Scritto: Venerdì, 07 Marzo 2014 13:28 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

P/2013 R3, l'asteroide frantumato osservato da Hubble


La disintegrazione di una cometa troppo vicino al Sole è stata ormai ripresa molte volte ma mai finora, non era stato visto un asteroide spaccarsi in diversi pezzi nella fascia degli asteroidi.
Il telescopio spaziale della NASA Hubble è stato il fotografo d'eccezione.

"Questa è una roccia. Vederla andare in pezzi davanti ai nostri occhi è piuttosto sorprendente", ha detto David Jewitt dell'UCLA, che ha condotto l'indagine.

Rate this item
(0 votes)

Asteroide P/2013 R3

Credit: NASA, ESA, and D. Jewitt (University of California, Los Angeles)

La disintegrazione di una cometa troppo vicino al Sole è stata ormai ripresa molte volte ma mai finora, non era stato visto un asteroide spaccarsi in diversi pezzi nella fascia degli asteroidi.
Il telescopio spaziale della NASA Hubble è stato il fotografo d'eccezione.

"Questa è una roccia. Vederla andare in pezzi davanti ai nostri occhi è piuttosto sorprendente", ha detto David Jewitt dell'UCLA, che ha condotto l'indagine.

Il povero asteroide, che si è spaccato in ben 10 parti, è conosciuto come P/2013 R3 ed è stato notato per la prima volta il 15 settembre 2013 dall'osservatorio di Catalina e dal Pan-STARRS.
Il suo aspetto era piuttosto anomalo, sembrava un oggetto sfocato e fatiscente.
Un osservazione successiva del WM Keck Observatory, dalla cima del Mauna Kea nelle Hawaii, rilevò la presenza di tre corpi che si muovevano all'unisono, in una bolla polverosa delle dimensioni della Terra.

"Keck ci ha praticamente suggerito che questa cosa doveva essere guardata con Hubble", ha detto Jewitt.

Con una risoluzione maggiore, il potente telescopio spaziale ha dimostrato che i frammenti erano 10, ciascuno con una coda di polveri simile ad una cometa.
I quattro pezzi più grandi hanno un raggio di circa 180 metri.
Dalle osservazioni sembra che i frammenti si stiano allontanando gli uni dagli altri alla velocità di circa 1,6 chilometri orari, molto più lentamente rispetto alla velocità di una normale passeggiata per un essere umano.

L'asteroide ha iniziato a disintegrarsi all'inizio dello scorso anno ma i frammenti sembrano essere aumentati nelle riprese più recenti.
Questo fa pensare che la causa non possa essere la collisione con un altro corpo perché l'impatto sarebbe stato molto più violento e quindi, la rottura più veloce.
Nè, tantomeno, il motivo potrebbe essere la pressione dovuta al ghiaccio interno, per riscaldamento e vaporizzazione, perché troppo lontano dal Sole (circa 480 milioni di chilometri).

Una spiegazione potrebbe essere che l'asteroide stia risentendo del sottile effetto della radiazione solare, che provocherebbe un incremento nella rotazione, sollecitando la struttura. Ma naturalmente non sarebbe sufficiente: P/2013 R3 era probabilmente poco coerente e resistente internamente, forse a causa di collisioni passate, non distruttive, con altri corpi.

Così, come l'asteroide a sei code P/2013 P5, questa sarebbe un ulteriore prova dei lontati effetti prodotti dalla nostra stella.

Read 3868 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 2 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS