Scritto: Martedì, 15 Giugno 2021 04:58 Ultima modifica: Martedì, 15 Giugno 2021 14:02

La materia oscura sta rallentando la barra della Via Lattea


Per 30 anni gli astrofisici hanno previsto un tale rallentamento, ma questa è la prima volta che viene misurato.

Rate this item
(1 Vote)
La materia oscura sta rallentando la barra della Via Lattea Illustrazione: R. Hurt (SSC), JPL-Caltech, NASA / Survey Credit: GLIMPSE Team

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell'University College London (UCL) e dell'Università di Oxford, la rotazione della barra galattica della Via Lattea, la struttura allungata al centro della nostra galassia composta da miliardi di stelle raggruppate, è rallentata di circa un quarto dalla sua formazione. I ricercatori affermano che questa stranezza ha a che fare con la materia oscura, l'ipotetica componente della materia che, diversamente dalla materia conosciuta, non emetterebbe radiazione elettromagnetica.

Nello studio, pubblicato nel Monthly Notice della Royal Astronomical Society, il team ha utilizzato i dati restituiti dalla missione dell'ESA Gaia di un grande gruppo di stelle, il flusso di Ercole, che sono in risonanza con la barra, ovvero ruotano attorno alla galassia al stessa velocità della rotazione della barra.

 

Il flusso di Erocole

Il Flusso di Ercole è un grande gruppo in movimento di stelle che si sta dirigendo più lontano nel disco rispetto al nucleo galattico.
Queste stelle sono intrappolate gravitazionalmente dalla barra rotante. Lo stesso fenomeno si verifica con gli asteroidi troiani di Giove, che orbitano attorno ai punti di Lagrange del pianeta (davanti e dietro a Giove). Se la rotazione della barra rallenta, ci si aspetterebbe che queste stelle si spostino più lontano nella galassia, mantenendo il loro periodo orbitale abbinato a quello della rotazione della barra. Ora, i ricercatori hanno scoperto che le stelle nel flusso sono più ricche di elementi pesanti (in astronomia definiti metalli), dimostrando che devono essere nate verso il centro galattico, dove le stelle e i gas di formazione stellare sono circa 10 volte ricchi di metalli rispetto alla galassia esterna e, successivamente, devono essersi allontanate.

Usando questi dati, il team ha dedotto che la barra, composta da miliardi di stelle e 1,8x1010 masse solari, ha rallentato la rotazione di almeno il 24% da quando si era formata.

 

La barra sta rallentando

Ralph Schoenrich (UCL Physics & Astronomy), coautore dello studio, ha dichiarato: "Gli astrofisici sospettano da tempo che la barra rotante al centro della nostra galassia stia rallentando ma abbiamo trovato le prime prove di ciò che sta accadendo".

"Il contrappeso che rallenta questa rotazione deve essere la materia oscura. Fino ad ora, siamo stati in grado di dedurre la materia oscura solo mappando il potenziale gravitazionale delle galassie e sottraendo il contributo dalla materia visibile. La nostra ricerca fornisce un nuovo tipo di misurazione della materia oscura, non della sua energia gravitazionale, ma della sua massa inerziale (la risposta dinamica), che rallenta la rotazione della barra".

Si pensa che la Via Lattea, come altre galassie, sia incorporata in un "alone" di materia oscura che si estende ben oltre il suo bordo visibile. La materia oscura è, per definizione, invisibile e la sua natura è sconosciuta, ma la sua esistenza è dedotta da galassie che si comportano come se fossero avvolte in una massa significativamente maggiore di quella che possiamo vedere. Si pensa che nell'Universo ci sia circa cinque volte più materia oscura della normale materia visibile. Teorie alternative della gravità come la dinamica newtoniana modificata rifiutano l'idea della materia oscura, cercando invece di spiegare le discrepanze modificando la teoria della relatività generale di Einstein. Rimpei Chiba, altro coautore del documento, ha commentato "La nostra scoperta offre una prospettiva affascinante per limitare la natura della materia oscura, poiché diversi modelli porterebbero ad una diversa attrazione inerziale sulla barra galattica".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 112 volta/e Ultima modifica Martedì, 15 Giugno 2021 14:02

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto [updated on 08/05...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista