Scritto: Mercoledì, 04 Febbraio 2015 05:42 Ultima modifica: Mercoledì, 04 Febbraio 2015 06:39

M51a: nuove osservazioni di una galassia storica


Conosciuta e fotografata da oltre 200 anni, la galassia a spirale M51a, nota anche come Galassia Whirlpool, ha mostrato nuove caratteristiche mai osservate prima.

Rate this item
(0 votes)
M51a: nuove osservazioni di una galassia storica Credit: Aaron Watkins

I ricercatori della Case Western Reserve University, grazie al Burrell Schmidt Telescope CWRU del Kitt Peak National Observatory di Tucson, sono riusciti a catturare i deboli pennacchi che si estendono da nordest e sud con foto a lunga esposizione, riprese nei mesi di febbraio, marzo e aprile 2010 e 2012. Le immagini forniscono nuovi dettagli sulla coda nordovest, lunga circa 120.000 anni luce e mostrano una mancanza di stelle nel pennacchio a sudest.

"Queste caratteristiche potranno essere utilizzate nei modelli di M51 per comprendere la sua storia e quando ha iniziato ad interagire con la sua galassia compagna", ha detto Aaron Watkins, PhD presso il dipartimento di astronomia presso Case Western Reserve e autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal Letters.

M51a - Credit: NASA/HubbleM51 si trova a 31 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione boreale dei Cani da Caccia: si estende da 50mila  a 100mila anni luce ed è una delle galassie più luminose nel cielo, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. Nota anche come Messier 51a, fu scoperta da Charles Messier il 13 ottobre del 1773.
E' la galassia più grande dell'oggetto denominato M51: la galassia compagna, NGC 5195 (o M51b), è parzialmente coperta da un braccio di polvere della spirale con il quale interagisce ed è stata scoperta da Pierre Méchain nel 1781.

"Nessun astronomo era ancora riuscito a prendere un'immagine con questa profondità", ha dichiarato Watkins.
Il team ha filtrato la luce per 10 ore per rilevare le stelle più giovani ed altre 10 ore concentrandosi su quelle più vecchie, fondendo poi le due esposizioni, per un totale di 20 ore.

Il pennacchio nordovest fu osservato già nel 1970 ma con una tecnologia limitata. E' dominato da stelle anziane ed ha poco gas, forse è stato creato dall'interazione del disco esterno di M51 con un'altra galassia 200 milioni di anni luce o più. Il pennacchio a sud, invece, è considerato una vera stranezza: non è morfologicamente attinente al resto della galassia ed è completamente privo di gas; ha pochissime stelle e quindi è molto debole. Un'ipotesi è che possa essere una reliquia di una terza galassia satellite, una volta era legata a M51. Il pennacchio nordest ha quasi la stessa luminosità ed "è impossibile dire come si sia formato", ha detto Watkins.

Ora, gli astronomi cercheranno di migliorare ancora il dettaglio delle osservazioni: il pennacchio nordovest potrebbe essere un buon candidato per il telescopio spaziale Hubble.

Letto: 1887 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 04 Febbraio 2015 06:39
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista