Scritto: Giovedì, 19 Agosto 2021 16:00 Ultima modifica: Venerdì, 20 Agosto 2021 10:35

Coltivare su Marte? Si potrà ma in cupole sottoterra


Una nuova ricerca ha dimostrato che gli effetti della radiazione cosmica sulle piante potrebbero essere deleteri su Marte e, pertanto, ogni coltivazione dovrebbe essere opportunamente protetta.

Rate this item
(2 votes)

Se gli esseri umani vorranno vivere su Marte per un lungo periodo, sarà necessario coltivare in loco per il fabbisogno alimentare. Ma un recente studio, pubblicato su Frontiers, mostra che non sarà possibile farlo in serre sulla superficie, sfruttando la luce del Sole, contrariamente a quanto si vede in molti progetti scientifici e film di fantascienza.

La Wageningen University & Research e il Reactor Institute Delft dei Paesi Bassi stanno studiando da tempo l'effetto della radiazione cosmica sulla crescita delle piante. Gli esperimenti hanno mostrato che le piante dovranno essere protette sul Pianeta Rosso, proprio come gli esploratori umani.

Il team ha studiato l'effetto delle radiazioni gamma registrate dal rover Curiosity su Marte, su crescione (lepidium sativum) e segale (secale cereale).
Poiché la radiazione su Marte è circa 17 volte più alta che sulla Terra (230 μGy/d, microgray per giorno), l'esperimento è stato condotto seguendo rigide precauzioni di sicurezza.

 

L'esperimento

I semi di entrambe le specie sono stati seminati in vasi situati in sei vassoi rettangolari di 52 x 32 cm. Ogni vassoio era composto da vasi disposti su sette colonne e dodici file. Sul fondo dei vasi è stato messo un pezzo di carta per evitare la fuoriuscita di terriccio. I vassoi con i vasi sono stati collocati in altri vassoi per raccogliere l'acqua fuoriuscita.

Dei vassoi di controllo, sempre con segale e crescione, sono stati collocati in due scatole con luci a led e cappe aspiranti senza radiazioni.

Nei contenitori sottoposti al trattamento, invece, per simulare le particelle energetiche solari (SEP), la radiazione è stata emessa con cinque sorgenti a cobalto 60 (60Co), appositamente "prodotte" per l’esperimento. Queste sono state poste sopra le piante per creare un campo di radiazione aereo paragonabile a quello di Marte.
"Creare un campo di radiazioni aereo è complicato ed è per questo che sono state utilizzate 5 sorgenti per impedire che ad una pianta arrivasse una dose maggiore che ad un'altra, influenzando altrimenti l'esito dell'esperimento", spiegano gli autori.

Le piante in crescita sono state irradiate costantemente per 28 giorni e successivamente raccolte.

Gli effetti delle radiazioni sono stati molteplici, tra cui foglie marroni e crescita ridotta. Oltre a ciò, aggiungono gli autori, il raccolto è stato deludente e sicuramente inferiore a quello delle piante appartenenti al gruppo di controllo non irradiato. Wieger Wamelink, ricercatore principale dell'Università di Wageningen, ha affermato di essersi sempre aspettato che le radiazioni avrebbero avuto un effetto negativo sulla crescita delle piante, "ma ciò non era mai stato studiato troppo bene, quindi abbiamo dovuto confermare che questa aspettativa fosse corretta".

piante marte esperimento(A) coltura del crescione sulla Terra, a sinistra e su Marte (simulata) a destra. (B) trattamenti con radiazioni: crescione a sinistra e segale a destra. Le torri Lego contengono nella parte superiore un dosimetro a termoluminescenza. Le foto sono state scattate la mattina del raccolto.


Andare su Marte per vivere sottoterra

Andare a vivere su Marte potrebbe non essere così eccitante come si aspetterebbe. In questo esperimento è stata utilizzata solo la radiazione gamma, mentre su Marte la radiazione cosmica è costituita da radiazioni alfa, beta gamma e UV, quindi potrebbero verificarsi delle differenze (in peggio!) anche se la dose era all'incirca la stessa che le piante (o l'uomo!) avrebbero effettivamente ricevuto su Marte.

Ora che è chiaro che possiamo aspettarci effetti negativi sulla crescita delle piante a causa delle radiazioni su Marte, dobbiamo proteggerle. Un'opzione potrebbe essere quella di coltivare le piante sotto terra in una cupola dove la maggior parte delle radiazioni non può penetrare e in modo che anche gli esseri umani siano protetti", afferma Wamelink. "È una sfida più complicata che coltivare in serra in superficie ma rende anche la vita più facile poiché possiamo coltivare piante in circostanze completamente controllate, applicando la luce a LED", ha aggiunto. "Ecco perché ora abbiamo iniziato i primi esperimenti in un bunker della guerra fredda ad Arnhem, vicino a Wageningen, sotto terra ma in un ambiente completamente controllato".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 279 volta/e Ultima modifica Venerdì, 20 Agosto 2021 10:35

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 settembre [Last update:&...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 15 settembre [updated on 0...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 15/9 - Sol 994] - Meteoro...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista