Scritto: Giovedì, 14 Gennaio 2021 05:35 Ultima modifica: Sabato, 16 Gennaio 2021 16:11

Come percepiamo i suoni su Marte?


Sicuramente in modo un po' diverso rispetto alla Terra perché l'atmosfera del Pianeta Rosso è densa solo l'1% dell'atmosfera terrestre in superficie ed ha una composizione diversa, che influenza la propagazione dei suoni.

Rate this item
(1 Vote)
Come percepiamo i suoni su Marte? Crediti: NASA/JPL-Caltech

Ma la discrepanza non dovrebbe essere poi così rilevante: sicuramente sarebbe meno evidente della voce di qualcuno prima e dopo l'inalazione di elio da un palloncino, spiega la NASA.

Il rover Perseverance, che atterrerà su Marteì il prossimo 18 febbraio 2021, ha a bordo 2 microfoni: uno per registrare i suoni durante la discesa (EDL - Entry, Descent, Landing), l’altro come parte integrante della SuperCam.
Il primo è già stato acceso per un test durante il viaggio a novembre 2020. Potrà catturare il rumore dei dispositivi meccanici attivati durante l'atterraggio, il vento marziano, lo scricchiolio delle ruote sulla superficie sabbiosa del pianeta. Questo è un normalissimo microfono che si trova in commercio ma con una piccola modifica: "Abbiamo messo una piccola griglia all'estremità del microfono per proteggerlo dalla polvere marziana", ha spiegato Dave Gruel, responsabile dell'assemblaggio, test e lancio del rover Mars 2020 e responsabile della videocamera e del microfono EDL al JPL. Il secondo è integrato con la fotocamera posizionata in cima all'albero del rover e sarà utilizzato per la scienza, per registrare l'audio di Perseverance ed i suoni naturali su Marte. Così come la SuperCam, potrà essere ruotato in direzione di una potenziale sorgente sonora.

Il microfono, uno strumento così comune e semplice, è una grande novità per le missioni su Marte perché, finora, è stato incluso solo due volte nei payload. Uno fu fornito dalla Planetary Society per la missione Mars Polar Lander della NASA nel 1999 ma sfortunatamente la sonda si schiantò sulla superficie del Pianeta Rosso; l'altro, era integrato nella fotocamera di discesa del lander Phoenix nel 2007 ma non venne mai acceso a causa di un potenziale problema elettronico.

Ora, la NASA ha creato una pagina web per ascoltare come i suoni più comuni che conosciamo sulla Terra potrebbero sentirsi su Marte. Il cinguettio degli uccelli, il segnale acustico di un camion in marcia indietro, il campanello di una bicicletta, la musica ... noterete che le differenze sono sottili.

 

Un'esperienza unica

I membri del team SuperCam hanno costruito questa esperienza interattiva basandosi sui modelli teorici di propagazione del suono dell'atmosfera marziana.
Baptiste Chide, un ricercatore in scienze planetarie presso il JPL che ha collaborato al microfono della SuperCam, ha detto: “I suoni su Marte sono leggermente diversi da quelli sulla Terra a causa della composizione atmosferica e delle sue proprietà. Tutti i suoni avranno un volume inferiore a causa della bassa pressione. Inoltre, i toni a frequenza più alta saranno fortemente attenuati dalle molecole di anidride carbonica. Nel complesso, sarebbe come ascoltare attraverso un muro".

Tre sono le differenze principali:

  1. Temperatura. L'atmosfera marziana più fredda abbassa la velocità con cui le onde sonore raggiungono il microfono. Se la sorgente sonora fosse vicino al microfono probabilmente non si noterebbe troppa differenza.
  2. Densità. Poiché l'atmosfera marziana è molto meno densa della nostra, influenzerà il modo in cui le onde sonore viaggiano dalla sorgente fino al punto di ascolto. "I suoni saranno probabilmente più silenziosi su Marte", dice la NASA "con meno segnale e rumore rilevabile. Potrebbe essere più difficile sentire i rumori deboli e anche quelli più forti".
  3. Composizione dell'atmosfera. Dato che l'atmosfera di Marte è principalmente anidride carbonica (l'atmosfera terrestre è composta principalmente da azoto e ossigeno), i rumori a frequenza più alta saranno probabilmente più attenuati dei toni bassi.

Qualunque cosa si scopra con questi esperimenti "penso che sarà davvero bello sentire i suoni di un altro pianeta", ha commentato Gruel.
"La registrazione di suoni udibili su Marte è un'esperienza unica", ha aggiunto Chide. “Con i microfoni a bordo di Perseverance, aggiungeremo un quinto senso all'esplorazione di Marte. Aprirà una nuova area di indagine scientifica sia per l'atmosfera che per la superficie".

I primi suoni marziani potrebbero essere trasmessi sulla Terra e resi disponibili al pubblico entro pochi giorni dall'atterraggio. Stay listening! :)

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 59 volta/e Ultima modifica Sabato, 16 Gennaio 2021 16:11
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « La NASA ascolta Perseverance

1 commento

  • Comment Link Massimo Martini Venerdì, 15 Gennaio 2021 00:37 posted by Massimo Martini

    L'aggiunta dei microfoni non farà che rendere ancora più 'reale' le missioni marziane! E' un vero peccato non aver potuto ascoltare prima i suoni di un altro pianeta.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista