Scritto: Venerdì, 05 Novembre 2021 18:37 Ultima modifica: Sabato, 06 Novembre 2021 04:55

Blue Origin sconfitta nella causa per il lander lunare


La Corte Federale dei Reclami degli Stati Uniti si è pronunciata contro Blue Origin nella sua causa sulla scelta di SpaceX, da parte della NASA, per il sistema di allunaggio di Artemis.

Rate this item
(2 votes)
Nell'illustrazione artistica la Starship lunare sul suolo selenico.
Nell'illustrazione artistica la Starship lunare sul suolo selenico.
Crediti: SpaceX

 In un documento di una pagina rilasciato il 4 novembre, il giudice Richard A. Hertling ha accolto una mozione del governo federale, l'imputato nel caso, per archiviare il caso presentato da Blue Origin ad agosto. Il parere completo, come altri documenti depositati nel caso, rimane sotto un'ordinanza cautelare, sebbene Hertling abbia chiesto alle parti in causa di proporre la redazione di una versione pubblica del parere entro il 18 novembre.

 Blue Origin aveva intentato causa il 16 agosto dopo che il GAO (Government Accountability Office – l'ufficio federale che si occupa delle valutazioni delle spese statali) aveva respinto le proteste, eseguite sia da Blue Origin che da Dynetics al premio HLS (Human Landing System), che la NASA ha presentato ad aprile. Sia le proteste che la successiva causa hanno sospeso il lavoro sul programma HLS, sebbene le parti della causa abbiano concordato un programma accelerato per il caso, che originariamente richiedeva una sentenza definitiva entro il 1 novembre. Nella sua causa, Blue Origin ha sostenuto che la NASA ha ignorato il requisito che gli offerenti includano una revisione della preparazione al volo (FRR) prima del lancio di ciascun elemento del sistema di atterraggio. SpaceX non era riuscita a farlo per ciascuno dei suoi lanci di navi cisterna Starship, ma la NASA non aveva comunque squalificato la proposta di SpaceX. “Sosteniamo la nostra posizione secondo cui la NASA ha selezionato una proposta che non era conforme alla sollecitazione. Ci sono seri problemi di sicurezza intorno a questo e quella rinuncia ai requisiti materiali ha pregiudicato noi e Dynetics," aveva detto Megan Mitchell, vicepresidente delle relazioni con il governo di Blue Origin, in un'intervista a settembre. Il GAO aveva respinto tale argomento nella protesta dell'offerta, dicendo che non c'erano prove che altri offerenti avrebbero cambiato le loro proposte se avessero saputo che la NASA avrebbe rinunciato al requisito FRR. Blue Origin ha replicato nella sua causa che "avrebbe progettato e proposto un'architettura completamente diversa con differenze corrispondenti nelle valutazioni tecniche, gestionali e di prezzo," se avesse saputo che era così.

 Blue Origin, in un comunicato sulla decisione del tribunale, ha ribadito le sue preoccupazioni. "La nostra causa con la Court of Federal Claims ha evidenziato gli importanti problemi di sicurezza con il processo di approvvigionamento del sistema di atterraggio umano che devono ancora essere affrontati," ha affermato la società. “Riportare gli astronauti in sicurezza sulla Luna attraverso il modello di partnership pubblico-privato della NASA richiede un processo di approvvigionamento senza pregiudizi insieme a una solida politica che incorpori sistemi ridondanti e promuova la concorrenza”. La decisione del tribunale dovrebbe consentire alla NASA di procedere a far partire i finanziamenti HLS a SpaceX, che l'agenzia ha confermato in una dichiarazione successiva. “La NASA è stata informata giovedì che la Corte dei reclami federali degli Stati Uniti ha negato la protesta di offerta di Blue Origin, confermando la selezione della NASA di SpaceX per sviluppare e dimostrare un moderno lander lunare abitato. La NASA riprenderà a lavorare con SpaceX nell'ambito del contratto Opzione A il prima possibile".

artemis hls comparision everydayastronaut

Nell'illustrazione la Starship lunare a confronto con i suoi concorrenti ed il LEM delle missioni Apollo. Crediti: Everyday Astronaut.

 L'agenzia ha cercato finanziamenti per supportare altre società per missioni oltre alla singola missione di atterraggio dimostrativo prevista nel premio HLS, la missione di atterraggio Artemis 3. "Ci saranno imminenti opportunità per le aziende di collaborare con la NASA per stabilire una presenza umana a lungo termine sulla Luna nell'ambito del programma Artemis dell'agenzia, inclusa una chiamata nel 2022 all'industria statunitense per servizi di atterraggio lunare con equipaggio ricorrenti," ha affermato la NASA nella sua dichiarazione. Tuttavia, la NASA è sotto pressione da parte di alcuni membri del Congresso, in particolare coloro del Senato che si occupano di destinare i fondi federali, per includere una seconda società nel programma HLS, cosa a cui Blue Origin ha accennato nella sua stessa dichiarazione. "Non vediamo l'ora di sentire la NASA tornare sui prossimi passi nel processo di approvvigionamento di HLS," ha affermato la società.

 Insomma sono stati persi almeno due mesi e mezzo per questa impuntatura di Jeff Bezos, il magnate di Blue Origin. Ricordo comunque che, mentre la Starship di SpaceX è in corso di sviluppo e test, con un imminente volo orbitale, la Blue Origin si trova, sia per il proprio razzo New Glenn, che per il lander, molto indietro. Questa decisione, come abbiamo visto, non chiude comunque la porta ai potenziali concorrenti di SpaceX per gli atterraggi lunari. Come accaduto per il programma commerciale equipaggi (che vide vincitori SpaceX e Boeing) potrebbe comunque essere un bene avere almeno due fornitori, nel caso, proprio come per le capsule orbitali, uno dei due (vedi i problemi di CST-100 Starliner di Boeing) incorresse in grossi problemi, anche dopo l'avvio delle missioni. La Starship lunare, o Moonship come la chiamano gli appassionati, sarà comunque, da un punto di vista di progetto, più semplice di una versione standard. In primis non avrà bisogno di uno scudo termico, le famose mattonelle nere che stanno dando qualche grattacapo agli ingegneri di SpaceX, e nemmeno la coppia di alette, dovendo manovrare in assenza di atmosfera. Rimane però la grossa incognita del rifornimento che Moonship dovrà fare in orbita terrestre, con almeno otto Starship cisterna nel giro di pochi giorni. Certo, visto che il volo, senza equipaggio, di Artemis 1 in orbita lunare, è slittato al 2022, la data di allunaggio umano nel 2024 sembra sempre più un miraggio, ma questo da respiro ai tecnici di SpaceX. Comunque non saranno certo un anno o due di ritardo a compromettere il programma, l'importante è tornare sulla Luna, e questa volta per restarci.

Letto: 463 volta/e Ultima modifica Sabato, 06 Novembre 2021 04:55

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 15 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Maggio. reboost! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 14 maggio. Statistiche sul...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora