Scritto: Sabato, 24 Settembre 2022 06:45 Ultima modifica: Sabato, 24 Settembre 2022 06:48

Solar Orbiter ha visto l'anidride carbonica fuggire da Venere


I dati rilevati dalla sonda solare europea Solar Orbiter durante i gravity assist attorno a Venere, stanno aiutando gli scienziati a scoprire come il vento solare interagisce con l'atmosfera del pianeta.

Rate this item
(2 votes)
Solar Orbiter ha visto l'anidride carbonica fuggire da Venere
Crediti: ESA

"Venere è stata visitata da molte missioni in precedenza ma nessuna di queste ha effettivamente potuto misurare in dettaglio i dati del campo elettrico attorno a Venere", ha detto Lina Hadid, fisica del plasma spaziale all'École Polytechnique di Parigi. "Inoltre, non molte di esse sono state in grado di identificare in dettaglio la composizione ionica nella magnetosfera di Venere. E così [con le nuove misurazioni del Solar Orbiter], per la prima volta, possiamo effettivamente studiare in dettaglio le fluttuazioni del campo magnetico e del campo elettrico [intorno al pianeta]".

Solar Orbiter sta inviando immagini spettacolari del Sole, estremamente ravvicinate. Il veicolo spaziale effettua regolari sorvoli ravvicinati di Venere, utilizzando la gravità del pianeta per inclinare la sua orbita fuori dal piano dell'eclittica. Queste manovre consentono alla sonda di raggiungere una visuale unica sui poli solari che svolgono un ruolo chiave nella generazione del campo magnetico della nostra stella.

Finora, Solar Orbiter ha effettuato tre sorvoli di Venere, che hanno portato a scoperte affascinanti sul magnetismo del pianeta. A differenza della Terra, Venere non ha un campo magnetico intrinseco generato dal movimento del metallo fuso nel nucleo. Il pianeta, tuttavia, ha quello che gli scienziati chiamano un campo magnetico indotto, un debole scudo magnetico generato dall'interazione tra il vento solare e l'atmosfera del pianeta.

Durante i suoi precedenti sorvoli, Solar Orbiter ha scoperto che questo campo magnetico si estende per almeno 300.000 chilometri nello spazio e potrebbe accelerare le particelle dall'atmosfera di Venere a velocità sbalorditive di oltre 8 milioni di chilometri orari. Queste particelle sovralimentate, ha detto Hadid, a volte possono essere strappate via dal vento solare che, nel corso di milioni di anni, porta a cambiamenti nella composizione chimica dell'atmosfera di Venere. "Con queste nuove osservazioni, potremmo vedere la presenza di molecole di anidride carbonica al di fuori della ionosfera di Venere", ha detto Hadid, riferendosi allo strato esterno dell'atmosfera del pianeta dove i gas sottili interagiscono con le particelle del Sole. "Ciò significa che questi ioni pesanti di carbonio e ossigeno possono fuoriuscire dalla ionosfera e farsi trasportare dal vento solare".

Si ritiene che un altro pianeta del Sistema Solare abbia perso la sua atmosfera molto tempo fa dopo l'indebolimento del suo campo magnetico: Marte. È possibile che Venere, oggi nota per le sue dense nubi di anidride solforosa e le concentrazioni estremamente elevate di anidride carbonica che riscaldano il pianeta a oltre 475 gradi Celsius, possa un giorno apparire molto diversa. "Osservare il carbonio che fuoriesce dall'atmosfera del pianeta, potrebbe permetterci di stimare quanto carbonio aveva questo pianeta, ad esempio, milioni di anni fa, e come l'interazione con il vento solare ha portato alla perdita di quelli ioni dall'atmosfera di Venere su scale temporali molto ampie", ha detto Hadid. Tuttavia, passerà molto tempo prima che una mancanza di anidride carbonica si faccia sentire, visto che ora la molecola costituisce oltre il 96% dell'aria di Venere in volume, perché il pianeta possa diventare presto più favorevole alla vita.

Hadid ha aggiunto che studiando l'interazione di Venere con il vento solare e confrontandola con quella della Terra, gli scienziati planetari possono apprendere preziose lezioni che potrebbero utilizzare in futuro nella loro ricerca di pianeti abitabili al di fuori del Sistema Solare.

Solar Orbiter ha ancora cinque passaggi ravvicinati su Venere prima che la sua missione finisca all'inizio degli anni '30 e ciò significa maggiori opportunità di studiare le complessità dell'interazione del vento solare con il gas denso che circonda Venere. Queste osservazioni si aggiungeranno a quelle delle future missioni già pianificato: DAVINCI+ e VERITAS della NASA e EnVision dell'ESA e altre iniziative finanziate da privati, come Life Finder.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 3454 volta/e Ultima modifica Sabato, 24 Settembre 2022 06:48

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 dicembre. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB