Scritto: Lunedì, 11 Novembre 2013 06:01 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14

Conclusa la missione ESA GOCE: rientro perfetto


Il satellite dell'ESA GOCE ha terminato definitivamente la sua attività questa notte, ricadendo sul pianeta che ha studiato per quattro anni (ne abbiamo seguito il rientro passo per passo "ESA GOCE: POCHE ORE AL RIENTRO").

In base a quanto riportato dall'Agenzia Spaziale Europea, GOCE è rientrato nell'atmosfera terrestre alle 00:00 UTC di lunedì 11 novembre, mentre era in volo sulla traiettoria della Siberia, dell'Oceano Pacifico occidentale, dell'Oceano Indiano orientale e dell'Antartide.

Rate this item
(0 votes)

ESA GOCE

Credit: ESA/HPF/DLR

Il satellite dell'ESA GOCE ha terminato definitivamente la sua attività questa notte, ricadendo sul pianeta che ha studiato per quattro anni (ne abbiamo seguito il rientro passo per passo "ESA GOCE: POCHE ORE AL RIENTRO").

In base a quanto riportato dall'Agenzia Spaziale EuropeaGOCE è rientrato nell'atmosfera terrestre alle 00:00 UTC di lunedì 11 novembre, mentre era in volo sulla traiettoria della Siberia, dell'Oceano Pacifico occidentale, dell'Oceano Indiano orientale e dell'Antartide.

Leggermente diversi i dati riportati invece dall'USSTRATCOM (United States Strategic Command) che ne hanno stimato il rientro alle 00:16 UTC +/-1 minuto, a 360 chilometri dalla punta più sud-orientale del Sud America e a 410 chilometri a sud delle Isole Falkland.

Ad ogni modo GOCE si è disintegrato quasi completamente entrando in atmosfera e non è stato riportato alcun danno a cose o persone.

Il satellite di circa 5,3 metri di lunghezza e 1 metro di larghezza, pesava circa 1.100 chilogrammi.
La sua forma aerodinamica, appositamente studiata per lavorare in un'orbita bassa, inferiore ai 270 chilometri, ha permesso un rientro perfettamente controllato: d'altra parte GOCE era già abituato a fare i conti con un'altitudine in cui l'atmosfera terrestre era ancora in grado di creare resistenza.
Così, nonostante avesse esaurito lo xeno e quindi perso il proprio sistema di propulsione lo scorso 21 ottobre, è riuscito comunque a "navigare" dolcemente fino alla fine, continuando a trasmettere dati. La temperatura del computer di bordo è rimasta infatti entro limiti accettabili durante tutta la fase del rientro.

I funzionari dell'ESA hanno confermato le stime iniziali: circa il 25% della massa deve aver raggiunto la superficie.

D'altra parte GOCE è solo l'ultimo esempio di detrito spaziale ricaduto sulla Terra: basta ricordare i più recenti UARS della NASA, seguito poco dopo dal ROSAT tedesco nel 2011 e la sonda russa Phobos-Grunt, destinata per Marte, il cui lancio fallì a gennaio 2012.
Ma la statistica sembra esserre positiva. Heiner Klinkrad, capo dell'ESA Space Debris Office, sottolinea:
"Nei 56 anni di volo spaziale, circa 15.000 tonnellate di oggetti spaziali artificiali sono rientrati nell'atmosfera senza causare un solo infortunio umano fino ad oggi".

Read 2209 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 2 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 3 Aprile sera [Last update: 04/03/2020]

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 3 Aprile sera)

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS