Scritto: Martedì, 20 Dicembre 2022 05:17 Ultima modifica: Martedì, 20 Dicembre 2022 06:16

Qualcosa di strano sta accadendo nell'atmosfera di Giove


Anche se Giove non ha stagioni, quarant'anni di misurazioni dell'atmosfera del pianeta con veicoli spaziali e telescopi terrestri hanno rivelato strani modelli meteorologici, inclusi periodi caldi e freddi durante il suo lungo anno.

Rate this item
(2 votes)
Queste immagini a infrarossi di Giove sono state ottenute dal Very Large Telescope dell'European Southern Observatory nel 2016 e mostrano aree più fredde in blu e aree più calde in arancione.
Queste immagini a infrarossi di Giove sono state ottenute dal Very Large Telescope dell'European Southern Observatory nel 2016 e mostrano aree più fredde in blu e aree più calde in arancione.
Crediti: ESO / L.N. Fletcher

Sulla Terra, le transizioni meteorologiche tra inverno, primavera, estate e autunno sono il risultato dell'inclinazione dell'asse del pianeta rispetto al piano dell'ecclittica. Questa inclinazione di 23 gradi fa sì che diverse parti del globo ricevano quantità variabili di luce solare durante tutto l'anno. Ma l'asse di Giove è inclinato di soli 3 gradi, il che significa che la quantità di raggi solari che raggiune l'involucro gassoso cambia veramente poco nell'arco dell'anno gioviano (equivalente a 12 anni terrestri). Tuttavia, il nuovo studio, pubblicato su Nature Astronomy, ha rilevato periodiche oscillazioni di temperatura che si verificano attorno al globo coperto di nuvole.

"Ora abbiamo risolto una parte del puzzle, ovvero che l'atmosfera mostra questi cicli naturali", ha dichiarato nel comunicato Leigh Fletcher, astronomo dell'Università di Leicester nel Regno Unito e coautore del nuovo articolo. "Per capire cosa sta guidando questi schemi e perché si verificano in queste particolari scale temporali, dobbiamo esplorare sia sopra che sotto gli strati nuvolosi".

Secondo il team, questi cambiamenti dovrebbero avere a che fare con un fenomeno noto come teleconnessione.


La teleconnessione gioviana

La teleconnessione descrive parte della variabilità meteorologica e in alcuni casi anche climatica di un pianeta causata da cambiamenti che si verificano simultaneamente in parti del globo apparentemente non collegate e che potrebbero trovarsi a migliaia di chilometri di distanza. É stata osservata per la prima volta nell'atmosfera terrestre nel XIX° secolo, in particolare nel famoso ciclo La Nina - El Nino, noto anche come Oscillazione Meridionale. Si tratta di un fenomeno periodico che provoca un forte riscaldamento delle acque dell'Oceano Pacifico Centro-Meridionale e Orientale (America Latina) nei mesi di dicembre e gennaio. Questo a sua volta, causa inondazioni nelle aree direttamente interessate ma anche siccità in zone più lontane e altre perturbazioni che variano a ogni sua manifestazione.

Nella nuova ricerca, gli scienziati hanno scoperto che anche su Giove, quando le temperature aumentano a specifiche latitudini nell'emisfero settentrionale, le stesse latitudini nell'emisfero meridionale si raffreddano, quasi come una perfetta immagine speculare.

"Questa è stata la cosa più sorprendente di tutte", ha detto Glenn Orton, uno scienziato planetario del Jet Propulsion Laboratory della NASA e autore principale dello studio.
"Abbiamo trovato una connessione tra il modo in cui le temperature variavano a latitudini molto distanti", ha detto. "È simile a un fenomeno che vediamo sulla Terra, dove i modelli meteorologici e climatici in una regione possono avere un'influenza notevole sul tempo altrove, con i modelli di variabilità apparentemente 'teleconnessi' attraverso vaste distanze attraverso l'atmosfera".

Le misurazioni hanno anche rivelato che quando le temperature aumentano nella stratosfera, lo strato superiore dell'atmosfera di Giove, scendono nella troposfera, lo strato atmosferico più basso, dove si verificano gli eventi meteorologici, comprese le potenti tempeste gioviane.

40 anni di osservazioni

Lo studio ha incluso dati dal 1978 in poi, raccolti da alcuni dei migliori telescopi terrestri, tra cui il Very Large Telescope in Cile, l'Infrared Telescope Facility della NASA e il Subaru Telescope presso gli Osservatori Mauna Kea alle Hawaii. I ricercatori hanno anche utilizzato i dati di veicoli spaziali come le sonde Voyager nello spazio profondo, che hanno sorvolato Giove nel 1979 e la missione Cassini, che ha sorvolato Giove nel 2001 per esplorare Saturno.

"Misurare questi cambiamenti di temperatura e periodi nel tempo è un passo verso una previsione meteorologica completa di Giove, se riusciamo a collegare causa ed effetto nell'atmosfera del pianeta", ha affermato Fletcher. "E la domanda ancora più grande è se un giorno potremo estendere questo ad altri pianeti giganti per vedere se si presentano modelli simili".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1778 volta/e Ultima modifica Martedì, 20 Dicembre 2022 06:16

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 febbraio. Statistiche su...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB