Scritto: Mercoledì, 21 Dicembre 2022 04:58 Ultima modifica: Mercoledì, 21 Dicembre 2022 05:28

Esopianeti: scoperti due mondi potenzialmente abitabili a soli 16 anni luce


Gli astronomi hanno scoperto due mondi potenzialmente abitabili in orbita attorno a una nana rossa nel nostro cortile cosmico. I due esopianeti si trovano a soli 16 anni luce di distanza da noi e hanno masse simili a quella della Terra

Rate this item
(2 votes)
Infografica che confronta la distanza relativa tra i pianeti scoperti e la loro stella con i pianeti interni del Sistema Solare. La regione contrassegnata in verde rappresenta la zona abitabile dei due sistemi planetari.
Infografica che confronta la distanza relativa tra i pianeti scoperti e la loro stella con i pianeti interni del Sistema Solare. La regione contrassegnata in verde rappresenta la zona abitabile dei due sistemi planetari.
Crediti: immagine: Design: Alejandro Suárez Mascareño (IAC). Pianeti del Sistema Solare: NASA

Si trovano nella "zona abitabile" della loro stella, GJ 1002, per cui potrebbero avere acqua allo stato liquido sulla superficie. Un ingrediente fondamentale per la vita.
Poiché GJ 1002 è una nana rossa relativamente fredda, la sua zona abitabile è molto più vicina di quanto non lo sia quella del nostro Sistema Solare al Sole.
"GJ 1002 è una stella nana rossa, con appena un ottavo della massa del Sole", ha detto nella dichiarazione la coautrice dello studio e ricercatrice IAC, Vera María Passegger. "È una stella piuttosto fredda e debole. Ciò significa che la sua zona di abitabilità è molto vicina alla stella".
Tuttavia, non è detto che questi due nuovi mondi possano sostenere la vita. Ad esempio, nel Sistema Solare sia Venere che Marte si trovano nella zona abitabile del Sole ma nessuno dei due può essere considerato abitabile.

 Il pianeta più interno, designato GJ 1002b, impiega circa 10 giorni per orbitare attorno alla stella mentre il pianeta esterno, GJ 1002c, completa un'orbita in 21 giorni.
"La natura sembra intenzionata a mostrarci che i pianeti simili alla Terra sono molto comuni", ha detto l'autore dello studio Alejandro Suárez Mascareño dell'Instituto de Astrofisica de Canarias (IAC). "Con questi due ora ne conosciamo sette in sistemi planetari abbastanza vicini al Sole".

La vicinanza di entrambi i pianeti alla Terra significa che potrebbero essere obiettivi eccellenti per gli astronomi che mirano a studiare le atmosfere di mondi simili al nostro al di fuori del Sistema Solare.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

La scoperta

Gli esopianeti sono stati scoperti come risultato di una collaborazione tra lo strumento ESPRESSO (Echelle SPectrograph for Rocky Exoplanets and Stable Spectroscopic Observatory) dell'ESO (European Southern Observatory) installato presso il Very Large Telescope (VLT) nella regione desertica di Atacama nel nord del Cile, e CARMENES (Calar Alto high-Resolution search for M dwarfs with Exoearths with Near-infrared and optical Échelle Spectrographs) presso l'Osservatorio di Calar Alto in Andalusia, nel sud della Spagna.

"A causa della sua bassa temperatura, la luce visibile di GJ 1002 è troppo debole per misurare le sue variazioni di velocità [metodo della velocità radiale] con la maggior parte degli spettrografi", ha spiegato un ricercatore dell'Istituto di scienze spaziali (ICE-CSIC), Ignasi Ribas. Mentre ESPRESSO e il potere di raccolta della luce del VLT hanno permesso agli astronomi di effettuare osservazioni del sistema che non sarebbero state possibili con nessun altro telescopio terrestre.
"L'uno o l'altro dei due gruppi avrebbe avuto molte difficoltà se avesse affrontato questo lavoro in modo indipendente", ha concluso Suárez Mascareño. "Insieme siamo stati in grado di andare molto più lontano di quanto avremmo fatto agendo in modo indipendente".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2430 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 21 Dicembre 2022 05:28

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 febbraio. Statistiche su...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB