Scritto: Sabato, 11 Luglio 2020 10:41 Ultima modifica: Domenica, 12 Luglio 2020 07:22

Cantiere Voyager


I lavori di aggiornamento sull'antenna NASA in Australia stanno impattando sulle comunicazioni con Voyager-2. Vediamo in che modo....

Rate this item
(0 votes)
Una gru di 400 tonnellate solleva il nuovo ricevitore in banda X nel fuoco della parabola Una gru di 400 tonnellate solleva il nuovo ricevitore in banda X nel fuoco della parabola Credits: NASA/JPL-Caltech

 Piccolo preambolo storico: nell'estate del lontano 1987 la NASA decise di ingrandire le antenne del suo "Deep Space Network" per garantire migliori comunicazioni con la sonda Voyager-2, in procinto di fare il suo ultimo fly-by con il pianeta più remoto del Sistema Solare, Nettuno. I lavori riguardarono le tre antenne più grandi del DSN, con diametero di 64 metri, strategicamente posizionate a Goldstone (USA), Madrid e Canberra (Australia), distanziate approssimativamente di 120° in longitudine per garantire una copertura continua durante l'arco della giornata. I tre paraboloidi passarono ad un diametro di ben 70 metri, incrementando la superficie di raccolta del 20% in modo da captare una porzione maggiore del flebile segnale inviato dalla sonda e consentirle di ricevere più chiaramente le istruzioni da Terra.

 Adesso la storia si ripete e riguarda sempre Voyager-2. L'antenna australiana, a partire dai primi di Marzo, sta subendo inderogabili lavori di manutenzione e aggiornamento che ne miglioreranno anche le prestazioni. Essendo però l'unica situata nell'emisfero meridionale e dato che Voyager-2 si sta allontanando su una traiettoria al di sotto dell'eclittica (attualmente appare quasi 59° sotto l'equatore celeste), è di fatto l'unica antenna che possa comunicare in modo bi-direzionale con la sonda veterana e questo preclude la possibilità di poter inviare nuove istruzioni verso di essa. Le altre antenne DSN più piccole (34 metri di diametro) sono comunque in grado di ricevere i deboli segnali che invia e quindi il flusso di dati telemetrici e scientifici non si è interrotto ma, se dovesse malauguratamente verificarsi una anomalia, il centro di controllo sarebbe impossibilitato ad intervenire. Tale evenienza non è affatto remota, in quanto a fine Gennaio, poco prima dell'inizio dei lavori, è capitato un evento di "safe mode" a bordo di Voyager-2, dovuto a un eccessivo assorbimento di corrente. Per fortuna il problema venne risolto, anche se diagnosi e terapia richiesero tempo a causa della grande distanza e del conseguente ritardo nelle comunicazioni. In seguito, gli ingegneri si sono dichiarati confidenti sul buon comportamento del veicolo spaziale, nonostante le criticità legate alle condizioni estreme in cui si trova e al ridotto budget energetico a sua disposizione.

 Per inviare comandi a Voyager 2 è necessario uno speciale trasmettitore in banda S (2÷4 GHz), uno abbastanza potente da raggiungere lo spazio interstellare. L'antenna DSS43 di Canberra è l'unica di questo tipo nell'emisfero meridionale. Con l'avanzare dell'età dell'antenna, aumenta il rischio di interruzioni non pianificate; gli aggiornamenti previsti non solo ridurranno tale rischio, ma porteranno anche aggiornamenti tecnologici a beneficio delle future missioni.

V2 location

Collocazione di Voyager-2 e di altri oggetti alla periferia del sistema solare - Credits: NASA/JPL

 Nel frattempo, il team di Voyager ha posto il veicolo spaziale in uno stato di bassa attività, cosa che gli consentirà comunque di inviare dati scientifici durante il periodo di manutenzione di 11 mesi. "Se le cose non dovessero andare normalmente, allora il sistema di protezione a bordo dovrebbe poter gestire il malfunzionamento" ha dichiarato Suzanne Dodd, project manager di Voyager e direttore di JPL per la rete interplanetaria.

 Il lavoro sulla stazione DSN di Canberra dovrebbe essere completato entro gennaio 2021. In questo momento, Voyager-2 si trova a 18,6 miliardi di km dal Sole, pari a 124 unità astronomiche, e se ne allontana a 15,3 km/s.

 

 

https://voyager.jpl.nasa.gov/news/details.php?article_id=118

Altre informazioni su questo articolo

Read 224 times Ultima modifica Domenica, 12 Luglio 2020 07:22
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/8/20 - Sol 607] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista