Scritto: Giovedì, 06 Marzo 2014 05:29 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Da Chandra X-ray e XMM-Newton la misurazione diretta della rotazione di un lontano buco nero


Gli astronomi hanno utilizzato l'osservatorio Chandra X-ray della NASA e il XMM-Newton dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) per rilevare la rotazione di un buco nero supermassiccio a sei miliardi di anni luce di distanza.
Questa misurazione diretta è un importante passo in avanti per comprendere l'evoluzione nel tempo di tali misteriosi oggetti astronomici.

Rate this item
(0 votes)

Quasar RX J1131-123

Credit: NASA/CXC/Univ of Michigan/R.C.Reis et al; Optical: NASA/STSc

Gli astronomi hanno utilizzato l'osservatorio Chandra X-ray della NASA e il XMM-Newton dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) per rilevare la rotazione di un buco nero supermassiccio a sei miliardi di anni luce di distanza.
Questa misurazione diretta è un importante passo in avanti per comprendere l'evoluzione nel tempo di tali misteriosi oggetti astronomici.

I buchi neri sono caratterizzati solamente da due grandezze: massa e spin (rotazione).
Ma mentre siamo in grado di rilevare la loro massa in modo efficace da diverso tempo, determinare la rotazione è stato sempre molto più complesso.

Negli ultimi anni gli astronomi hanno escogitato alcuni metodi per calcolare lo spin di buchi neri a miliardi di anni luce di distanza da noi ma sempre molto laboriosi.

"Vogliamo essere in grado di determinare le rotazioni dei buchi neri in tutto l'Universo", ha detto Rubens Reis dell'Università del Michigan ad Ann Arbor, che ha guidato lo studio pubblicato online mercoledì scorso sulla rivista Nature.

Reis e colleghi hanno determinato la rotazione di un buco nero supermassiccio che sta attirando molto gas circostante, producendo un quasar estremamente luminoso conosciuta come RX J1131-1231 (o più RX J1131). Lo possiamo ammirare nell'immagine composita in apertura: dove il rosa arriva dalle foto di Chandra, mentre il rosso, il verde e il blu dalle osservazioni di Hubble.

La fortuna è che il team ha potuto sfruttare la distorsione dello spazio-tempo prodotta dal campo gravitazionale di una galassia ellittica gigante lungo la linea di vista del quasar, che agisce come una lente gravitazionale, ingrandendo la luce del quasar. Questa rara opportunità permette di studiare la parte più interna del quasar, funzionando come un telescopio naturale e ingrandendo la luce della fonte.

"Grazie a questa lente gravitazionale, siamo stati in grado di ottenere informazioni molto dettagliate sullo spettro a raggi X, cioè, la quantità di raggi X osservati a diverse energie, da RX J1131," ha detto il co-autore Mark Reynolds anche del Michigan. "E questo a sua volta ci ha permesso di ottenere un valore molto preciso della rotazione del buco nero".

I raggi X vengono prodotti quando il disco di accrescimento vorticoso di gas e polveri che circonda il buco nero crea una nuvola di svariati gradi, o corona, in prossimità del buco nero.
I raggi X di questa corona riflettono sul bordo interno del disco di accrescimento e le forti forze gravitazionali vicino al buco nero, ne alterano lo spettro.
Più grande è il cambiamento nello spettro e più il buco nero deve essere vicino al bordo interno del disco.

"Stimiamo che i raggi X provengono da una regione nel disco che si trova a solo circa tre volte il raggio dell'orizzonte degli eventi, il punto di non ritorno per la materia in caduta", ha detto Jon M. Miller del Michigan, un altro autore del documento. "Il buco nero deve ruotare molto rapidamente per consentire al disco di sopravvivere in un piccolo raggio come questo".

Ricavare la rotazione di un buco nero è importante per capire come questi oggetti cambiano nel tempo.
I
buchi neri che crescono principalmente da collisioni e fusioni tra galassie, dovrebbero accumulare materiale in un disco stabile che rifornisce il buco nero costantemente, portandolo a girare più rapidamente. Al contrario, se i buchi neri crescono attraverso tanti piccoli episodi di accrescimento, si accumulerà materiale in direzioni casuali, rendendo il buco nero più lento.

Il buco nero in RX J1131 gira a oltre la metà della velocità della luce, suggerendo che questo buco nero, osservato ad un distanza di sei miliardi di anni luce, risale a circa 7,7 miliardi anni dopo il Big Bang, cresciuto attraverso fusioni, piuttosto che materiale attirato da varie direzioni.

Lo spin di un buco nero, misurato in un ampio intervallo di tempo cosmico, permette anche di comprendere se il buco nero si evolve con lo stesso tasso della galassia ospite.

Prima di questo studio, lo spin era stato calcolato per buchi neri distanti tra i 2,5 miliardi e i 4,7 miliardi di anni luce.

Letto: 7452 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista