Scritto: Domenica, 11 Luglio 2021 14:49 Ultima modifica: Lunedì, 12 Luglio 2021 18:57

La Cina vuole usare i Long March per deviare Bennu


Gli scienziati cinesi hanno deciso di salvare il mondo dagli asteroidi anche da quelli che hanno una piccola probabilità di colpire un giorno il nostro pianeta. Per farlo, hanno simulato di colpire con 23 razzi cinesi Lunga Marcia 5 una roccia spaziale molto famosa.

Rate this item
(0 votes)
Bennu (OSIRIS-REx) Bennu (OSIRIS-REx) Crediti: NASA's Goddard Space Flight Center/University of Arizona

L'asteroide in questione si chiama Bennu, visitato dalla sonda americana OSIRIS-REx che ha anche raccolto dei campioni da riportare  sulla Terra nel 2023.
Bennu è un asteroide di tipo B, il che significa che contiene elevate quantità di carbonio e, potenzialmente, molte delle molecole primordiali presenti quando la vita è emersa sul nostro pianeta. Questo NEO (Near-Earth Object)  potrebbe avere almeno otto potenziali impatti con la Terra tra il 2169 ed il 2199. Sebbene la possibilità che Bennu possa colpire la Terra è solo 1 su 2.700, l'asteroide ha un diametro medio di mezzo chilometro circa e, con queste dimensioni, la collisione sarebbe catastrofica, anche se solo a livello locale e non globale.

L'energia cinetica stimata dell'impatto tra Bennu e la Terra è di 1.200 megatoni, che è circa 80.000 volte maggiore dell'energia della bomba sganciata su Hiroshima. Per fare un confronto, la roccia spaziale che ha spazzato via i dinosauri ha rilasciato circa 100 milioni di megatoni di energia.

Gli scienziati del National Space Science Center cinese hanno calcolato che se 23 razzi Lunga Marcia 5, ciascuno del peso di circa 990 tonnellate, colpissero la roccia spaziale contemporaneamente, basterebbero per deviare l'asteroide da un percorso fatale di quasi 9000 chilometri (1,4 volte il raggio della Terra). I loro calcoli dettagliati saranno pubblicati sulla rivista Icarus.
"Gli impatti di asteroidi rappresentano una grave minaccia per tutta la vita sulla Terra", ha scritto Mingtao Li, ingegnere di scienze spaziali del National Space Science Center di Pechino e autore principale del nuovo studio. "Deviare un asteroide su una traiettoria di impatto è fondamentale per mitigare questa minaccia. Un impattatore cinetico rimane il metodo di deviazione degli asteroidi più fattibile".

Nel documento viene proposto l'Assembled Kinetic Impactor (AKI), che combina il veicolo spaziale con lo stadio superiore del vettore di lancio. Dopo che quest'ultimo ha spedito il veicolo spaziale su una traiettoria di fuga dalla Terra, la classica separazione dal razzo non viene eseguita. "Mantenendo la massa dello stadio superiore del veicolo di lancio, la massa dell'impattore viene aumentata, migliorando così l'efficienza di deflessione", si legge nel documento. "Il concetto AKI consente di deviare grandi asteroidi simili a Bennu con una tecnica senza ricorrere a un ordigno nucleare, con un tempo di lancio di 10 anni [di anticipo rispetto all'impatto]".

Il piano cinese segue una proposta passata simile, ma leggermente più costosa, avanzata dagli Stati Uniti. Il piano della NASA, chiamato Hypervelocity Asteroid Mitigation Mission for Emergency Response (HAMMER), una flotta di veicoli spaziali da 8 tonnellate che potrebbero deviare la rotta di un'asteroide senza l'uso di esplosioni nucleari. Le simulazioni della NASA suggeriscono che, per spostare Bennu, sarebbero necessari da 34 a 53 colpi della sonda HAMMER, lanciata 10 anni prima della potenziale collisione dell'asteroide con la Terra.

La NASA e l'ESA saranno le prime agenzie spaziali a testare un nuovo metodo per spostare gli  asteroidi con due missioni congiunte che partiranno il 24 novembre di quest'anno. La missione DART (Double Asteroid Redirection) invierà un veicolo verso il sistema di asteroidi Didymos distante 11 milioni di chilometri. Una volta lì, la navicella spaziale della NASA colpirà la luna di Didymos, Dimorphos, una roccia in orbita attorno all'asteroide. La missione dell'ESA, Hera, monitorerà quindi i risultati ottenuti da DART e ci sarà anche un microsatellite italiano, il LiciaCube, a verificare da vicino gli effetti dell'impatto.

I razzi Lunga Marcia 5 sono i cavalli di battaglia del programma spaziale cinese, compiono molti voli per la Stazione Spaziale Cinese, lanciano sonde cinesi su Marte e sulla Luna e, talvolta destano un po' di preoccupazione sulla Terra quando il primo stadio rientra in modo incontrollato!

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 138 volta/e Ultima modifica Lunedì, 12 Luglio 2021 18:57

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Non c'è due senza tre

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto [updated on 08/05...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista