Scritto: Lunedì, 15 Giugno 2015 20:26 Ultima modifica: Lunedì, 15 Giugno 2015 22:13

#Lifeonacomet: il risveglio di Philae


Ciao Terra, puoi sentirmi?
Ciao Rosetta! Sono sveglio! Quanto tempo ho dormito?

Ciao Philae! Il sonno è stato lungo, circa sette mesi!

Wow Rosetta! E' molto tempo... è ora di tornare al lavoro! #Lifeonacomet

Rate this item
(0 votes)
#Lifeonacomet: il risveglio di Philae Credit: ESA

Con queste parole Philae e Rosetta si sono salutati ieri su Twitter, annunciando la grande notizia.

Alle 22:28 ora italiana di sabato 13 giugno, l'Electrical Support System Processor Unit (ESS), a bordo della sonda dell'ESA Rosetta, ha iniziato a ricevere un segnale radio da Philae, proveniente da circa 200 chilometri più in basso, dalla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Rosetta, a sua volta, ha iniziato istantaneamente da inoltrare i dati a Terra, ricevuti dalla stazione della NASA a Goldstone, in California, 16,8 minuti più tardi.

Alle 22:45 ora italiana, quindi, il segnale è arrivato sulla Terra e subito ritrasmesso all'European Space Operations Centre (ESOC) a Darmstadt, in Germania. In quel momento, il personale al centro di controllo ha notato nella telemetria la presenza di alcuni allarmi che erano stati appositamente impostati prima della separazione tra sonda e lander a novembre 2014.  Quanto bastava per buttare giù dal letto un po' di persone: Philae si era svegliato!
Forse molti non avevano mai smesso di sperare mentre altri stavano iniziando a gettare la spugna, eppure il piccolo lander (abituato alle ibernazioni!) aspettava solo il momento giusto.

Philae, durante il primo contatto, durato 85 secondi, ha trasmesso oltre 300 pacchetti di dati ed è apparso in buone condizioni operative, con una temperatura di funzionamento di meno 35 gradi Celsius e 24 Watt a disposizione.

In base a quanto riportato dal Centro Aerospaziale Tedesco DLR, una seconda comunicazione sarebbe avvenuta tra le 23:22 e le 23:26 ora italiana del 14 giugno, "ma questa volta, il collegamento con il lander è stato relativamente instabile", ha dichiarato Stephan Ulamec.
"In ogni caso, i dati acquisti durante questo secondo contatto, confermano che pronto per le operazioni".

Secondo le stime, Philae ora sta ricevendo circa tre ore di luce per ogni giorno cometario. Davvero un'ottima notizia ma anche "un dato sorprendente", ha scritto via mail il Dr. Francesco Topputo del Politecnico di Milano, "una potenza superiore al previsto".

Ma questa non sembra essere l'unica cosa sorprendente: "il contatto è avvenuto prima dell'inizio della finestra di comunicazione prevista ed è durato meno del previsto (ci si attendeva un contatto di circa 30 min)", ha aggiunto il Dr. Pierluigi Di Lizia, sempre del del Politecnico di Milano.

Particolari che dovranno essere valutati e verificati nei prossimi giorni ma che potrebbero indicare che il lander si trova in una posizione o configurazione diversa da quella in cui lo avevamo lasciato. D'altra parte, potrebbe esserci una certa tolleranza tra i valori reali e quelli stimati, così come Philae potrebbe essersi spostato, magari a causa dell'attività cometaria. Ma queste sono solo congetture senza alcuna conferma fin quando i dati non saranno completi ed analizzati.

Philae orientamento

Copyright ESA/Rosetta/Philae/CNES/FD

Ma ammesso che vada tutto bene e che ci siano davvero le condizioni perché Philae torni a lavoro, vedremo di nuovo il trapano SD2 all'opera?
Ve lo ricordate? Insieme al MUPUS, senza nulla togliere agli altri strumenti, erano stati le star indiscusse di quelle 57 ore di scienza.

Bene, preparatevi, perché potrebbe entrare in azione!
"In tutto questo periodo abbiamo comunque pianificato le attività di questa seconda fase insieme agli altri strumenti", ha scritto il Dr. Di Lizia. "I comandi sono stati adattati alle condizioni di Philae al termine delle attività di Novembre, soprattutto grazie al fatto che Rolis ha permesso di ricavare una stima della distanza del suolo che prima non avevamo (anche se la distanza potrebbe essere cambiata se Philae ha cambiato la sua posizione/configurazione). Attualmente sono previste tre attività di campionamento".

Ora, le traiettorie di Rosetta dovranno essere adattate per consentire comunicazioni più lunghe.

Letto: 1700 volta/e Ultima modifica Lunedì, 15 Giugno 2015 22:13
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « BREAKING NEWS: Philae si è svegliato! Philae update »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista