Scritto: Lunedì, 12 Aprile 2021 05:13 Ultima modifica: Lunedì, 12 Aprile 2021 06:13

Come sarebbero le gocce di pioggia su altri mondi?


Secondo un nuovo studio, le gocce di pioggia su altri pianeti e lune sono sorprendentemente simili nelle dimensioni delle gocce di pioggia sulla Terra nonostante abbiano composizioni chimiche diverse e cadano attraverso atmosfere molto diverse.

Rate this item
(2 votes)
Come sarebbero le gocce di pioggia su altri mondi? Creiti: AGU

Le precipitazioni sono molto diffuse in tutto il Sistema Solare, più di quanto comunemente si creda. Ovviamente piove acqua sulla Terra ma piove acido solforico su Venere, nevica anidride carbonica su Marte, su Giove piovono elio e chicchi di ammoniaca, piove metano su Titano e, potenzialmente, potrebbero piovere diamanti su Nettuno. Su alcuni pianeti potrebbero perfino piovere ferro o quarzo se le condizioni fossero giuste.Tuttavia, nonostante ciò che cade dal cielo è molto vario, tutte le gocce che formano la pioggia su altri mondi hanno all'incirca le stesse dimensioni, indipendentemente dal materiale.

Alla base di questa bizzarra scoperta c'è il fatto che le piccole gocce di pioggia evaporano mentre quelle grandi si separano in quelle più piccole.
Per determinare quali fossero questi limiti, gli scienziati hanno esaminato le dimensioni delle goccioline su pianeti simili alla Terra, come Marte o Venere. I modelli hanno mostrato che le gocce con un raggio inferiore a un decimo di millimetro evaporano prima di toccare il suolo, mentre le gocce più grandi, con un raggio di alcuni millimetri, si dividono in gocce dalla dimensione media. Quindi, solo le goccioline entro un intervallo di dimensioni specifico (tra circa un decimo di millimetro e diversi millimetri di raggio) possono raggiungere la superficie dei pianeti rocciosi come pioggia. Questo è un range piuttosto ristretto, dato che le gocce di pioggia aumentano di circa un milione di volte in volume durante la loro formazione all'interno di una nuvola.

"Esiste una gamma abbastanza piccola di dimensioni stabili che queste gocce di pioggia di diversa composizione possono avere; sono tutte fondamentalmente limitate ad avere circa la stessa dimensione massima", ha detto Kaitlyn Loftus, scienziato planetario presso l'Università di Harvard e autore principale del nuovo studio pubblicato in Journal of Geophysical Research: Planets di AGU.

Anche per i pianeti più grandi non c'è alcuna differenza.
La pioggia su Giove o Saturno sarebbe simile per dimensioni e forma a quella sulla Terra o su Marte. Allo stesso modo, il materiale di cui è composta non ha un impatto particolarmente rilevante sulle dimensioni delle gocce. Ad esempio, lo studio ha scoperto che la più grande delle gocce di metano su Titano sarebbe solo circa il doppio della dimensione media delle gocce sulla Terra, nonostante la gravità e le condizioni ambientali siano molto diverse.

Non è ancora chiaro esattamente perché esista questa uniformità, anche se il team ritiene che abbia a che fare con la densità e la tensione superficiale del materiale.

Questi risultati aiuteranno gli scienziati a simulare meglio le condizioni su altri pianeti perché le precipitazioni sono una componente chiave nel ciclo climatico e dei nutrienti. Modellare come potrebbero apparire le precipitazioni su un mondo lontano potrebbe anche aiutare i ricercatori ad interpretare le osservazioni di atmosfere esoplanetarie fatte dai telescopi spaziali. "Ora con strumenti come [il James Webb Space Telescope], che si spera sarà presto lanciato, avremo la capacità di rilevare spettri veramente fini di atmosfere esoplanetarie, in cui si verificherano nuvole e pioggia ", ha detto Tristan Guillot, scienziato planetario dell'Observatoire de la Côte d'Azur a Nizza, in Francia, non coinvolto nella ricerca. "Quindi, questi modelli saranno molto utili e importanti per interpretare quegli spettri".

%MCEPASTEBIN%

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 220 volta/e Ultima modifica Lunedì, 12 Aprile 2021 06:13

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista