Scritto: Martedì, 12 Luglio 2022 17:19 Ultima modifica: Mercoledì, 13 Luglio 2022 05:40

Le primizie di JWST (campo profondo e Nebulosa della Carena)


Le nuove immagini e gli spettri dal Webb Telescope aprono una nuova era, ora non ci sono dubbi!

Rate this item
(3 votes)
La fabbrica stellare di Eta Carinae
La fabbrica stellare di Eta Carinae
Crediti: NASA, ESA, CSA, and STScI

 Quelli presentati ieri notte ed oggi pomeriggio sono solo i primissimi assaggi, il risultato dei primi 5 giorni di attività scientifiche per il telescopio spaziale infrarosso destinato a rivoluzionare l'astronomia; essi bastano a capire l'enorme balzo in avanti compiuto, sia rispetto ai telescopi giganti sulla Terra che rispetto al caro vecchio telescopio Hubble.

 Cominciamo dall'immagine presentata intorno a mezzanotte dallo stesso stesso Joe Biden Kamala Harris, di cui ha già parlato Elisabetta Bonora. Qui ne mostriamo alcuni dettagli a piena risoluzione, ricordando che si tratta di una immagine "deep-field" ripresa con diversi filtri, per un tempo complessivo di esposizione pari a 12,5 ore.

SMACS 0723 detail

Crediti: NASA, ESA, CSA, and STScI - Processing: Marco Di Lorenzo

 Ricordiamo che quello che stiamo guardando è un ammasso di galassie (chiamanto SMACS 0723) posto a 4,6 miliardi di anni luce, pertanto questa luce è partita esattamente quando il nostro sistema solare stava nascendo! Inoltre, le galassie dalla tonalità arancione e dalla forma decisamente deformata sono ancora più remote (almeno il doppio) e il loro aspetto è distorto dalla gravità dell'ammasso antistante, che ne devia la luce e agisce come una enorme lente! JWST, utilizzando la tecnica "microshutter" della NIRCam, è riuscito a registrare lo spettro di due dui questi archi adiacenti, dimostrando che hanno lo stesso spettro e lo stesso spostamento verso il rosso; questo indica che sono immagini dello stesso oggetto, "clonato" dalla lente gravitazionale come in un miraggio!

SMACS 0723 arcs

Crediti: NASA, ESA, CSA, and STScI - Processing: Marco Di Lorenzo

 Inoltre, sempre grazie alle capacità spettrografiche di NRCam, sono state identificate in questo campo diverse galassie debolissime, particolarmente arrossate dall'effetto Doppler nelle righe spettrali; una di queste (figura sottostante) si è rivelata essere a ben 13,1 miliardi di anni luce, dunque una delle primissime galassie formatesi nell'Universo!

SMACS 0723 spectrum

 Crediti: NASA, ESA, CSA, and STScI - Processing: Marco Di Lorenzo

  Passiamo ora a un'altra meraviglia (l'ultima presentata oggi pomeriggio alla conferenza stampa della NASA). Stavolta si tratta di una regione decisamente più vicina (7600 anni luce) sede di intensa formazione stellare. La nebulosa NGC 3324, all'interno della celebre nebulosa Eta Carinae, anch'essa situata nell'emisfero meridionale come SMACS 0723. L'immagine completa, mostrata a risoluzione ridotta in apertura, è stata ripresa congiuntamente da NRICam e MIRI nel vicino e medio infrarosso. Qui sotto ne mostriamo alcuni dettagli intriganti a piena risoluzione.

Eta fullres det

Crediti: NASA, ESA, CSA, and STScI - Processing: Marco Di Lorenzo

 L'immagine è davvero mozzafiato e sembra quasi tridimensionale, l'apparenza di montagne scoscese illuminate dalla luna ha valso a questa struttura l'appellativo di "scarpate cosmiche". In realtà, vediamo il bordo della gigantesca cavità gassosa e i "picchi" più alti in questa immagine sono alti circa 7 anni luce. L'area cavernosa è stata scavata dalla nebulosa dall'intensa radiazione ultravioletta e dai venti stellari di giovani stelle estremamente massicce e calde, situate al centro della bolla, sopra l'area mostrata in questa immagine.

 La violenta radiazione ultravioletta delle giovani stelle sta scolpendo la parete della nebulosa erodendola lentamente. Alcuni "pillars" torreggiano resistendo a questa radiazione e il "vapore" che sembra salire da essi è costituito da gas ionizzato e polvere riscaldata. Webb rivela vivai stellari emergenti e singole stelle che sono completamente nascoste nelle immagini in luce visibile. Qui sotto, vediamo una visualizzazione alternativa del soggetto.

Eta alternativa

Crediti: NASA, ESA, CSA, and STScI - Processing: Marco Di Lorenzo

  A breve, nella seconda parte, presenteremo gli altri 3 affascinanti soggetti immortalati dal JWST in questa prima tornata...

Letto: 231 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 13 Luglio 2022 05:40

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 5 agosto. Statistiche sull...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora