Scritto: Sabato, 26 Novembre 2022 05:05 Ultima modifica: Sabato, 26 Novembre 2022 06:02

Una super-Terra davvero super


La super-Terra TOI-1075 b è stata scoperta dalla sonda Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA.

Rate this item
(3 votes)
Una super-Terra davvero super
Crediti: NASA/JPL-Caltech

I dati hanno rivelato che che TOI-1075 b ha una superficie surriscaldata a circa 1.050 gradi Celsius ed è probabilmente ricoperto di magma fuso. Queste condizioni estreme si verificano a causa della vicinanza del pianeta alla sua stella madre, la piccola stella nana arancione TOI-1075 a circa 200 anni luce dalla Terra. Ma oltre al clima torrido e all'orbita ultra-breve, che richiede solo 14,5 ore, il pianeta è anche uno dei più massicci della sua classe di esopianeti.
"Nuovi dati mostrano che TOI-1075 b è una delle super-Terre più massicce scoperte finora", ha detto la NASA nel comunicato.

La ricerca del team è stata accettata su The Astronomical Journal ed è disponibile su arXiv.


Esopianeti esotici

I ricercatori spesso etichettano gli esopianeti confrontandoli con i pianeti del Sistema Solare. Ad esempio, un gigante gassoso che orbitano vicino a un'altra stella viene definito "gioviano caldo". Le super-Terre, però, sono una classe particolare e affascinante perché non hanno eguali nel nostro Sistema Solare ma si ritiene siano piuttosto comuni nella Via Lattea. Sembrano essere pianeti rocciosi, come la Terra, con una massa tra 1,9 e 10 masse terrestri (M⊕) e alcuni si trovano all'interno delle zone abitabili delle loro stelle, una distanza che potrebbe consentire la formazione di acqua liquida sulla superficie.

TOI-1075 b ha un raggio pari a 1,8 di quello terrestre ma la sua massa è circa 10 volte quella del nostro pianeta. È troppo pesante per essere un mondo gassoso ed è probabile che sia roccioso, come Mercurio, Terra, Marte e Venere. Ha una densità di 9,32 grammi per centimetro cubo che è quasi il doppio della densità della Terra di 5,51 grammi per centimetro cubo. Questa particolarità lo rende un candidato ideale per sondare le teorie della formazione e dell'evoluzione planetaria.

I modelli suggeriscono che le Super-Terre delle dimensioni di TOI-1075 b normalmente dovrebbero avere un'atmosfera abbastanza densa di idrogeno ed elio. Ma la composizione densa di questo pianeta e l'orbita estremamente stretta rendono improbabile un'atmosfera del genere. Ciò rende TOI-1075 b un "pianeta chiave", dice la NASA, tra pochi altri finora, con misurazioni sufficientemente precise di dimensioni e massa per migliorare i modelli di formazione planetaria. Questo, a sua volta, aiuterà a prevedere con maggior precisione, se gli esopianeti possiedono un'atmsfera e la relativa composizione.

Scoperto grazie a un transito

I ricercatori hanno trovato questo mondo alieno attraverso il metodo di transito. Per rilevare i corpi celesti lontani come TOI-1075 b, TESS scansiona il cielo notturno alla ricerca di cambiamenti di luminosità. Se la luce di una stella si affievolisce periodicamente, potrebbe indicare la presenza di un pianeta extrasolare che blocca un po' di luce stellare mentre orbita e passa davanti alla sua stella madre rispetto alla Terra. Questa tecnica ha permesso alla missione di osservare il suo 5.000esimo esopianeta candidato, una pietra miliare speciale che TESS ha celebrato all'inizio di quest'anno.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 856 volta/e Ultima modifica Sabato, 26 Novembre 2022 06:02

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 2 febbraio. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB