Scritto: Sabato, 17 Aprile 2021 03:03 Ultima modifica: Sabato, 17 Aprile 2021 15:44

La NASA sceglie SpaceX per tornare sulla Luna


Con un colpo di scena degno di un thriller, la NASA ha selezionato soltanto la SpaceX per il sistema di atterraggio lunare. Sarà quindi la Starship lunare a riportare gli esseri umani sulla superficie selenica.

Rate this item
(1 Vote)
Nella illustrazione artistica una Starship riporterà gli astronauti NASA sulla superficie lunare. Nella illustrazione artistica una Starship riporterà gli astronauti NASA sulla superficie lunare. Credit: SpaceX.

La NASA si sta preparando a inviare astronauti ad esplorare zone diverse della Luna come parte del programma Artemis e l'Agenzia ha selezionato la SpaceX per continuare lo sviluppo del primo lander commerciale abitato che porterà in sicurezza i prossimi due astronauti americani sulla superficie lunare. Almeno uno di quegli astronauti entrerà nella storia come la prima donna sulla Luna. Un altro obiettivo del programma Artemis include l'atterraggio della prima persona di colore sulla superficie lunare. Il potente razzo SLS (Space Launch System) dell'agenzia lancerà quattro astronauti a bordo della navicella spaziale Orion per il loro viaggio di più giorni verso l'orbita lunare. Lì, due membri dell'equipaggio si trasferiranno al sistema di atterraggio umano (HLS – Human Lander System) di SpaceX per l'ultima tappa del loro viaggio verso la superficie della Luna. Dopo circa una settimana di esplorazione della superficie, risaliranno a bordo del lander per il loro breve viaggio di ritorno in orbita, dove si imbarcheranno nuovamente su Orion, assieme ai loro colleghi prima di tornare tutti assieme sulla Terra. Il valore di aggiudicazione totale del contratto è basato su vari obiettivi con un prezzo fissato a 2,89 miliardi di dollari. "Con questo contratto, la NASA e i nostri partner completeranno la prima missione dimostrativa con equipaggio sulla superficie della Luna nel 21esimo secolo, mentre l'Agenzia compie un passo avanti per l'uguaglianza delle donne e l'esplorazione dello spazio profondo a lungo termine," lo ha affermato Kathy Lueders, amministratore associato della NASA per Human Explorations and Operations Mission Directorate. "Questo passaggio fondamentale pone l'umanità sulla strada per un'esplorazione lunare sostenibile e tiene gli occhi sulle missioni più lontane nel Sistema Solare, Marte compreso".

La SpaceX ha lavorato a stretto contatto con gli esperti della NASA, durante il periodo di studio delle prestazioni HLS, per informare sul design del lander e garantire che soddisfi i requisiti di prestazioni dell'Agenzia e gli standard del volo spaziale umano. Con il principio chiave sulla sicurezza, questi standard concordati spaziano dalle aree di ingegneria, sicurezza, salute e tecniche mediche. "Questo è un momento emozionante per la NASA e in particolare per il team Artemis," ha detto Lisa Watson-Morgan, program manager per HLS presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Alabama. “Durante il programma Apollo, abbiamo dimostrato che è possibile fare ciò che sembra impossibile: far atterrare gli umani sulla Luna. Adottando un approccio collaborativo nel lavorare con l'industria, e allo stesso tempo sfruttando le comprovate competenze e capacità tecniche della NASA, porteremo ancora una volta gli astronauti americani sulla superficie della Luna, questa volta per esplorare nuove aree per periodi di tempo più lunghi".

nasa hls selection factor

Nella tabella, un riassunto delle principali caratteristiche valutate per i tre competitor, secondo i parametri che appaiono sul rapporto NASA. Credit: Massimo Martini.

 La nave spaziale HLS di SpaceX, progettata per atterrare sulla Luna, si appoggia ai motori Raptor, collaudati dell'azienda, e all'eredità di volo dei veicoli Falcon e Dragon. L'astronave include una cabina spaziosa e due camere di decompressione per le passeggiate lunari degli astronauti. L'architettura di Starship è destinata a evolversi in un sistema di lancio e atterraggio completamente riutilizzabile progettato per i viaggi verso la Luna, Marte e altre destinazioni. Il contratto HLS viene assegnato nell'ambito dell'Appendice H Broad Agency Announcement (BAA) di Next Space Technologies for Exploration Partnerships (NextSTEP-2). Parallelamente all'esecuzione del contratto Appendice H, la NASA intende implementare un appalto competitivo, per servizi di trasporto sostenibili sulla superficie lunare con equipaggio, che forniranno l'accesso umano alla superficie lunare utilizzando il Gateway su base regolarmente ricorrente oltre alla missione dimostrativa iniziale con equipaggio. Con il razzo Space Launch System della NASA, la capsula spaziale Orion, l'HLS e l'avamposto lunare Gateway la NASA, e i suoi partner commerciali e internazionali, stanno tornando sulla Luna per scoperte scientifiche, vantaggi economici e ispirazione per le nuove generazioni. Lavorando con i suoi partner durante il programma Artemis, l'Agenzia metterà a punto le tecnologie di atterraggio di precisione e svilupperà nuove capacità di mobilità per consentire l'esplorazione delle diverse regioni della Luna. In superficie, l'Agenzia ha proposto di costruire nuovi habitat e rover, testare nuovi sistemi di alimentazione e altro ancora. Queste, e altre innovazioni e progressi realizzati nell'ambito del programma Artemis, garantiranno che la NASA e i suoi partner siano pronti per il prossimo grande passo dell'esplorazione umana: l'esplorazione di Marte.

Fin qui il comunicato della NASA, una vera sorpresa da quando erano stati selezionati per la fase iniziale tre team per lo sviluppo di HSL, il lander lunare con equipaggio. Infatti sia il 'National Team' guidato dalla Blue Origin che la Dynetics sono stati esclusi, a sorpresa, dalla fase finale per l'aggiudicazione del contratto. La NASA non aveva nascosto che avrebbe voluto che fossero almeno due i team prescelti, come già fatto per i contratti per i rifornimenti (CRS – Commercial Resupply Services) e per i voli con equipaggio alla ISS (CCP – Commercial Crew Program), per non dover dipendere da un solo appaltatore ed evitare di rimanere senza accesso in orbita in caso di problemi con uno dei due. Con un obiettivo complesso come far tornare gli umani sulla Luna per la prima volta dagli anni '70, la ridondanza e le molteplici soluzioni distinte sarebbero state, ovviamente, ancora più desiderabili. Invece, contrariamente alle aspettative, la NASA ha annunciato di aver stipulato un contratto esclusivamente con SpaceX per la fase successiva dello sviluppo di HLS.

Starship Boca Chica 102320 HLS mockup nose

Nella foto il mockup della Starship Lunare, che si trova a Starbase Texas, con il logo della NASA. Credit: @bocachigal/NASASpaceflight.com

 Sebbene la SpaceX possa essere stato l'unico concorrente che ha già testato qualcosa che si avvicina a un vero hardware di volo integrato, la decisione della NASA per HLS, di avere come unica fonte la Starship, rappresenta una scommessa significativa. Nel suo primo anno già archiviato, quasi rispecchiando l'esperienza per il programma equipaggi commerciali della NASA, il Congresso ha sottofinanziato in modo aggressivo il programma HLS, assegnando 850 milioni di dollari - solo il 25% - dei 3,4 miliardi di dollari richiesti dalla NASA. In altre parole, la NASA sembra procedere con HLS partendo dal presupposto che il Congresso - come ha fatto con il CCP - continuerà a sottofinanziare cronicamente il programma del lander lunare per gli anni a venire. Se è così, la NASA sembra aver preso una decisione insolitamente astuta di strutturare HLS non sul suo budget preferito, ma su ciò che l'agenzia ritiene che il Congresso possa concedere. Detto in un modo leggermente diverso, la NASA sta fondamentalmente dicendo al Congresso che la sua mancanza di impegno finanziario ha costretto l'agenzia a procurarsi il suo contratto per il lander lunare solo con SpaceX. Questo per dare un impulso al Congresso di finanziare adeguatamente il programma HLS, se vuole fornitori ridondanti. Tutto sommato, mentre la NASA sta indubbiamente correndo un rischio selezionando SpaceX e Starship per restituire sia esso che l'umanità sulla Luna, l'Agenzia spaziale ora ha chiarito in modo deciso che è pienamente impegnata nel programma e nell'obiettivo, indipendentemente dal fatto che il Congresso sia disposto o meno a fare il suo lavoro. Occorre specificare che il contratto aggiudicato oggi alla SpaceX prevede due missioni, la prima senza equipaggio e la seconda con esseri umani a bordo. Dopo queste due prime missioni di SpaceX la NASA passerà al contratto successivo per le missioni operative, alle quali potranno partecipare anche le altre compagnie escluse a questo giro. Da segnalare che, leggendo attentamente il rapporto NASA con i criteri di scelta, il lander di Dynetics, Alpaca, quello a cui partecipava anche l'azienda italiana Thales Alenia Space, presentava gravi carenze tecniche. Un vero peccato ed un'occasione, al momento, persa per un'industria europea.

Certo è che, con questa scelta, ora, più di prima, tutti gli occhi degli appassionati del settore, e anche dei responsabili NASA, saranno puntati su quello che accade a Starbase Texas, dove si testano i prototipi di Starship!

Letto: 117 volta/e Ultima modifica Sabato, 17 Aprile 2021 15:44

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Il Falcon Heavy porterà VIPER sulla Luna

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista