Scritto: Venerdì, 13 Gennaio 2023 12:50 Ultima modifica: Venerdì, 13 Gennaio 2023 13:01

Un photobomb durato sette anni ha rivelato un raro sistema binario


Come riportato  il 10 gennaio al 241esimo incontro dell'American Astronomical Society a Seattle, la stella Gaia17bpp non stava cambiando ma è tornata a illuminarsi di nuovo dopo essere stata oscurate per sette anni da una stella compagna.

Rate this item
(2 votes)
Un photobomb durato sette anni ha rivelato un raro sistema binario
Crediti: Anastasios Tzanidakis

Lo strano sistema binario è stato scoperto dagli astronomi Anastasios "Andy" Tzanidakis e James Davenport dell'Università di Washington interessasti alle "stelle che si comportano in modo strano". La stella Gaia17bpp è stata segnalata da un avviso automatico del sondaggio Gaia. I dati hanno indicato che questa stella si era gradualmente illuminata in un periodo di 2 anni e mezzo.

"Crediamo che questa stella faccia parte di un tipo di sistema binario eccezionalmente raro, tra una stella grande e gonfia più vecchia - Gaia17bpp - e una piccola stella compagna circondata da un disco espanso di materiale polveroso", ha spiegato nel comunicato Tzanidakis. “Sulla base della nostra analisi, queste due stelle orbitano l'una intorno all'altra per un periodo di tempo eccezionalmente lungo, fino a 1.000 anni. Quindi, catturare questa stella luminosa che viene eclissata dal suo compagno polveroso è un'opportunità irripetibile".

In questo caso, la compagna di Gaia17bpp si sarebbe comportata come una vera e proprio photobomber spaziale rubando la scena, proprio come avviene nel "photobombing" sulla Terra tra gli esseri umani quando alcuni personaggi si piazzano sullo sfondo di una foto o di un video, salutano la fotocamera e si fanno notare disturbando la ripresa.

Tzanidakis e Davenport sono giunti a questa conclusione grazie alle osservazioni della sonda dell'ESA Gaia, che risalgono al 2014, unitamente alle osservazioni di altre missioni risalenti al 2010, tra cui Pan-STARRS1, WISE/NEOWISE e Zwicky Transient Facility.


Una compagna polverosa

Queste osservazioni, insieme ai dati di Gaia, hanno mostrato che Gaia17bpp si è attenuato di circa 4,5 magnitudini, o circa 63 volte. La stella è rimasta debole nel corso di quasi sette anni, dal 2012 al 2019 e, il periodo di oscuramento di sette anni volgeva al termine proprio quando è stata osservata dalla sonda europea.

Nessun'altra stella vicino a Gaia17bpp ha mostrato un simile comportamento.

Tzanidakis e Davenport hanno anche analizzato le osservazioni della stella risalenti agli anni '50 del secolo scorso grazie al programma DASCH, un catalogo digitale di oltre un secolo di lastre astrofotografiche ad Harvard.
"In oltre 66 anni di storia osservativa, non abbiamo trovato altri segni di oscuramento significativo in questa stella", ha detto Tzanidakis.
I due ricercatori credono che Gaia17bpp faccia parte di un raro tipo di sistema stellare binario, con un compagno stellare molto polveroso.

"Sulla base dei dati attualmente disponibili, questa stella sembra avere una compagna che si muove lentamente circondata da un grande disco di materiale", ha detto Tzanidakis. "Se quel materiale fosse nel sistema solare, si estenderebbe dal sole all'orbita terrestre, o più lontano".

Durante la'eclissi, il compagno invisibile stava bloccando circa il 98% della luce di Gaia17bpp, secondo Davenport.

Una compagna misteriosa

Come per altri sistemi binari "polverosi", anche in questo caso la natura della stella compagna e l'origine del disco di detriti rimangono un mistero. Tuttavia, in base ai dati preliminari, potrebbe trattarsi di una nana bianca piccola e massiccia. 

Sistemi simili sono stati identificati nel corso degli anni, come Epsilon Aurigae, una stella nella costellazione dell'Auriga che viene eclissata per due anni su 27 da una compagna relativamente grande e fioca. Ma il sistema scoperto da Tzanidakis e Davenport è unico tra questi pochi binari polverosi nella durata dell'eclissi che, prendendo quasi sette anni, è di gran lunga la più lunga.

A differenza del binario Epsilon Aurigae, però Gaia17bpp e la sua compagna sono così distanti che ci sarebbero voluti secoli o più prima che un osservatore sulla Terra avesse assistito a un'altra eclissi.
"Questa è stata una scoperta fortuita", ha detto Tzanidakis. “Se avessimo avuto qualche anno di pausa, ci saremmo persi. [La scoperta] indica anche che questi tipi di binari potrebbero essere molto più comuni. In tal caso, dobbiamo elaborare teorie su come sia nato questo tipo di accoppiamento. È sicuramente una stranezza ma potrebbe essere molto più comune di quanto ritenuto in precedenza".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 724 volta/e Ultima modifica Venerdì, 13 Gennaio 2023 13:01

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 2 febbraio. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB