Scritto: Lunedì, 01 Agosto 2022 05:55 Ultima modifica: Lunedì, 01 Agosto 2022 06:00

Il campo magnetico terrestre è collassato 550 milioni di anni fa


Più di mezzo miliardo di anni fa, la Terra ha subito un collasso quasi completo del suo campo magnetico. Cominciò nel primo periodo del Cambriano. Poi, dopo circa 15 milioni di anni, ha ripreso a crescere.

Rate this item
(4 votes)
Una rappresentazione della Terra prima che in nucleo interno iniziasse a formarsi circa 550 milioni di anni fa e la sua evoluzione.
Una rappresentazione della Terra prima che in nucleo interno iniziasse a formarsi circa 550 milioni di anni fa e la sua evoluzione.
Crediti: Università di Rochester / Michael Osadciw

Quindi, un gruppo di geologi ha studiato le antiche rocce dell'Oklahoma per comprendere le cause di quel crollo e del rimbalzo.
I marcatori magnetici nei minerali delle rocce hanno indicato un evento iniziato circa 550 milioni di anni fa, cioè prima che comparisse la vita multicellulare sul nostro pianeta.

Il campo magnetico terrestre nasce nel profondo del pianeta, generato dall'azione vorticosa del ferro liquido nel nucleo esterno. La sua struttura è assimilabile a quella di un dipolo magnetico, in cui i poli magnetici sono vicini ma non coincidenti con i poli geografici. Il campo magnetico protegge la vita sulla Terra dalle radiazioni dannose provenienti dallo spazio e dalla nostra stella e non chiaro quale sarebbe stata la sorte del nostro pianeta se non si fosse rimesso in moto.
"Il pianeta sarebbe molto più secco e molto diverso dal pianeta di oggi", ha sottolineato John Tarduno, professore di geofisica all'Università di Rochester a New York. "Questa ricerca evidenzia davvero la necessità di avere qualcosa come un nucleo interno in crescita che sostenga un campo magnetico per l'intera vita - molti miliardi di anni - di un pianeta".


Ma perché era sparito?

Secondo Tarduno era svanito o quantomeno ridotto a un 10 per cento della sua potenza usuale a causa della formazione del nucleo interno solido.
La Terra, come sappiamo, è fatta strati. C'è la crosta che è in sostanza la superficie dove viviamo; sotto c'è il mantello che lo strato più spesso della Terra e si trova sopra il nucleo esterno fuso, il quale a sua volta circonda il nucleo interno solido. 
"Il nucleo è estremamente importante", ha detto. "Subito prima che il nucleo interno iniziasse a crescere, il campo magnetico era sul punto di collassare ma non appena il nucleo interno ha iniziato a formarsi, il campo si è rigenerato".


Tracce nel paleomagnetismo 

In un recente articolo pubblicato su Nature Communications, Tarduno e colleghi citato date cruciali nella storia del nucleo interno. Hanno anche fornito una stima precisa dell'età in cui è avvenuto il crollo e la rigenerazione.
Dal momento che non possono raggiungere il centro del pianeta e osservarlo direttamente, il team ha utilizzato il paleomagnetismo, cioè lo studio dei marcatori magnetici nelle rocce che sono stati creati quando le rocce stesse si sono formate. I geologi li usano anche per tracciare le registrazioni di altri cambiamenti nel campo magnetico terrestre, come il capovolgimento dei poli.

La squadra voleva individuare l'età e la crescita del nucleo interno della Terra tramite il paleomagnetismo. Quindi, hanno usato un laser CO2 e un dispositivo superconduttore a interferenza quantistica (SQUID) per analizzare i cristalli di feldspato dall'anortosite.

Studiando il magnetismo racchiuso in quegli antichi cristalli, i ricercatori hanno determinato due nuove date importanti. La prima si riferisce a quando il campo magnetico ha iniziato a rafforzarsi dopo essere quasi crollato completamente 15 milioni di anni prima. Quella rapida ricrescita era dovuta alla formazione di un solido nucleo interno che ha anche ricaricato il nucleo esterno fuso e ripristinato la forza del campo magnetico. L'altra data interessante risale a circa 450 milioni di anni fa. Fu allora che la struttura del nucleo interno in crescita cambiò. Come risultato si formò un confine tra il nucleo interno e quello più esterno, mentre, molto al di sopra, avvenivano modifiche al mantello a causa della tettonica a placche.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 367 volta/e Ultima modifica Lunedì, 01 Agosto 2022 06:00

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2022

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 agosto. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora