Scritto: Lunedì, 20 Maggio 2013 20:54 Ultima modifica: Giovedì, 23 Maggio 2013 06:35

Secondo foro per Curiosity: prelevato un campione di polvere da Cumberland


Dopo giorni di studio e scatti ravvicinati con il MAHLI, il 19 maggio, durante il sol marziano 279, Curiosity ha utilizzato il trapano per la seconda volta, prelevando un campione di polvere dalla roccia chiamata Cumberland.

Nel prossimi giorni la polvere verrà consegnato agli strumenti del rover.

Rate this item
(0 votes)

Dopo giorni di studio e scatti ravvicinati con il MAHLI, il 19 maggio, durante il sol marziano 279, Curiosity ha utilizzato il trapano per la seconda volta, prelevando un campione di polvere dalla roccia chiamata Cumberland.

Nel prossimi giorni la polvere verrà consegnato agli strumenti del rover.

Questo secondo foro è stato voluto dagli scienziati per confermare gli importanti risultati ottenuti dalle analisi della prima perforazione su John Klein di tre mesi fa.

I dati testimonierebbero diversi episodi di acqua nel cratere Gale: un ambiente di acqua dolce con gli ingredienti e l'energia giusta per sostenere la vita.

Cumberland si trova 2,75 metri ad ovest rispetto a John Klein: entrambe le rocce sono piatte con venature chiare e una superficie irregolare, inserite nel pavimento della depressione di Yellowknife Bay.

Curiosity sol 275 MAHLI 3d - Cumberland patch

Curiosity sol 275 MAHLI 3d - Cumberland patch
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Curiosity sol 277 MAHLI 3d - Cumberland patch

Curiosity sol 277 MAHLI 3d - Cumberland patch
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il nuovo foro è di circa 1,6 centimetri di diametro per 6,6 centimetri di profondità e sembra aver prodotto una polvere meno ossidata, simile a quella della perforazione su John Klein.

Il primo campione raccolto, proprio per questa sua caratteristica, aveva generato non poco entusiasmo.
"E 'molto emozionante per noi sapere che basta spazzolare questa copertura superficiale e le rocce sotto sono di un colore completamente diverso", aveva detto Joel Hurowitz, scienziato del sistema di campionamento di Curiosity, al Jet Propulsion Laboratory, Pasadina, California.
"Stiamo assistendo ad una colorazione del tutto nuova per Marte ed è eccitante," aveva aggiunto John Grotzinger della Caltech, specificando: "A parità di condizioni è meglio avere un colore grigio piuttosto che rosso perché l'ossidazione è una cosa che può distruggere i composti organici".

L'immagine seguente, enfatizzata, mostra il foro su Cumberland ed è stata ottenuta utilizzando diversi scatti del MAHLI disponibili nel catalogo ufficiale:

Curiosity MAHLI Sol 279 Cumberland drill

Curiosity MAHLI Sol 279 Cumberland drill
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Tuttavia, i colori e le variazioni dei granelli di polvere sembrano presentare sfumature e consistenze leggermente diverse rispetto al prodotto della perforazione su John Klein ma per saperne di più dovremmo aspettare i risultati delle prossimi analisi.
Di seguito, un'immagine della prima perforazione su John Klein per un primo confronto visivo:

CURIOSITY sol 182 MAHLI John Klein drill

CURIOSITY sol 182 MAHLI John Klein drill
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

D'altra parte, Cumberland e John Klein sembrano avere anche qualche differenza: il nuovo target potrebbe essere più resistente all'erosione, con maggiori asperità superficiali, concrezioni e grumi minerali, forse depositati dall'acqua molto tempo fa.

Secondo il programma, Curiosity trascorrerà un mese o più nel sito di Cumberland, per poi riprendere il suo viaggio verso il Monte Sharp, l'alto tumulo di circa 5 chilometri, che domina il centro del cratere Gale.

Curiosity MAHLI Sol 279 Cumberland anaglyph

Curiosity MAHLI Sol 279 Cumberland anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Curiosity MAHLI Sol 279 3d - Cumerland

Curiosity MAHLI Sol 279 3d - Cumerland
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Letto: 2163 volta/e Ultima modifica Giovedì, 23 Maggio 2013 06:35
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista