Scritto: Sabato, 18 Giugno 2022 06:03 Ultima modifica: Sabato, 18 Giugno 2022 06:47

Un futuro brillante


Un fotogramma dalla diretta di ieri del lancio del convoglio Starlink G4-18 tramite Falcon-9, con sullo sfondo il primo segmento di Torre Orbitale appena recapitato e pronto all'installazione presso la rampa LC-39A. Nel frattempo, però, aumentano però le preoccupazioni per il disturbo dalle nuove generazioni di satelliti Starlink, più luminosi dei precedenti.

Rate this item
(1 Vote)
Un futuro brillante
Credits: SpaceX - Processing: Marco Di Lorenzo

 Il lancio, avvenuto da Cape Canaveral quando erano le 18.09 in Italia, ha portato in orbita altri 53 satelliti della costellazione ed è stato impeccabile come sempre. Esso segna la fine di un periodo di calma solo apparente per SpaceX, dal momento che oggi ci sarà un altro lancio Falcon-9 di un satellite SAR militare tedesco, stavolta da Vandenberg, California e un altro lancio è previsto per domani!

 Nel frattempo, si continua a parlare del disturbo che questa costellazione di satelliti può causare all'osservazione del cielo, Dopo le misure di mitigazione "VisorSat" introdotte da SpaceX proprio per ridurre la luminosità dei satelliti tramite dei "parasole", la nuova generazione di satelliti Starlink lanciati ultimamente ne è sprovvista perchè tali schermi ostacolerebbero il nuovo sistema di comunicazione laser tra satelliti. Per ovviare all'inconveniente, SpaceX ha implementato un differente tipo di schermatura dielettrica che, però, sembra avere una efficacia ridotta nell'attenuare la luce solare riflessa verso il basso (riduzione di 0,7 magnitudini invece di 1,3, come spiegato in questo articolo). Le preoccupazioni, poi, sono ancora più grandi per la futura generazione di satelliti "Mega" Starlink che saranno molto più grandi degli attuali, tanto da richiedere appunto il lanciatore StarShip per essere messi in orbita!

 Va tuttavia sottolineato che, in parte, questi allarmi sono eccessivi e pretestuosi dal momento che i satelliti Starlink risiedono su orbite basse e il loro disturbo è quindi limitato al periodo che segue il tramonto o precede l'alba; nel resto della notte, a latitudini non troppo elevate, essi sono immersi nell'ombra terrestre oppure passano molto bassi sull'orizzonte senza disturbare troppo le osservazioni astronomiche, a differenza di altre costellazioni (ad esempio OneWeb) meno numerose ma su orbite più alte.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 58 volta/e Ultima modifica Sabato, 18 Giugno 2022 06:47

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Sorge la nuova torre orbitale L'ombra dell'Ingegno »
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:6 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora