Scritto: Venerdì, 25 Giugno 2021 05:06 Ultima modifica: Venerdì, 25 Giugno 2021 07:08

Anche la NASA manderà un lander sul lato opposto della Luna


La missione si chiama Lunar Interior Temperature and Materials Suite (LITMS), è sponsorizzata dal Southwest Research Institute e punterà al bacino di Schrödinger, un grande cratere da impatto sul lato opposto della Luna, nell'antico bacino del Polo Sud-Aitken..

Rate this item
(1 Vote)
Luna, bacino  Schrodinger Luna, bacino Schrodinger Crediti: LPI/USRA/NASA

Dispiegherà due strumenti specializzati: LISTER (Lunar Instrumentation for Thermal Exploration with Rapidity) e LMS (Lunar Magnetotelluric Sounder).
Il primo è stato progettato dalla Texas Tech University e utilizza un trapano per misurare il flusso di calore nel sottosuolo praticando un foro profondo 3 metri nella superficie lunare; il secondo si concentrerà sul monitoraggio dello spettro elettromagnetico e tenterà di mappare i campi magnetici ed elettrici naturali del nostro satellite.

LISTER mapperà le proprietà termiche e fisiche del materiale e non sarà solo. Un pacchetto simile sarà lanciato sul lato vicino della luna, nel Mare Crisium, circa un anno prima.
Poi, sempre nel bacino di Schrödinger, la missione LITMS sarà affiancata da due sismometri sensibili. I loro dati aiuteranno LITMS a fornire un'immagine interna della Luna.

Questi payload rappresentano le prime selezioni dell'Agenzia tra le proposte Payloads and Research Investigations on the Surface of the Moon (PRISM).
"Queste selezioni si aggiungono alla nostra solida pipeline di carichi utili scientifici e indagini da consegnare sulla Luna tramite CLPS", ha affermato Joel Kearns, vice amministratore associato per l'esplorazione presso il Science Mission Directorate. “Con ogni nuova selezione PRISM, svilupperemo le nostre capacità per consentire una scienza più grande e migliore e dimostrare la tecnologia che aiuterà a spianare la strada al ritorno degli astronauti sulla Luna con il programma Artemis”.

Queste missioni fanno parte del programma Commercial Payload Launch Services (CLPS) della NASA che si prefigge utilizzare i lanci di razzi commerciali per consegnare carichi utili sulla Luna.
LITMS dovrebbe essere lanciato nel 2024 ma nel caso di missioni sulla Luna, la finestra di lancio non rappresenta un dettaglio progettuale vincolante.

 

Lunar Vertex

Lunar Vertex, una delle tre selezioni, è composta da un lander e rover e atterrerà a Reiner Gamma, una delle caratteristiche naturali più distintive ed enigmatiche sulla Luna, nota come vortice lunare.
Gli scienziati non comprendono del tutto cosa siano i vortici lunari o come si formano, ma sanno che sono strettamente correlati alle anomalie associate al campo magnetico lunare. Il rover Lunar Vertex effettuerà misurazioni superficiali dettagliate del campo magnetico lunare utilizzando un magnetometro di bordo. Questi dati, abbinati a quelli rilevati dall'orbita, potranno far luce su queste strane caratteristiche e forniranno nuove informazioni sull'interno ed il nucleo del nostro satellite.

 

Le missioni nel bacino Schrödinger

LMS e LISTER sono guidati rispettivamente da SwRI e Texas Tech University. Gli strumenti sono stati selezionati in modo indipendente ma le due istituzioni hanno riconosciuto il valore combinato dei due strumenti e hanno chiesto di poter cooperare nello stesso volo. "Da lì, abbiamo unito le forze per proporre il lander sul lato lontano della Luna", ha detto il dott. Robert Grimm di SwRI, ricercatore principale di LITMS

"LITMS e il pacchetto sismico sono molto complementari nel fornire un quadro più completo dell'interno lunare", ha detto Dr. Robert Grimm dello SwRI. ricercatore principale per LITMS. “Insieme, sono un pioniere per una futura rete geofisica lunare, una serie globale di strumenti di lunga durata sulla superficie della Luna”.

I due sismometri fanno parte della Farside Seismic Suite (FSS), che sarà composta dal sismometro verticale "very broadband" e il sensore di breve periodo.
La NASA ha misurato l'attività sismica sul lato vicino della Luna durante il programma Apollo ma FSS restituirà i primi dati sismici dal lato lontano, una potenziale destinazione futura per gli astronauti Artemis. Questi nuovi dati potrebbero aiutare gli scienziati a comprendere meglio l'attività tettonica sul lato opposto del nostro satellite, rivelare quanto spesso il lato nascosto lunare viene colpito da piccoli meteoriti e fornire nuovi vincoli alla struttura interna della Luna. L'FSS continuerà a raccogliere dati per diversi mesi sulla superficie lunare oltre la durata del lander. Per sopravvivere alle lunghe notti lunari di due settimane, la suite sarà autosufficiente con alimentazione, comunicazioni e controllo termico indipendenti.

 

Le aspettative

"Queste indagini dimostrano il potere del CLPS di fornire grandi risultati scientifici in piccoli pacchetti, fornendo accesso alla superficie lunare per raggiungere obiettivi scientifici ad alta priorità per la Luna", ha affermato Lori Glaze, direttore della Planetary Science Division della NASA. “Quando gli scienziati analizzeranno questi nuovi dati insieme ai campioni lunari restituiti dall'Apollo e ai dati delle nostre numerose missioni orbitali, faranno avanzare la nostra conoscenza della superficie e dell'interno lunare e aumenteranno la nostra comprensione di fenomeni cruciali come l'erosione spaziale per informare le future missioni con equipaggio verso la Luna e oltre”.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 208 volta/e Ultima modifica Venerdì, 25 Giugno 2021 07:08

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Artemis: Quasi pronto SLS-1

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista