cinese


La società CAS Space ha lanciato, con successo, il suo primo razzo vettore, lo ZK-1A dalla base di Jiuquan. A bordo sei satelliti cinesi realizzati per vari scopi ed inseriti regolarmente in orbita bassa terrestre.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto il decollo del razzo Lijian-1 con i sei satelliti a bordo.
Nella foto il decollo del razzo Lijian-1 con i sei satelliti a bordo.
Credito: Xinhua

 Il CAS Space Zhongke-1A, un veicolo di lancio di piccola e media portata a quattro stadi, ha effettuato il suo primo lancio in assoluto alle 04:12 UTC di mercoledì 27 luglio 2022. Il razzo è volato con successo dal Centro Lancio Satelliti di Jiuquan, nella remota regione desertica della Mongolia Interna, nella Cina nord-occidentale. CAS Space, nota anche come Zhongke Aerospace, è una società spin-off parzialmente di proprietà dell'Accademia cinese delle scienze. L'azienda ha sviluppato il veicolo Zhongke-1A, noto anche come ZK-1A o Lijian-1, basato sull'esistente missile balistico intercontinentale stradale DF-31. Questo è uno dei numerosi veicoli di lancio cinesi con eredità di missili balistici intercontinentali a combustibile solido.

 Lo Zhongke-1A è in una classe di veicoli simile al lanciatore Vega dell'Agenzia Spaziale Europea e, secondo quanto riferito, può lanciare tra 1,33 e 1,5 tonnellate su un'orbita polare solare sincrona (SSO). Si dice anche che il razzo sia in grado di lanciare fino a due tonnellate su un'orbita bassa terrestre ed è il più grande veicolo di lancio cinese a combustibile solido fino ad oggi. Zhongke-1A ha un diametro di 2,65 metri e un'altezza di 31 metri. Il razzo pesa 135 tonnellate al decollo, con 200 tonnellate di spinta. Queste cifre sono abbastanza simili al veicolo Vega originale dell'ESA e anche la capacità di carico utile alle orbite sincrone con il Sole e verso l'orbita bassa è simile al razzo europeo, ora sostituito dal Vega-C aggiornato.

 Presso il sito 130 a Jiuquan è stata costruita appositamente una nuova piattaforma di lancio per i razzi Zhongke. Questo sito ha un edificio in cui il grande trasportatore su ruote ICBM mobile di Zhongke-1A lo lascia. Qui il razzo viene preparato e quindi eretto prima del decollo. Jiuquan è stato il primo sito di lancio spaziale della Cina. Il primo satellite cinese è stato lanciato da Jiuquan il 24 aprile 1970 e anche tutte le missioni Shenzhou con equipaggio sono volate da questo sito. Il sito di Jiuquan, con un'area di 2800 chilometri quadrati, lancia attualmente anche altri razzi orbitali a combustibile solido come il Kuaizhou-1A, Ceres-1 e Hyperbola-1.

cina kz1c lijian1 erected jiuquan 20072022

Nella foto il razzo ZK-1A (Lijian-1) sulla rampa di lancio di Jiuquan. Credito: Weibo

 Il primo lancio dello Zhongke-1A è stato eseguito con un carico utile di sei satelliti. Inizialmente, c'erano rapporti contrastanti su quanti fossero esattamente a bordo, ma le ultime informazioni hanno confermato questo numero di satelliti. Il carico utile principale è noto per essere SATech-01, noto anche come SY-01. Questo veicolo spaziale è un nuovo satellite per test di tecnologia spaziale arrivato a Jiuquan in preparazione del lancio il 10 maggio scorso. La squadra di terra, incaricata di preparare il satellite, ha dovuto sottoporsi a una quarantena di 14 giorni a causa dell'ultimo ceppo di COVID e dei blocchi in Cina associati ad esso, e hanno completato il loro lavoro sul sito di lancio dopo aver terminato la quarantena.

 SATech-01 presenta l'High Energy Burst Searcher (HEBS) come un importante carico utile. Questo strumento è progettato per monitorare i lampi di raggi gamma associati a eventi di onde gravitazionali come la collisione di buchi neri. Diversi altri strumenti di esplorazione tecnologica sono a bordo di questo satellite e la sua orbita solare sincrona consente anche di effettuare esperimenti di osservazione della Terra.

 Cinque microsatelliti più piccoli sono stati inclusi anche come parte del carico utile di Zhongke-1A. Nella missione sono stati inclusi il satellite scientifico Huawan-Nanyue Kexue, il satellite Chuangxin-15, 2 satelliti per la ricerca sull'elettromagnetismo e un satellite GNSS per la misurazione della densità atmosferica. Secondo quanto riferito, uno dei microsatelliti aveva una chiave quantistica a bordo, come parte del lavoro della Cina sullo sviluppo delle comunicazioni quantistiche. Il satellite Nanyue Kexue prende il nome da una scuola di tecnologia a Guangzhou e, secondo quanto riferito, cinquanta insegnanti e studenti di quella scuola avrebbero dovuto essere presenti per il lancio.

 CAS Space, con sede a Guangzhou, sta pianificando di lanciare un razzo di portata media noto come ZK-2 con un nucleo simile allo ZK-1A più due propulsori a razzo solido con la stessa larghezza del primo stadio. Il debutto di questa versione potrebbe avvenire alla fine dell'anno se tutto andrà come previsto. È in fase di sviluppo anche un piccolo lanciatore a propellenti liquidi, lo ZK-3, con maggiore capacità in SSO.

cina zk family 2022

Nell'immagine, apparsa durante una presentazione, i vari razzi in fase di sviluppo da parte della società cinese CAS Space. Le somiglianze con noti vettori occidentali non possono passare inosservate. Credito: Weibo

 La società sta inoltre sviluppando i razzi VTVL (decollo verticale/atterraggio verticale) ZK-4, ZK-4A e ZK-5 con motori a combustibile liquido e il razzo turistico spaziale suborbitale ZK-6. Lo ZK-6 ha una marcata somiglianza con il New Shepard di Blue Origin, mentre lo ZK-4A e lo ZK-4 somigliano rispettivamente al Falcon 9 e Falcon Heavy di SpaceX. Il lancio odierno dello ZK-1A è l'ultimo di una serie di lanci e sviluppi da parte del nascente settore spaziale commerciale cinese, come parte del piano del Paese per lo sviluppo di un potente settore spaziale.

 Si è trattato del 90esimo lancio orbitale globale del 2022, l'87esimo a concludersi con successo ed il 26esimo per la Cina.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 431 volta/e Ultima modifica Domenica, 31 Luglio 2022 06:03

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2022

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 agosto. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora