Scritto: Martedì, 09 Giugno 2015 06:01 Ultima modifica: Mercoledì, 10 Giugno 2015 06:37

Getti dopo il tramonto sulla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko


Continua ad aumentare l'attività sulla cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko, lo dimostrano le recenti immagini della NavCam rilasciate nella rubrica #CometWatch ma soprattutto appare evidente dalle dettagliate riprese di OSIRIS.

Rate this item
(0 votes)
Un dettaglio dalle immagini di OSIRIS, ripreso il 25 aprile 2015. Un dettaglio dalle immagini di OSIRIS, ripreso il 25 aprile 2015. Credit: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

La fotocamera scientifica a bordo della sonda dell'ESA Rosetta ha catturato diversi getti fuoriuscire dal piccolo lobo della cometa, perdurare anche dopo il tramonto del Sole.

Le immagini, scattate quando era calato il buio già da mezzora, mettono a fuoco un particolare della zona attiva ripresa dalla NavCam il 20 maggio (in fondo a questo post).

Cometa 67P - OSIRIS: 25 aprile 2015

La cometa 67P ripresa dalla narrow-angle di OSIRIS il 25 aprile 2015, da una distanza di circa 93 chilometri.
Credit: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

"Solo di recente abbiamo iniziato ad osservare i getti di polvere persistere anche dopo il tramonto", ha detto il ricercatore principale di OSIRIS Holger Sierks, del Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) in Germania. Fino a poco tempo fa, infatti, l'attività cometaria si limitava alle aree colpite direttamente dalla luce del Sole. Le immagini riprese sempre da OSIRIS il 12 marzo, che avevano catturato un getto alzarsi dalla regione Imhotep, sul grande lobo della cometa, prima dell'alba, sono state le prime a documentare il cambiamento.

"Attualmente 67P si sta avvicinando rapidamente al perielio, a metà agosto [il 13]", ha detto Sierks.
Al momento della ripresa, la cometa si trovava a 270 milioni di chilometri dal Sole ma "l'irraggiamento solare sta diventando sempre più intenso e la superficie illuminata sempre più calda".

Il team di OSIRIS ritiene che la superficie di 67P sia in grado di immagazzinare e mantenere per qualche tempo il calore ricevuto quando è direttamente illuminata, riuscendo così a sostenere l'attività cometaria anche durante le ore di buio.
"Mentre la polvere che copre la superficie della cometa si raffredda rapidamente dopo il tramonto, gli strati più profondi restano caldi più a lungo", ha aggiunto lo scienziato di OSIRIS Xian Shi del MPS, che studia i getti.

Anche le missione passate, come Stardust sulla cometa 81P/Wild 2 e Deep Impact sulla cometa 9P/Tempel 1, avevano osservato la presenza di attività sul lato notturno dei nuclei cometari, "ma solo grazie alle immagini ad alta risoluzione di OSIRIS possiamo studiare questo fenomeno nel dettaglio", ha concluso Sierks.

Press release:
- http://blogs.esa.int/rosetta/2015/06/08/sunset-jets/

Letto: 1824 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 10 Giugno 2015 06:37
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista