Scritto: Domenica, 21 Novembre 2021 06:00 Ultima modifica: Domenica, 21 Novembre 2021 06:20

Per terraformare Marte ci vuole anche un campo magnetico artificiale


Terraformare Marte è uno dei grandi sogni dell'umanità ma, oltre ad un'atmosfera respirabile, acqua liquida in superficie, al Pianeta Rosso manca un'importate caratteristica che, invece, protegge la vita sulla Terra: un campo magnetico globale.

Rate this item
(2 votes)

Il campo magnetico terrestre impedisce alla maggior parte delle particelle cariche ad alta energia di raggiungere la superficie del pianeta ed evita che l'atmosfera venga consumata troppo violentemente e rapidamente dal vento solare. Ma ricreare un campo magnetico su Marte non è così semplice. Sulla Terra è generato da un effetto dinamo nel nucleo, dal moto convettivo del ferro. Ma l'interno di Marte è circa la metà di quello terrestre, è più freddo e non può essere semplicemente "avviato" per produrre un campo geomagnetico. Adesso il pianeta ha solo dei campi magnetici localizzati, situati per lo più nell'emisfero meridionale e non sono di dimensioni o grandezza sufficienti per proteggere il pianeta o una colonia.

Tuttavia, un recente studio suggerisce che ci sono dei modi per crearne uno artificiale.

marte campo magnetico phobos

Il plasma rilasciato dalla luna di Marte (Fobos o Deimos), inserto (a) e accelerato artificialmente, inserto (b) forma un toroide di plasma che, azionato con una corrente, produce un campo magnetico. Ci vorranno 1011 anni terrestri per esaurire il materiale di Fobos in questo modo.

 

La ricetta

Idee per generare un campo magnetico marziano sono state proposte in precedenza e di solito coinvolgono solenoidi a terra o orbitali che creano un livello base di protezione magnetica.
Qui, invece, l'ingrediente principale è un forte flusso di particelle cariche, dall'interno del pianeta o attorno al pianeta. I ricercatori suggeriscono che la seconda opzione è molto più praticabile perché si può creare con la luna Fobos.

Fobos è la più grande delle due lune marziane e orbita intorno a Marte abbastanza vicino. Così vicino che completa un'orbita ogni 8 ore e sta perdendo quota sopraffatta dall'attrazione gravitazionale del pianeta. Presto, in termini astronomici impatterà sulla superficie ma, fintanto che c'è, il team propone di ionizzare le particelle della superficie della luna le quali, accelerate, creerebbero un toroide di plasma lungo la sua orbita. Ciò formerebbe un campo magnetico abbastanza forte da proteggere un Marte terraformato.

Questa soluzione è del tutto nuova, dicono gli autori, "anche se ispirata a situazioni naturali e tecniche di fusione del plasma".

"La soluzione è creare un anello di particelle cariche artificiali (simile nella forma a una cintura di radiazioni), attorno al pianeta possibilmente formato espellendo materia da una delle lune di Marte (in modo simile al toroide di plasma che forma la luna Io attorno a Giove), ma utilizzando onde elettromagnetiche e plasma per guidare una corrente netta nel anello(i) che risulta in un campo magnetico complessivo".

È un piano audace e, sebbene sembri realizzabile, gli ostacoli ingegneristici sarebbero significativi. Tuttavia, come sottolineano i ricercatori, questo è il momento delle idee: le migliori potranno essere messe in pratica quando gli umani raggiungeranno il pianeta.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 271 volta/e Ultima modifica Domenica, 21 Novembre 2021 06:20

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Domenica, 21 Novembre 2021 09:56 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Mi pare un'idea splendida e sicuramente più fattibile di altre, se vogliamo davvero rendere abitabile Marte e fare della razza umana una comunità multiplanetaria, come dice Elon!

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2021.

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 novembre. Statisti...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 novembre 2021. ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 1032] - Meteo...

Sofia Vega for kids: ISCRIVITI

sofiavega for kids

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista