Scritto: Lunedì, 08 Giugno 2020 11:22 Ultima modifica: Lunedì, 08 Giugno 2020 11:40

Ammazza la talpa!


Il titolo ricorda il gioco in cui si deve colpire l'animale con un martello, qui si è usata la pala meccanica del braccio robotico di Insight per spingere sulla sommità della sonda termica dello strumento HP3 (detto familiarmente "talpa") fino a farlo sprofondare completamente nel terreno !

Rate this item
(0 votes)
A sinistra, una immagine ripresa dalla fotocamera IDC alla fine della sessione di hammering, a destra la situazione ripresa con l'altra fotocamera ICC la mattina del giorno dopo A sinistra, una immagine ripresa dalla fotocamera IDC alla fine della sessione di hammering, a destra la situazione ripresa con l'altra fotocamera ICC la mattina del giorno dopo Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Marco Di Lorenzo

 Come illustrato nell'articolo pubblicato ieri, questa operazione decisamente drastica dovrebbe avere risolto definitivamente il problema della mancata penetrazione nel terreno da parte della talpa, attribuita essenzialmente alla mancanza di una frizione sufficiente tra la sonda e il materiale circostante. A detta del responsabile dell'agenzia spaziale tedesca che ha realizzato lo strumento, fino a sabato la pala era ancora leggermente al di sopra del livello del terreno, con la sommità della talpa che sporgeva di circa 1 cm; sabato scorso, la pala è stata leggermente sollevata e poi riposizionata sulla talpa; in seguito, è stata effettuata una ultima sessione di "hammering" (martellamento) da parte della talpa, contestualmente all'abbassamento della pala che spingeva su di essa. Questo ha portato il fondo della pala a diretto contatto con il terreno; adesso la talpa dovrebbe avere raggiunto lo strato più duro e profondo di regolite e il prossimo passo sarà quello di ricoprirla con uno strato di terreno su cui esercitare inizialmente la pressione della parte piatta della pala, al fine di aumentare la compattezza del terreno e agevolare ulteriormente la penetrazione. In alternativa, si potrebbe tentare di accompagnare ancora la discesa per qualche ulteriore centimetro nel buco, utilizzando stavolta la lama della pala, una operazione molto delicata che richiede ancora maggiore precisione per non danneggiare il cavo che collega la talpa al resto dello strumento.

Altre informazioni su questo articolo

Read 142 times Ultima modifica Lunedì, 08 Giugno 2020 11:40
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
More in this category: « NGC6441 Giochiamo a fare docking! »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/8/20 - Sol 607] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 agosto [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista