Scritto: Domenica, 13 Giugno 2021 01:24 Ultima modifica: Domenica, 13 Giugno 2021 05:24

Artemis: Quasi pronto SLS-1


Con il posizionamento del primo, gigantesco, stadio di SLS-1 fra i due booster a propellente solido, avvenuto sabato all'interno del Vertical Assembly Building del Kennedy Space Center, il programma lunare Artemis è un passo più vicino al volo.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto, lo stadio principale di SLS-1, appena posizionato fra i due booster a prollente solido. Nella foto, lo stadio principale di SLS-1, appena posizionato fra i due booster a prollente solido. Credit: NASA Kennedy

 Dopo un mese di riparazioni della schiuma del sistema di protezione termica e altri preparativi, gli addetti dell'Exploration Ground Systems (EGS) della NASA e quelli delle operazioni di test principali, coadiuvati dall'appaltatore di supporto Jacobs, presso il Kennedy Space Center in Florida, hanno iniziato, il 10 giugno, le operazioni di sollevamento dello stadio principale (Core Stage) del razzo Space Launch System (SLS) per Artemis 1, all'interno del Vehicle Assembly Building (VAB). All'inizio dell'11 giugno, due dei carriponte nel VAB hanno ruotato, all'interno del Transfer Aisle, il Core Stage da orizzontale a verticale. I lavori sono proseguiti nel fine settimana ed il 12 giugno lo stadio è stato sollevato e posizionato nella High Bay 3, esattamente tra i due Booster solidi già impilati sulla Mobile Launcher-1 per essere assemblato assieme a loro. Il Core Stage di SLS-1 è l'elemento finale per il completamento del razzo ad arrivare al Kennedy. Dopo l'intera durata del test di accensione dello stadio, tenutosi al banco di prova B-2 di Stennis il 18 marzo scorso, alcuni lavori di ristrutturazione post Green Run test sono stati rinviati fino a quando il Core è stato spedito in Florida. La ristrutturazione standard post-accensione dei quattro motori RS-25 del Core Stage è stata completata presso Stennis, ma i lavori per rinnovare l'isolamento in schiuma dello stadio, per i suoi serbatoi di propellente criogenico, e la protezione dal calore, in lamina e sughero attorno allo scudo termico di base, sono stati rinviati al Kennedy.

nasa artemis sls1 firststage raised

Nella foto, il Core Stage di SLS-1, mentre viene sollevato, all'interno del VAB. Credit: NASA/Cory Huston

 EGS ha valutato almeno quattro mesi di lavoro per portare SLS-1 sulla rampa di lancio ma con tutti i possibili problemi che possono emergere durante tutte le varie fasi delle operazioni di 'stacking' e dei test si potrebbero accumulare facilmente ritardi che portano a sei mesi quella previsione. Anche se la data di lancio è, attualmente, ancora NET (non prima di) novembre 2021, la NASA immagina più probabile un lancio a marzo 2022. Dopo il Core Stage, il prossimo passo sarà poi l'installazione dello stadio superiore, l'Interim Cryogenic Propulsion Stage (ICPS), derivato da quello del veicolo di lancio Delta IV della United Launch Aliance. L'ICPS è attualmente nel Multi-Payload Processing Facility (MPPF) del Kennedy, dove è stato rifornito con idrazina per il suo sistema di controllo dell'assetto il 4 giugno scorso. Attualmente è previsto che ICPS venga spostato al VAB la settimana del 21 giugno. Dopo che l'ICPS sarà stato integrato, seguirà un adattatore per Orion. La capsula invece, completa del suo modulo di servizio e del LAS (Launch Abort System) sarà installata non prima di metà agosto.

Il Core Stage di SLS-1 è alto 65 metri ed ha un diametro di 8,4 metri. Il suo peso, a pieno carico, sarà di 979 tonnellate.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 187 volta/e Ultima modifica Domenica, 13 Giugno 2021 05:24

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista