Scritto: Domenica, 03 Aprile 2022 06:11 Ultima modifica: Domenica, 03 Aprile 2022 07:09

I terremoti di Marte sono causati dall'attività vulcanica?


Secondo i ricercatori dell'Australian National University (ANU), in collaborazione con l'Accademia Cinese delle Scienze di Pechino, i ripetuti terremoti osservati in alcune regioni di Marte potrebbero essere causati da un'attività vulcanica sotto la superficie del pianeta.

Rate this item
(2 votes)
I terremoti di Marte sono causati dall'attività vulcanica?
Crediti: Shutterstock/Vadim Sadovski

Se così fosse, forse dovremmo evitare di continuare a definire Marte un "pianeta morto".  I ricercatori si sono concentrati su 47 terremoti, precedentemente passati inosservati, nella regione Cerberus Fossae, una serie di ripidi avvallamenti all'interno di Elysium Planitia. Cerberus Fossae è formata da una serie di fessure semi-parallele create da faglie che hanno diviso la crosta e disegnato il paesaggio. È una zona geologicamente e vulcanicamente giovane deformata dai vulcani Tharsis, più ad est.

Finora, si è creduto che i "martemoti" fossero causati dalle forze tettoniche marziane, ossia da quelle deformazioni che possono influenzare le rocce sepolte, a seconda della loro natura, della profondità e del tempo di applicazione. Ma gli autori dello studio, su Nature Communications,  ipotizzano che la causa di questi terremoti sia l'attività del magma nel mantello marziano, che è lo strato interno racchiuso tra la crosta e il nucleo.

Secondo il geofisico e coautore Professor Hrvoje Tkalčić, della Research School of Earth Sciences dell'ANU, la natura ripetitiva di questi terremoti e il fatto che siano stati tutti rilevati nella stessa area del pianeta suggerisce che Marte è più attivo dal punto di vista sismico di quanto gli scienziati pensassero in precedenza. "Abbiamo scoperto che questi terremoti si sono verificati ripetutamente in ogni momento della giornata marziana, mentre i terremoti rilevati e segnalati dalla NASA in passato sembravano essersi verificati solo nel cuore della notte, quando il pianeta è più tranquillo", ha affermato il professor Tkalčić. "Pertanto, possiamo presumere che il movimento della roccia fusa nel mantello marziano sia l'innesco di questi 47 terremoti appena rilevati sotto la regione di Cerberus Fossae", si legge nel comunicato.

Per il professor Tkalčić, la continua sismicità suggerisce che la regione Cerberus Fossae su Marte è "sismicamente altamente attiva".
"Sapere che il mantello marziano è ancora attivo è fondamentale per la nostra comprensione di come Marte si sia evoluto come pianeta", ha detto. "Può aiutarci a rispondere a domande fondamentali sul sistema solare e sullo stato del nucleo, del mantello di Marte e sull'evoluzione del suo campo magnetico".


Dai dati di Insight

I ricercatori hanno utilizzato i dati raccolti da un sismometro Seismic Experiment for Interior Structure (SEIS) collegato al lander InSight della NASA, che ha studiato i terremoti, il clima marziano e l'interno del pianeta da quando è atterrato su Marte nel 2018. InSight ha registrato molti eventi da Cerberus Fossae ma i segnali rilevati da SEIS possono avere un basso rapporto qualità - rumore: possono essere influenzati dai venti e le variazioni termiche estreme causano l'espansione e la contrazione del cavo che collega il sismometro al lander, con conseguenti suoni scoppiettanti e picchi nei dati. Utilizzando un algoritmo unico, i ricercatori di questo studio sono stati in grado di applicare le loro tecniche ai dati della NASA per rilevare i 47 terremoti precedentemente non riconosciuti.

Il team afferma che mentre i terremoti avrebbero causato qualche scossa su Marte, gli eventi sismici erano di magnitudo relativamente bassa e si sarebbero a malapena avvertiti se si fossero verificati sulla Terra.

I terremoti sono stati rilevati in un periodo di circa 350 sol, che equivale a circa 359 giorni sulla Terra.

Secondo il professor Tkalčić, i risultati potrebbero aiutare gli scienziati a capire perché il Pianeta Rosso non ha più un campo magnetico.
"I martemoti ci aiutano indirettamente a capire se la convezione si sta verificando all'interno del pianeta e se questa convezione sta accadendo, come sembra dalle nostre scoperte, allora deve esserci un altro meccanismo in gioco che impedisce a un campo magnetico di esistere su Marte", ha detto. "Tutta la vita sulla Terra è possibile grazie al campo magnetico terrestre e alla sua capacità di proteggerci dalle radiazioni cosmiche, quindi senza un campo magnetico la vita come la conosciamo semplicemente non sarebbe possibile". "Pertanto, capire il campo magnetico di Marte, come si è evoluto e in quale fase della storia del pianeta si è fermato è ovviamente importante per le missioni future ed è fondamentale se gli scienziati sperano un giorno di stabilire una colonia umana sul Pianeta Rosso".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 337 volta/e Ultima modifica Domenica, 03 Aprile 2022 07:09

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 20 settembre. Statistiche ...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora