Scritto: Domenica, 13 Giugno 2021 05:44 Ultima modifica: Domenica, 13 Giugno 2021 06:34

Una stella gigante e lampeggiante vicino al centro della Via Lattea


Un team internazionale di astronomi ha osservato la stella, VVV-WIT-08, a 25.000 anni luce di distanza, diminuire inspiegabilmente di luminosità di un fattore 30.

Rate this item
(1 Vote)
Una stella gigante e lampeggiante vicino al centro della Via Lattea Crediti: Amanda Smith, University of Cambridge

Sebbene molte stelle cambino di luminosità perché pulsano o perché vengono eclissate da un'altra stella in un sistema binario, è eccezionalmente raro che una stella diventi più debole in un periodo di diversi mesi e poi si illumini di nuovo.

I ricercatori ritengono che VVV-WIT-08 possa appartenere a una nuova classe di sistema stellare binario "gigante lampeggiante" in cui, una stella gigante, 100 volte più grande del Sole, viene eclissata una volta entro pochi decenni da un compagno orbitale ancora invisibile. La compagna, che può essere un'altra stella o un pianeta, è circondata da un disco opaco, che ricopre la stella gigante, facendola scomparire e riapparire nel cielo. Lo studio è pubblicato su Monthly Notice della Royal Astronomical Society. La scoperta è stata guidata dal dottor Leigh Smith dell'Istituto di Astronomia di Cambridge, in collaborazione con scienziati dell'Università di Edimburgo, dell'Università dell'Hertfordshire, dell'Università di Varsavia in Polonia e dell'Universidad Andres Bello in Cile.

 

L'anomalia

"È incredibile che abbiamo appena osservato un oggetto scuro, grande e allungato passare tra noi e la stella lontana e possiamo solo ipotizzare quale sia la sua origine", ha detto il co-autore Dr Sergey Koposov dell'Università di Edimburgo.

Poiché la stella si trova in una regione densa della Via Lattea, i ricercatori hanno valutato se qualche oggetto oscuro sconosciuto potesse essere semplicemente passato davanti alla stella gigante per caso. Tuttavia, le simulazioni hanno mostrato che dovrebbe esserci un numero incredibilmente elevato di corpi oscuri che fluttuano intorno alla Galassia affinché questo scenario sia probabile. Un altro sistema stellare con un comportamento analogo è noto da tempo. La stella gigante Epsilon Aurigae viene parzialmente eclissata da un enorme disco di polvere ogni 27 anni ma si attenua solo del 50% circa. Un secondo esempio, TYC 2505-672-1, è stato trovato alcuni anni fa e detiene il record attuale per il sistema stellare binario ad eclisse con il periodo orbitale più lungo, 69 anni. E il team sostiene di aver trovato anche altre due stelle giganti con queste peculiarità, suggerendo che potrebbe trattarsi di una nuova classe di stelle "giganti lampeggianti".

 

Gli oggetti WIT

VVV-WIT-08 è stata scoperta dal VISTA Variables in the Via Lactea survey (VVV), un progetto che utilizza il telescopio VISTA di costruzione britannica in Cile, gestito dall'European Southern Observatory, che osserva lo stesso miliardo di stelle da quasi un decennio per cercare esempi con luminosità variabile nella parte infrarossa dello spettro.

Uno dei leader del progetto, il professor Philip Lucas dell'Università dell'Hertfordshire, ha dichiarato: "Occasionalmente troviamo stelle variabili che non rientrano in alcuna categoria stabilita, che chiamiamo 'what-is-this?' [che cos'è questo?] o oggetti WIT. Non sappiamo davvero come siano nati questi giganti lampeggianti. È emozionante vedere tali scoperte da VVV dopo così tanti anni di pianificazione e raccolta dei dati".

 

Il mistero di VVV-WIT-08

Per quanto riguarda VVV-WIT-08, dopo la scoperta, l'oscuramento della stella è stato osservato anche dall'Optical Gravitational Lensing Experiment (OGLE), una campagna di osservazione di lunga durata gestita dall'Università di Varsavia. OGLE effettua osservazioni più frequenti ma più vicine alla parte visibile dello spettro. Questi dati aggiuntivi sono stati fondamentali per modellare VVV-WIT-08 e hanno mostrato che la stella gigante si è oscurata della stessa quantità sia nella luce visibile che in quella infrarossa.

Finora, sembra che ci siano circa una mezza dozzina di potenziali sistemi stellari conosciuti di questo tipo, contenenti stelle giganti e grandi dischi opachi. "C'è sicuramente altro da trovare, ma la sfida ora è capire quali sono i compagni nascosti e come sono stati circondati da dischi, nonostante orbitino così lontano dalla stella gigante", ha detto Smith. "In tal modo, potremmo imparare qualcosa di nuovo su come si evolvono questi tipi di sistemi".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 99 volta/e Ultima modifica Domenica, 13 Giugno 2021 06:34

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 luglio [Last update:&nbs...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 24/7 - Sol 943] - Meteoro...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 24 luglio [updated on 07/2...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista