Scritto: Lunedì, 28 Ottobre 2013 20:21 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14

Satellite ESA GOCE aggiornamento: poche settimane al rientro in atmosfera


Il satellite dell'ESA GOCE (Gravity Field and Steady State Ocean Circulation Explorer) è in "caduta libera" dal 21 ottobre e presto i suoi detriti potrebbero arrivare sulla Terra tra la seconda e la terza settimana di novembre.

Questo sarà il primo rientro incontrollato di un satellite dell'ESA dalla missione Isee-2, nel 1987.

Rate this item
(0 votes)

 ESA GOCE

Credit: ESA/HPF/DLR

Il satellite dell'ESA GOCE (Gravity Field and Steady State Ocean Circulation Explorer) è in "caduta libera" dal 21 ottobre e presto i suoi detriti potrebbero arrivare sulla Terra tra la seconda e la terza settimana di novembre.

Questo sarà il primo rientro incontrollato di un satellite dell'ESA dalla missione Isee-2, nel 1987.

Secondo le stime, fino al 25% della massa di GOCE, pari a circa 250 chilogrammi, sopravviverebbe al rientro e i detriti potrebbero arrivare a terra distribuiti tra 40 - 50 frammenti. Ma dato che i due terzi della Terra sono coperti da oceani e da vaste aree scarsamente popolate, i funzionari dell'Agenzia Spaziale Europea sono ottimisti e valutano il rischio di danni a cose o persone molto basso.

A metà settembre era stata annunciata la fine della missione quadriennale: gli esperti aveva previsto l'esaurimento dello xeno, utilizzato dal sistema di propulsione, tra il 16 e il 17 ottobre. Una previsione quasi perfetta.

Lanciato il 17 marzo 2009, GOCE è un satellite di osservazione della Terra dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea) con l'obiettivo di produrre una mappa ad alta precisione e risoluzione del geoide terrestre mediante una misura globale del campo gravitazionale. Per questo motivo il satellite operava in un'orbita bassa, inferiore ai 270 chilometri, un'altitudine in cui l'atmosfera terrestre è ancora in grado di creare resistenza. Qui, entrava in gioco il sistema di propulsione ionica allo xeno, fondamentale per mantenere la quota.

Senza propulsione, GOCE sta entrando lentamente in un orbita di decadimento, rallentato proprio dalla resistenza degli strati più alti e rarefatti della nostra atmosfera.

Il satellite, di 1.100 chilogrammi, lungo circa 5,3 metri, ha tuttavia una forma aerodinamica che gli permetterà di assumere una posizione stabile durante l'inserimento in atmosfera, e di mantenerla probabilmente fino alla disintegrazione.

Quando arriverà ad una quota inferiore ai 200 chilometri, allora la sua velocità aumenterà in accordo con lo stato attuale dell'atmosfera, che si espande e si contrae influenzata dall'attività solare.

Tra i 120 e i 100 chilometri di quota inizierà la fase distruttiva: l'attrito provocherà calore e le forse aerodinamiche porteranno alla disgregazione del satellite.

Dopo la distruzione, la maggior parte dei componenti saranno innocui e bruceranno nell'atmosfera ma dal 20 al 40% della massa totale (stime più accurate parlano del 25%) potrebbe raggiungere il suolo: il serbatoio, i magneto-torquers MTR e una serie di frammenti minori non riconoscibili.

 ESA GOCE

Credit: ESA

Prevedere con esattezza quando e dove cadranno i detriti è ancora difficile, tutto dipende da molti fattori e variabili.
Le prime stime saranno disponibili alcuni giorni prima del rientro ma avranno ancora un certo margine di errore.
Bisognerà attendere proprio il giorno precedente per avere informazioni precise e le previsioni diventeranno più accurate solo con due ore di anticipo.

GOCE era in un'orbita circolare polare eliosincrona di 283 chilometri e questo fa si che, al suo rientro, potrebbe cadere in qualsiasi punto della Terra.

Scendendo di quota, il satellite potrà essere facilmente osservato in cielo e apparirà come un puntino luminoso e veloce.
Potrete usare siti come heavens-above.com per seguirne le orbite.
Nel momento in cui si disintegrerà, lascerà una scia incandescente e i frammenti saranno ben visibili da Terra.

Il suo rientro è comunque seguito da una campagna globale di osservazione che coinvolge Inter-Agency Space Debris Coordination Committee (IADC) e il Space Debris Office dell'ESA che emetterà costantemente previsioni e le valutazioni dei rischi.

Read 3461 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS