Scritto: Sabato, 16 Luglio 2022 15:22 Ultima modifica: Domenica, 17 Luglio 2022 04:39

Dragon Cargo CRS-25 verso la stazione spaziale


Con un perfetto decollo notturno dal Kennedy Space Center, un razzo Falcon 9 di SpaceX ha piazzato in orbita la capsula Dragon Cargo destinata a portare rifornimenti per l'avamposto orbitale internazionale ISS. Un volo rinviato di alcune settimane per problemi tecnici.

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto il momento del decollo del razzo Falcon 9 per la missione Dragon Cargo CRS-25 dalla storica rampa 39A del Kennedy Space Center.
Nella foto il momento del decollo del razzo Falcon 9 per la missione Dragon Cargo CRS-25 dalla storica rampa 39A del Kennedy Space Center.
Credito: SpaceX.

 Una navicella spaziale Dragon Cargo di SpaceX è in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dopo che il lancio, avvenuto nelle prime ore del 15 luglio, era stato ritardato di oltre un mese a causa di una perdita di idrazina nel veicolo spaziale. Il Falcon 9 è decollato dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center alle 20:44 locali (le 00:44 UTC del 15 luglio), rilasciando il Dragon Cargo (la navicella contrassegnata dal numero C208 e che è al suo terzo volo nello spazio) nell'orbita bassa terrestre 12 minuti dopo. Il veicolo spaziale dovrebbe attraccare alla stazione verso le 15:20 UTC di sabato 16 luglio.

 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su una nave drone OCISLY, situata nell'Oceano Atlantico, sette minuti e mezzo dopo il decollo. Lo stadio, B1067, ha completato il suo quinto volo, dopo aver precedentemente lanciato le missioni Crew-3, Crew-4 e CRS-22 per la NASA e il satellite per comunicazioni Turksat 5B

 La navicella spaziale Dragon Cargo, che vola con una missione denominata CRS-25, sta trasportando 2.668 chilogrammi di carico, compresi esperimenti scientifici, rifornimenti per l'equipaggio, equipaggiamento per passeggiate spaziali e hardware. Quel totale include 544 chilogrammi di equipaggiamento situato nella sezione del bagagliaio non pressurizzata (il 'trunk') del veicolo spaziale. Tra i carichi utili scientifici c'è lo strumento chiamato Earth Surface Mineral Dust Source Investigation, o EMIT, che sarà installato all'esterno della stazione. Esso sarà utilizzato per studiare la polvere minerale nell'atmosfera e come questa interagisce con gli ecosistemi a livello globale.

 "Dobbiamo davvero essere in grado di comprendere il modo in cui la polvere interagisce con l'intero sistema terrestre," ha affermato Robert Green, ricercatore principale dell'EMIT presso il Jet Propulsion Laboratory, durante un briefing della NASA a giugno. L'EMIT fornirà molti più dati sulla polvere minerale rispetto ad altri sensori. "Utilizzeremo queste nuove misurazioni per aggiornare quei modelli del sistema terrestre e portare una migliore fedeltà ai modelli stessi". Lo strumento sosterrà anche la pianificazione della linea di future missioni dell'Osservatorio del sistema terrestre.

 La missione CRS-25 doveva essere lanciata all'inizio di giugno. Tuttavia, la NASA e SpaceX hanno posticipato il lancio dopo aver rilevato quelle che la NASA ha chiamato "letture elevate del vapore" dell'idrazina nel sistema di propulsione del veicolo spaziale. Dragon utilizza monometil idrazina e tetrossido di azoto come propellenti per i suoi propulsori Draco che gestiscono il suo avvicinamento e partenza dalla ISS e l'uscita dall'orbita alla fine della missione.

spacex f9 crs25 dragon fire rcs 15072022

Nell'immagine, tratta dal webcast, il Dragon Cargo CRS-25 mentre, pochi istanti dopo il distacco dal secondo stadio, accende i propulsori di manovra. Credito: SpaceX.

 In un briefing pre-lancio del 13 luglio, Benji Reed, direttore senior dei programmi di volo spaziale umano presso SpaceX, ha affermato che la società ha ricondotto la perdita a imperfezioni in una "superficie di tenuta" in cui una valvola si collega al sistema di propulsione. "Abbiamo sostituito quella valvola e quindi abbiamo testato a fondo il sistema per confermare che non ci fossero ulteriori perdite," ha affermato. Egli ha aggiunto che il problema non era con la valvola stessa, ma con la sigillatura di giunti e raccordi nell'impianto idraulico. La superficie di tenuta attorno alla valvola era stata "rielaborata" ma sembrava a posto, ha detto. I test iniziali del sistema di propulsione durante l'assemblaggio non hanno rilevato una perdita, ma potrebbero non essere stati sufficienti per rilevare quella perdita se esisteva in quel momento. SpaceX ha riscontrato la perdita solo durante i test di sistema "full up" prima del lancio. "Da allora abbiamo aggiornato i nostri processi," ha affermato Reed. Uno riguarda come eseguire la rilavorazione sulle superfici di tenuta per una "accettabilità più rigorosa". L'azienda sta inoltre incorporando processi di prova più rigorosi.

 Il problema è isolato per la navicella spaziale Dragon Cargo che vola in questa missione. "L'abbiamo esaminate molto da vicino," ha detto, “ma non abbiamo riscontrato problemi simili su altre navicelle Dragon della flotta. Inoltre, non c'è alcun segno di perdita sulla navicella spaziale Crew Dragon attualmente attraccata alla stazione durante la missione Crew-4.” Durante le indagini su questa perdita, SpaceX ha deciso di sostituire i paracadute sulla navicella spaziale. Reed ha detto che è stato fatto per precauzione perché i vapori di idrazina avrebbero potuto degradare i paracadute. "I risultati iniziali di quelle ispezioni stanno arrivando e quei paracadute originali sembrano in perfette condizioni," ha detto. "Probabilmente li useremo in una missione futura se le squadre determinano che sono sicuri da usare per il volo".

 Dana Weigel, vicedirettore del programma ISS della NASA, ha dichiarato durante il briefing pre-lancio che la NASA prevede di mantenere Dragon Cargo alla stazione per 33 giorni prima di sganciarla e farla rientrare al largo della costa della Florida. Il veicolo spaziale riporterà circa 50 indagini scientifiche e l'hardware della stazione spaziale che a bisogno di essere riparato o sostituito. Fra questi vi è una tuta spaziale che ha subito una piccola perdita d'acqua durante una passeggiata spaziale, o EVA, a marzo da parte dell'astronauta dell'Agenzia spaziale europea Matthias Maurer, causando la formazione di acqua sulla visiera del casco. Da allora la NASA ha sospeso le passeggiate spaziali presso la stazione tranne che per emergenze.

 Weigel ha detto che la NASA è ansiosa di riavere la tuta in modo che gli ingegneri possano determinare la causa della perdita. "Questa è davvero la chiave per noi," ha detto. "Questo farà parte di ciò di cui abbiamo bisogno per la nostra valutazione" per consentire la ripresa delle passeggiate spaziali. La nave di rifornimento commerciale statunitense orbiterà attorno alla Terra per un giorno e mezzo prima di raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale sabato. Gli ingegneri di volo della Spedizione 67, Bob Hines e Jessica Watkins, della NASA saranno in servizio a monitorare Dragon Cargo durante il suo avvicinamento automatizzato e rendez-vous fino a quando non attraccherà automaticamente al boccaporto di prua del modulo Harmony.

iss exp67 crew4 dinner 11072022 copy

(In senso orario da sinistra) Gli ingegneri di volo di Spedizione 67 Bob Hines, Jessica Watkins e Kjell Lindgren, tutti della NASA, e Samantha Cristoforetti dell'ESA (Agenzia spaziale europea), posano per un ritratto durante l'ora di cena nel modulo Unity della Stazione Spaziale Internazionale. Credit: NASA

 Hines, Watkins e l'astronauta della NASA Kjell Lindgren erano oggi fuori servizio per rilassarsi prima di dare il via a un fine settimana di preparativi per l'arrivo del cargo. Il trio ha trascorso il venerdì a configurare l'hardware di ricerca della stazione per ospitare i nuovi esperimenti scientifici, oltre a rivedere l'appuntamento di Dragon e le operazioni di carico. Hines e Watkins apriranno il portello di Dragon circa un'ora e mezza dopo l'attracco di sabato. Il duo sarà quindi affiancato da Lindgren e dall'astronauta italiana dell'ESA (Agenzia Spaziale Europea) Samantha Cristoforetti per iniziare a disimballare e attivare la ricerca più critica.

 Cristoforetti era impegnata venerdì a lavorare su altri esperimenti in corso sulla stazione spaziale. Per prima cosa ha esaminato le procedure per un esperimento che utilizza superfici metalliche con trame e proprietà diverse come un modo per prevenire la crescita microbica in condizioni di microgravità. Successivamente, ha collegato l'incubatrice a temperatura controllata Kubik all'alimentazione del modulo del laboratorio Columbus. Cristoforetti ha anche acceso i robot volanti Astrobee che hanno iniziato a manovrare a distanza all'interno del modulo del laboratorio Kibo utilizzando algoritmi programmati dagli studenti sulla Terra. Il comandante Oleg Artemy'ev e l'ingegnere di volo Denis Matveev hanno partecipato, giovedì mattina, a una valutazione sull'idoneità. I cosmonauti, a turno, pedalavano su una cyclette con sensori attaccati a se stessi che monitoravano e registravano la loro attività cardiaca. L'ingegnere di volo Sergey Korsakov ha lavorato sui sistemi di ventilazione russi prima di registrare e fotografare le attività dell'equipaggio sulla stazione.

 Dopo CRS-25, la prossima missione cargo commerciale sarà NG-18, una missione Northrop Grumman con il veicolo spaziale Cygnus programmata provvisoriamente per metà ottobre. La missione SpaceX CRS-26 Dragon seguirà alla fine dell'anno, consegnando tra l'altro un carico di set di pannelli solari da installare sulla stazione da parte degli astronauti che si trovano sulla ISS. "Questo è il nostro prossimo obiettivo e speriamo di essere in grado di fare l'EVA pianificata," ha detto Weigel.

 Si è trattato dell'84esimo lancio orbitale globale del 2022, l'81esimo a concludersi con successo ed il 45esimo per gli Stati Uniti, il 30esimo per la SpaceX.

Letto: 489 volta/e Ultima modifica Domenica, 17 Luglio 2022 04:39

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB