Scritto: Giovedì, 08 Gennaio 2015 05:11 Ultima modifica: Giovedì, 08 Gennaio 2015 06:47

Akatsuki ci riprova con Venere


Forse, alcuni di voi ancora lo ricorderanno. Nel 2010, la Japanese Aerospace Exploration Agency (JAXA) aveva iniziato una missione dedicata a Venere, lanciando la sonda PLANET-C (The Venus Climate Orbiter), soprannominata "Akatsuki" che in giapponese significa "alba" (letteralmente luna rossa), con l'intenzione di studiare la meteorologia e la superficie del pianeta.

Rate this item
(0 votes)
Akatsuki - ricostruzione artistica Akatsuki - ricostruzione artistica Credit: JAXA / Akihiro Ikeshita

Il 7 dicembre 2010, il veicolo spaziale sarebbe dovuto entrare in orbita attorno a Venere ma il computer di bordo interruppe la manovra per un malfunzionamento e la missione fu un insuccesso. A parte questo, però, la strumentazione era in ottimo stato, come testimoniarono le foto rilasciate pochi giorni più tardi.

Akatsuki: Venere 2010

Credit: ISAS / JAXA

Akatsuki: Venere 2010

Venere ripresa nel 2010, con le camere UV1, IR1, e LIR (radiazione termica), due giorni dopo il fallimento.
Credit: ISAS / JAXA

Da quel momento, la sonda è rimasta in orbita eliocentrica a circa 134 milioni chilometri da Venere, portando avanti studi sul vento solare. Ora, però, la JAXA farà un secondo tentativo prima che il carburante si esaurisca e la strumentazione si deteriori.

Dopo un approfondito esame sulle possibili cause del fallimento, è stato determinato che l'anomalia che bruciò il motore principale, acceso per decelerare, e rilevata dal computer di bordo che interruppe la sequenza, fu probabilmente dovuta ad un guasto di una valvola nel sistema di pressione del combustibile, causato da depositi salini tra il serbatoio di pressurizzazione dell'elio e il serbatoio del carburante. Ciò comportò danni alla camera di combustione ed all'ugello del motore per le alte temperature raggiunte.

JAXA, però, non si arrese e mise la sonda in orbita eliocentrica sperando di poterla indirizzare nuovamente verso il pianeta.
Inizialmente era previsto un nuovo tentativo entro il 2016, quando l'orbita avrebbe naturalmente riavvicinato la navicella al pianeta ma la velocità della sonda è diminuita più del previsto e così il team ha calcolato che la cattura potrebbe essere tentata in anticipo. 

Akatsuki orbita

Credit: Yomiuri Shimbun - the-japan-news.com/news/article/0001832475

Questo secondo tentativo sarà fortemente influenzato dallo stato dei sistemi, dei motori e dai danni riportati: tuttavia, se dovesse andare a buon fine, sarebbe la prima volta in cui il Giappone piazza una sonda in orbita attorno ad un pianeta del Sistema Solare diverso dalla Terra.

Se tutto andrà come previsto, Akatsuki entrerà nell'orbita venusiana tra la fine di novembre ed i primi di dicembre, ad una distanza tra i 300.000 e i 400.000 km dalla superficie, utilizzando solo i suoi 12 piccoli motori (la missione originale prevedeva un'orbita ellittica tra i 300 e gli 80.000 km, una grande variazione che avrebbe permesso agli strumenti di bordo di studiare sia la superficie che l'atmosfera del pianeta).
A tale distanza la qualità e il dettaglio delle immagini sarà notevolmente ridotto, tuttavia la JAXA è fiduciosa di riuscire a portare a termine la maggior parte degli obiettivi scientifici programmati, come confermare la presenza dei vulcani, per i quali diversi indizi sono già stati rilevati dalla sonda dell'ESA Venus Express, ora rimasta a corto di carburante. Ma soprattutto si spera che Akatsuki riesca a fornire nuovi dati sulle intriganti tempeste che corrono sulla superficie del pianeta, immergendosi in un mondo fatto di spesse nuvole, pioggia solforica, fulmini e venti ad alta velocità.

Buona fortuna Akatsuki!

Read 3423 times Ultima modifica Giovedì, 08 Gennaio 2015 06:47
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,26]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/11 - Sol 710] - Meteor...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista