Scritto: Venerdì, 30 Aprile 2021 23:15 Ultima modifica: Sabato, 01 Maggio 2021 04:34

Vega torna al volo ed è un successo


Il lanciatore leggero europeo è tornato con successo al volo dopo la battura d'arresto dello scorso novembre. In orbita un satellite per l'osservazione della Terra e cinque piccoli satelliti 'autostoppisti'.

Rate this item
(1 Vote)
Nelle foto il decollo del razzo vettore leggero Vega per la missione VV18 dallo Spazioporto di Kourou. Nelle foto il decollo del razzo vettore leggero Vega per la missione VV18 dallo Spazioporto di Kourou. Credit: Arianespace

Il ritorno al volo di Vega, dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese, dopo cinque mesi di stop a seguito del fallimento del volo precedente, è avvenuto regolarmente alle 22:50 locali del 28 aprile (le 03:50 italiane del 29 aprile. A bordo il satellite Pléiades Neo-3 e cinque carichi utili ausiliari che sono stati rilasciati nelle rispettive orbite programmate. Per questo volo, Vega ha utilizzato parte del suo adattatore di carico multiplo 'Small Spacecraft Mission Service' (SSMS) sviluppato dall'ESA. L'SSMS è una struttura leggera modulare in fibra di carbonio, che può ospitare più satelliti leggeri con una massa che va da 1a a 500 kg. La flessibilità del sistema SSMS consente di utilizzare la capacità inutilizzata su Vega per lanciare piccoli satelliti sul carico utile principale del cliente. L'uso di più di un'accensione dello stadio superiore significa che possono essere rilasciati anche in orbite diverse. Il primo utilizzo in Europa dell'SSMS è stata una missione in condivisione nel settembre dello scorso anno, che trasportava 53 piccoli satelliti. Ciò ha dimostrato che il nuovo servizio di Vega offre un accesso di routine conveniente allo spazio per satelliti più leggeri. Con una massa al decollo di 920 kg, il satellite per l'osservazione della Terra Pléiades Neo-3 è stato il primo ad essere rilasciato nell'orbita solare sincrona di destinazione dopo circa 54 minuti dall'inizio della missione. Pléiades-Neo 3 è stato posizionato in un'orbita di 628 km con un'inclinazione di 97,89 gradi. Per la sua terza missione dell'anno e il primo volo Vega del 2021, Arianespace ha messo in orbita il satellite Pléiades Neo 3, di 920 kg, per conto di Airbus Defence and Space, assieme a cinque carichi utili ausiliari. Il volo VV18 sottolinea la gamma completa di servizi innovativi e molto competitivi che Arianespace ha sviluppato per affrontare il sotto-segmento del mercato dei nanosatelliti e micro-satelliti, al servizio delle esigenze sia istituzionali che commerciali.

arianespace vega vv18 pleiadesneo

Nelle foto il satellite Pléiades Neo 3 nella fase finale di integrazione. Credit: Airbus Space e Defence.

 L'ambizioso progetto di Airbus Defence and Space: Pléiades Neo, è la prima costellazione di satelliti europei con una risoluzione di 30 cm. Pléiades Neo 3 è il primo satellite della costellazione Pléiades Neo ad essere lanciato. Completamente finanziato, prodotto, di proprietà e gestito da Airbus, Pléiades Neo è una svolta nel campo dell'osservazione della Terra. Con una risoluzione di 30 cm, la migliore precisione di geolocalizzazione e un passaggio, sopra lo stesso punto della Terra, due volte al giorno, i quattro satelliti Pléiades Neo sbloccheranno nuove possibilità con la massima reattività. Grazie a questi satelliti all'avanguardia, ogni fase del ciclo di acquisizione e consegna offrirà servizi di osservazione della Terra di alto livello ora e in futuro per i prossimi dieci anni. Inoltre, la loro capacità di tasking reattivo consente acquisizioni urgenti da 30 a 40 minuti dopo la richiesta - che è cinque volte superiore alle costellazioni precedenti - e risponde alle situazioni più critiche quasi in tempo reale, molto utile per i disastri naturali. Pléiades Neo opererà anche per applicazioni cartografiche, urbane e di difesa. Le immagini ottenute con la costellazione Pléiades Neo saranno disponibile in commercio al 100% ed esaudiranno le esigenze dei clienti istituzionali e commerciali. Le immagini acquisite da Pléiades Neo verranno trasmesse in streaming nella piattaforma on-line OneAtlas, consentendo ai clienti di avere accesso immediato ai dati, analisi e correlazione con l'archivio unico di Airbus di dati ottici e radar. Dopo il rilascio del carico utile principale ha fatto seguito, circa 47 minuti dopo, il rilascio coordinato dei cinque satelliti in volo condiviso. Questi cinque carichi utili aggiuntivi sono stati collocati in un'orbita di 613 km con un'inclinazione di 97,79 gradi. Il primo di questi satelliti 'autostoppisti' è NorSat-3 dello Space Flight Laboratory dell'Agenzia spaziale norvegese. NorSat-3 trasporta un rilevatore radar sperimentale per integrare le capacità di rilevamento delle navi del suo sistema di identificazione automatica a bordo. Il prossimo è stato BRAVO, un CubeSat 6U di Aurora Insight. BRAVO aiuterà ad espandere lo spettro di radiofrequenze dell'azienda per l'infrastruttura di raccolta dati una volta che si unirà ai satelliti già in orbita ALPHA e CHARLIE. Il terzo carico utile condiviso era Tyvak-182A, o Eutelsat ELO alpha. Un CubeSat 6U, Tyvak-182A è un banco di prova per le future costellazioni di Internet of Things (IoT) in orbita bassa. Gli ultimi due satelliti a bordo erano i Lemur-2 CubeSats di Spire. Il 138esimo e il 139esimo CubeSat Lemur-2 lanciati, condurranno operazioni di osservazione della Terra, meteorologia e monitoraggio delle navi. Complessivamente, i sei passeggeri avevano una massa di lancio cumulativa di 1.278 kg.

Vega vv18 encapsulated

Nelle foto il satellite Pléiades Neo 3 ed i cinque satelliti condivisi mentre vengono inseriti all'interno dell'ogiva protettiva del Vega. Credit: Thierry Vallee.

 Conformemente alle normative sui detriti per aiutare a mantenere pulito lo spazio, lo stadio superiore di Vega ha acceso il proprio motore un'ultima volta per garantire il rientro diretto e bruciare così in alto nell'atmosfera sopra l'oceano. Il sistema di lancio Vega è il modo europeo di lanciare satelliti leggeri su più orbite in un unico lancio. In seguito alla perdita della precedente missione di Vega, il volo VV17, una commissione d'inchiesta indipendente nominata da Arianespace e dall'ESA, ha formulato una road map per un robusto ritorno al volo di Vega. Avio, prime contractor industriale per il lanciatore Vega, sotto la direzione di Arianespace ed ESA, ha seguito tutte le raccomandazioni sulla produzione dei veicoli di lancio e sui preparativi per il lancio. Il volo VV18 di oggi, rappresenta un riuscito ritorno alle operazioni di Vega. "Sono lieto di vedere che Vega è tornato in attività e ringrazio i nostri team dell'ESA, insieme ad Arianespace, Avio e ai fornitori per il duro lavoro svolto per arrivare a questo punto. Questo volo mostra la versatilità di Vega. Ha consegnato un satellite principale e ha utilizzato la capacità inutilizzata per dispiegare cinque satelliti aggiuntivi su un'orbita separata," ha commentato Daniel Neuenschwander, Direttore del trasporto spaziale dell'ESA.

 Ci sono altre due missioni Airbus Defence e Space Intelligence, per tre satelliti nel portafoglio ordini di Arianespace, tutti da lanciare su Vega dal centro spaziale della Guiana. Arianespace e Airbus Defence and Space, hanno sviluppato una proficua collaborazione sin dalla creazione del fornitore europeo di servizi di lancio nel 1980. Pleiades Neo 3 è il 131esimo satellite Airbus Defense and Space costruito da Arianespace. Ci sono attualmente 20 satelliti, costruiti da Airbus Defense e Space, nel portafoglio ordini di Arianespace: CERES (x3), SYRACUSE 4B (COMSAT NG 2), EUTELSAT QUANTUM, METOP-SG A1 e METOP-SG B1, THEOS-2, CSO 3, Pléiades Neo (x3), JUICE, Measat-3d, Biomass, EarthCARE e CO3D (x4). Inoltre, Airbus Defence and Space è coinvolta nella costruzione dei satelliti per la costellazione internet OneWeb.

Vega launchers

Nell'illustrazione i vari modelli di Vega futuri, rispetto al modello originale. Credit: Wikipedia/Sagittarius A.

 Vega è un lanciatore a quattro stadi gestito da Arianespace. Tre dei quattro stadi sono motori a razzo solido: il primo stadio è un motore P80, il secondo uno Zefiro-Z23, mentre il terzo stadio è un motore Zefiro-Z9. Il quarto stadio, chiamato AVUM, trasporta carburante liquido ipergolico per alimentare un motore russo RD-869 riavviabile. Questa variante di Vega può sollevare 2.300 kg fino in orbita bassa terrestre (LEO) o 1.740 kg fino all'orbita bassa polare. L'unico sito di lancio di Vega è il Guiana Space Center da una rampa di lancio ora chiamata Ensemble de Lancement Vega, o ELV. Questo pad era nato come Base Équatoriale du CECLES (BEC) per il razzo Europa II. Quando il lancio di Europa II non riuscì a raggiungere l'orbita, nel novembre 1971, il programma fu annullato e il pad rimase inutilizzato fino al dicembre 1979, quando vide il lanciò il primo razzo Ariane 1. Come parte della sua nuova vita con Ariane, il pad è stato ribattezzato Ensemble de Lancement Ariane -1 (ELA-1) e ha supportato i lanci dei razzi Ariane 1, Ariane 2 e Ariane 3 fino al luglio 1989, quando l'Ariane 3 è stato ritirato. Nel novembre 2001, iniziarono i lavori per convertire l'ELA-1 nella casa di Vega, che includevano modifiche al pad per gestire il razzo a propellente solido più piccolo, 137 tonnellate, 30 metri di altezza e 3 metri di diametro. Vega è stato lanciato per la prima volta nel febbraio 2012 con i satelliti riflettenti LARES e 8 carichi utili condivisi. Il volo andò perfettamente e Vega ha continuato a volare per altre 13 missioni impeccabili. VEGA ha subito il suo primo fallimento nel luglio 2019 nella missione VV15 (Vega Vehicle 15). Durante il volo con il satellite militare Falcon Eye 1 per gli Emirati Arabi Uniti, una penetrazione di gas caldo nella cupola anteriore dello stadio Zefiro-Z23 portò al rapido cedimento strutturale con conseguente disintegrazione del veicolo durante l'accensione dello stadio. Dopo una pausa di un anno, in parte allungata a causa dell'inizio della pandemia COVID 19 e dei venti sfavorevoli di livello superiore nei tropici estivi sulla Guyana francese, Vega è tornata con successo al volo nel settembre 2020 per poi subire un nuovo stop con il VV17. Arianespace ha risolto il problema del cablaggio AVUM per le missioni VV18 e successive conducendo ulteriori test e ispezioni di controllo qualità. Il prossimo volo di un Vega è previsto per giugno, sempre con un satellite Pléiades Neo, questa volta il numero 4. In seguito è previsto il volo inaugurale del nuovo razzo Vega C europeo, dotato di un motore del primo stadio più potente, il P120 utilizzato anche per i booster dell'Ariane 6, un secondo stadio ingrandito Zefiro Z40, uno stadio superiore a carburante liquido migliorato e un nuovo design della carenatura del carico utile.

Letto: 82 volta/e Ultima modifica Sabato, 01 Maggio 2021 04:34

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista