Scritto: Venerdì, 28 Febbraio 2020 15:24 Ultima modifica: Giovedì, 12 Marzo 2020 16:33

La minaccia 2020 DR2


Al momento attuale questo nuovo asteroide, grande e veloce, mostra dei potenziali impatti con la Terra, ma la probabilità è bassa e le date sono comunque remote nel tempo. Aggiornamento

Rate this item
(2 votes)
Orbita di 2020 DR2 Orbita di 2020 DR2 Image Credit: NASA/JPL

Aggiornamento del 12 marzo: con l'aggiunta di 19 ulteriori osservazioni, il'incertezza sui parametri orbitali si è più che dimezzata e questo ha permesso di escludere definitivamente la possibilità di futuri impatti o anche solo di passaggi ravvicinati per almeno un secolo. Pertanto, già ieri pomeriggio l'oggetto è stato rimosso dalla lista dei potenziali impattatori secondo cneos.

Aggiornamento del 9 marzo: dopo 3 giorni senza aggiornamenti, l'auspicato calo la pericolosità è avvenuto: grazie a 10 nuove osservazioni e ad un incremento di 3 giorni nella finestra di tempo abbracciata, la conoscenza dell'orbita è sensibilmente migliorata e le probabilità di impatto sono scese notevolmente, soprattutto alla prima data del 2074. Naturalmente il valore sulla scala di Torino è diventato zero.

 2020 DR2 plots 0309

Data source: CNEOS/JPL/NASA - Processing/Plots: Marco Di Lorenzo

 Non succede spesso che un oggetto nella lista gestita dal "Center for Near Earth Objects Studies" (NEOS) del JPL raggiunga il primo livello di attenzione nella scala di Torino; in genere, ci si ferma sempre al livello zero che si traduce in "oggetto praticamente innocuo", mentre il livello 1 implica che l'oggetto merita un monitoraggio continuo, anche se la probabilità di impatto è comunque estremamente bassa. La scala di Torino, lo ricordiamo, è una classificazione qualitativa basata sulla probabilità di impatto e sulle dimensioni dell'oggetto; è stata introdotta nel 1999 durante lo svolgimento di una conferenza nella città piemontese e da allora la frequenza dei casi in cui si è raggiunto il livello 1 è stato inferiore a una volta l'anno, mentre solo il celebre Apophis si spinse brevemente fino al livello 4, alla fine del 2004.

 Torino scale

Descrizione delle varie fasce nella scala di Torino; nella figura in alto una croce indica la collocazione attuale dell'asteroide 2020 DR2 - Credits: encicprotezionecivile/themeter.net - Processing: Marco Di Lorenzo

 L'asteroide in oggetto si chiama 2020 DR2 ed è stato scoperto dal "solito" osservatorio Catalina lo scorso 20 Febbraio; un paio di giorni dopo, ha raggiunto la massima luminosità, con magnitudine apparente 17,75.  Essendo un oggetto di grosse dimensioni, con un diametro stimato di quasi 600 metri, è decisamente luminoso e in una settimana ha ricevuto oltre 160 osservazioni astrometriche, cosa che ha consentito di affinarne progressivamente l'orbita; in genere, questo affinamento riduce rapidamente la probabilità di impatto ma, in questo caso, è successo il contrario: mentre 6 giorni fa si contavano 14 potenziali date con una probabilità cumulativa di 2,0 ppm (parti per milione), ora le date si sono ridotte a 3 ma la probabilità totale di impatto è cresciuta a 11 ppm. Come si vede nella tabella sottostante, i due eventi più significativi (quelli che sono appunto nel primo livello della scala di Torino) cadono nel Settembre del 2074 e 2081. In caso di collisione con la Terra, data anche l'elevata velocità d'impatto (23,6 km/s), si svilupperebbe una energia dell'ordine di 19000 Mton, superiore all'intero arsenale nucleare mondiale!

2020 DR2 cneos impact

Potenziali impatti di 2020 DR2 tratti dal sito CNEOS - Credits: JPL/NASA

 Facciamo un confronto con quanto dice il sito "concorrente" europeo, il NEODyS:

2020 DR2 NEODyS impact

Potenziali impatti di 2020 DR2 tratti dal sito NEODyS - Credits: JPL/NASA

 Come si vede, le probabilità non sono molto diverse però c'è anche un impatto (poco probabile) nel 2076; i valori sulla scala di Palermo sono leggermente più alti.

 Cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi giorni? Sicuramente si aggiungeranno molte altre osservazioni, poiché l'asteroide si manterrà più luminoso della magnitudine 20 per quasi tutto il mese di Marzo e, peraltro, sta salendo dall'emisfero Sud a quello settentrionale. La conoscenza dell'orbita può e deve migliorare dal momento che, per ora, il "condition code" è ancora alto, pari a 8. Come conseguenza, lo scenario più probabile è che, raggiunto un picco, la pericolosità crollerà e 2020 DR2 potrebbe diventare alla fine innocuo. Anche se non dovesse andare così, c'è comunque tutto il tempo per decidere se e come intervenire per cambiare l'orbita di questo insidioso asteroide...

Altre informazioni su questo articolo

Read 1050 times Ultima modifica Giovedì, 12 Marzo 2020 16:33
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 2 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020]

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 3 Aprile sera)

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS