Scritto: Mercoledì, 10 Aprile 2013 20:47 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Piove su Saturno: tutta colpa degli anelli


Da anni gli astronomi sanno che l'acqua è presente nell'atmosfera superiore di Saturno ma non hanno mai ottenuto conferme circa la sua provenienza.
Ora, nuove osservazioni hanno dimostrato che su Saturno piove e l'acqua arriva dagli anelli del pianeta.

Lo studio, pubblicato ieri sulla rivista Nature, dimostra che l'erosione delle particelle che compongono gli anelli ghiacciati di Saturno, forma molecole d'acqua che ricadono in alcune zone del pianeta.

Rate this item
(0 votes)

Pioggia su Saturno

Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute/University of Leicester

Da anni gli astronomi sanno che l'acqua è presente nell'atmosfera superiore di Saturno ma non hanno mai ottenuto conferme circa la sua provenienza.
Ora, nuove osservazioni hanno dimostrato che su Saturno piove e l'acqua arriva dagli anelli del pianeta.

Lo studio, pubblicato ieri sulla rivista Nature, dimostra che l'erosione delle particelle che compongono gli anelli ghiacciati di Saturno, forma molecole d'acqua che ricadono in alcune zone del pianeta.

Gli scienziati, utilizzando il Keck Observatory nelle Hawaii, hanno scoperto che le minuscole particelle di ghiaccio che formano gli anelli, a volte, vengono erose e si depositano nell'alta atmosfera: le goccioline, quindi, creano una sorta di vera e propria pioggia.

La ricerca, finanziata dalla NASA e condotta dall'Università di Leicester in Inghilterra, rivela che la pioggia influenza la composizione e la temperatura dell'atmosfera superiore di Saturno.

"Saturno è il primo pianeta che dimostra una significativa interazione tra l'atmosfera e il sistema di anelli," ha detto James O'Donoghue, l'autore principale del documento e ricercatore post-laurea a Leicester.
"L'effetto principale della ring rain è che tende a 'placare' la ionosfera di Saturno. In altre parole, questa pioggia riduce notevolmente le densità di elettroni nelle regioni in cui cade".

O’Donoghue sottolinea che quest'effetto è molto importate e spiega il motivo per cui, per molti decenni, le osservazioni hanno mostrato una densità insolitamente bassa a certe latitudini del pianeta.

"Si è scoperto che uno degli elementi fondamentali che guidano l'ambiente nella ionosfera di Saturno e il clima del pianeta, sono le particelle degli anelli che si trovano a 60.000 chilometri", ha detto Kevin Baines, co-autore del documento, del NASA Jet Propulsion Laboratory, Pasadena, California.

Nei primi anni '80, le immagini dalla sonda della NASA Voyager mostrarono 2 o 3 bande scure su Saturno e gli scienziati teorizzarono che fossero dovute all'acqua che cadeva sul pianeta. Ma quelle fasce non sono mai più state viste fino a quando questo team di ricerca non ha osservato Saturno nel vicino infrarosso con il Keck Observatory di Mauna Kea, nelle Hawaii, nel mese di aprile 2011.
L'effetto non è facile da rilevare e comprendere perché riguarda sottili emissioni luminose: per arrivare a queste conclusioni è stata necessario uno strumento come quello del Keck Observatory in grado di lavorare con la spettrometria a infrarossi e di frazionare una vasta gamma di lunghezze d'onda.

La pioggia dagli anelli si verifica nella ionosfera di Saturno dove l'ambiente neutro è influenzato dal flusso di particelle cariche e ad alta energia che raggiungono il pianeta con la radiazione solare.

O'Donoghue e la sua squadra hanno seguito le emissioni di un particolare ione idrogeno (idrogeno triatomico) che può formarsi nell'atmosfera di Saturno solo in caso di un maggiore apporto d'acqua e si aspettavano di osservare un bagliore infrarosso diffuso. Quello che hanno trovato, invece, era un alternarsi di bande chiare e scure, un vero e proprio calco degli anelli impresso sulla ionosfera del pianeta.

Hanno così ipotizzato che le particelle d'acqua cariche degli anelli venissero attirate verso Saturno lungo le linee del campo magnetico, neutralizzando l'ambiente. Questo processo lascia grandi "ombre" sul pianeta che, visto in infrarosso, dovrebbe invece mostrare un bagliore diffuso.

Le ombre coprono circa dal 30 al 43 per cento della superficie superiore dell'atmosfera di Saturno, da circa 25 a 55 gradi di latitudine: un'area molto più vasta rispetto a quella suggerita dalle prime osservazioni della sonda Voyager.

Sia la Terra e Giove hanno una regione equatoriale che si tinge molto uniformemente ma lo stesso modello non corrisponde su Saturno.

"Mentre Giove emette luce uniforme nella sua regione equatoriale, Saturno ha bande scure dove l'acqua cade sul pianeta, oscurando la ionosfera", ha detto Tom Stallard, della Leicester, co-autore della ricerca.
"Stiamo anche cercando di approfondire queste caratteristiche con uno strumento sulla sonda della NASA Cassini. Se avremo successo, la Cassini ci permetterà di visualizzare in dettaglio il modo in cui l'acqua rimuove le particelle ionizzate, come ad esempio eventuali modifiche in altitudine o variazioni giornaliere".

La ricerca è fondamentale anche per comprendere l'evoluzione e il destino degli anelli.

Letto: 2616 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista