Scritto: Venerdì, 24 Giugno 2022 05:14 Ultima modifica: Venerdì, 24 Giugno 2022 12:41

Dal Mars Reconnaissance Orbiter una mappa arcobaleno di Marte


La mappa arcobaleno copre la stragrande maggioranza del pianeta, mostrando le dozzine di minerali trovati sulla sua superficie di Marte e verrà rilasciata completamente nell'arco di sei mesi.

Rate this item
(1 Vote)
Una mappa quasi globale di Marte, composta da quasi 51.000 strisce di mappatura mosaicate in 1.764 tessere. Qui la superficie è mostrata a lughezze d'onda da infrarosso a onde corte. Altre 100 tessere in ciascuna regione polare, non incluse qui, vengono elaborate separatamente. La mappa mostra modelli familiari di luminosità della superficie su larga scala, in gran parte governati dalla distribuzione della polvere portatrice di ossido di ferro rosso brillante. Le regioni più scure e relativamente prive di polvere sono costituite da roccia crostale frammentata dagli impatti e sabbia portata dal vento. A destra il mosaico di tessere 2 x 2 bordato di giallo nella mappa a sinistra. Il riquadro mostra mostra i dati raccolti sulla regione di Nili Fossae.
Una mappa quasi globale di Marte, composta da quasi 51.000 strisce di mappatura mosaicate in 1.764 tessere. Qui la superficie è mostrata a lughezze d'onda da infrarosso a onde corte. Altre 100 tessere in ciascuna regione polare, non incluse qui, vengono elaborate separatamente. La mappa mostra modelli familiari di luminosità della superficie su larga scala, in gran parte governati dalla distribuzione della polvere portatrice di ossido di ferro rosso brillante. Le regioni più scure e relativamente prive di polvere sono costituite da roccia crostale frammentata dagli impatti e sabbia portata dal vento. A destra il mosaico di tessere 2 x 2 bordato di giallo nella mappa a sinistra. Il riquadro mostra mostra i dati raccolti sulla regione di Nili Fossae.
Crediti: NASA/JPL/Caltech/Johns Hopkins APL - Processing: Marco Di Lorenzo

Il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA ha mappato i minerali sul Pianeta Rosso per 16 anni, con il suo spettrometro Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM). Questo strumento fotografa la superficie a lunghezze d'onda dal visibile all'infrarosso, indentificando i diversi minerali, inclusi quelli alterati dall'acqua. Questi dati sono stati fondamentali per aiutare gli scienziati a capire come i laghi, i corsi d'acqua e le acque sotterranee hanno plasmato il pianeta miliardi di anni fa. La NASA ha anche utilizzato queste informazioni per selezionare i siti di atterraggio per altri veicoli spaziali, come il cratere Jezero dove il rover Perseverance della NASA sta esplorando il delta di un antico fiume. Ora, il team CRISM ha messo insieme circa 51.000 strisce lunghe 540 chilometri che coprono 86 per cento della superficie del Pianeta Rosso, in una mappa multicolore da 5,6 gigapixel.

I primi 48 dei 1.764 tasselli che compongono la mappa sono stati rilasciati questa settimana dal Planetary Data System (PDS) della NASA. Questo primo set copre cinque delle regioni scientificamente più interessanti di Marte.
Il team prevede di rilasciare i restanti 1.716 segmenti in lotti, nei prossimi sei mesi da alternare al rilascio di routine delle immagini di MRO al PDS.

marte dettagli mappa crism

Un montaggio a quattro pannelli che mostra diversi aspetti del mosaico di tessere composto con dati raccolti nella regione di Nili Fossae.
In alto a sinistra: una resa cromatica naturale approssimativa della superficie di Marte. In alto a destra: un colore composito che mostra variazioni nella mineralogia del ferro, con l'ossido di ferro che appare rosso, i minerali contenenti ferro (ad es. olivina, pirosseno ad alto contenuto di calcio) in blu e pirosseno a basso contenuto di calcio in ciano. In basso a sinistra: argille fillosilicatiche ricche di ferro e magnesio alterate con acqua, nonché alcuni carbonati, con colori caldi che indicano una caratteristica più forte. In basso a destra: un colore composito che mostra variazioni di minerali ignei inalterati, con olivina (rosso), pirosseno a basso contenuto di calcio (verde), pirosseno ad alto contenuto di calcio (blu) e miscele minerali (altri colori non primari).
Crediti: NASA/JPL-Caltech/Johns Hopkins APL

 

Nuova mappa, nuove scoperte

Nel corso degli anni, CRISM si è fatto un nome per le sue circa 33.000 osservazioni mirate ad alta risoluzione, ognuna delle quali copre solo circa 10 × 10 chilometri quadrati della superficie di Marte in tutti i 544 colori. Ma per quasi 11 anni, lo strumento ha anche raccolto circa 83.000 strisce di mappatura a bassa risoluzione: scansioni di immagini lunghe ciascuna fino a 540 chilometri, larghe 10 chilometri e composte da soli 72 colori, fornendo un contesto globale non disponibile nelle osservazioni mirate a risoluzione più elevata. Nel corso degli anni, il team ha messo a punto un metodo per elaborare e gestire questa immensa mole di dati.

"Per un singolo riquadro, il processo di ottimizzazione potrebbe richiedere solo cinque ore in alcuni casi eccezionali, ma a volte può richiedere più di un giorno", ha affermato Katie Hancock, membro del team CRISM, sviluppatrice software presso l'APL. Costruire una mappa dell'intero pianeta, ha detto, richiede circa un mese per un cluster di computer.

Il team ha prodotto finora 48 segmenti di mappa, ciascuno composto da dozzine di singole strisce di mappatura acquisite nel corso di molti anni e in varie condizioni. Il set per ogni piastrella include una raccolta di mappe, ognuna delle quali rivela qualcosa di diverso sulla composizione mineralogia di Marte.

"Si tratta effettivamente di un set di dati completamente nuovo che alimenterà una seconda ondata di scoperte sulla composizione della superficie di Marte", ha detto  Scott Murchie, scienziato planetario presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (APL) nel Maryland e ricercatore principale CRISM. "In effetti, uno degli obiettivi della prossima missione estesa dell'MRO è che la sua telecamera HiRISE torni indietro e riprenda a colori le centinaia di nuovi punti prioritari di alta scienza che stiamo trovando sulla mappa, punti che non sono stati ripresi ad alta risoluzione perché la loro importanza non era nota”.

Dopo così tanti anni di operatività, lo strumento CRISM è entrato nella fase di chiusura: ha terminato l'ultima acquisizione di dati pianificata a maggio e rimarrà operativo solo nel caso in cui venga scoperto qualcosa di interessante che richiedere uno sguardo più approfondito.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 82 volta/e Ultima modifica Venerdì, 24 Giugno 2022 12:41

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Storia di un antico flusso d'acqua su Marte
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:6 luglio 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 luglio ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 luglio. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora